lunedì 7 agosto 2017

Errana

Tennis: Sara Errani, doping in brodo "Colpa del cibo, coscienza a posto"

Sarita su Twitter si difende dopo la squalifica per due mesi: “Colpa di un medicinale che mia madre assume dal 2012: l’unica ipotesi è una contaminazione del cibo. Sono molto arrabbiata ma so di non aver fatto niente di male”


Sì però come c***o cucina la mamma della Errani se fa finire un farmaco anti-tumorale nei tortellini. Che nessuno accetti inviti a cena da parte di questa cuoca - distratta - che fa terminare nel piatto dei convenuti sostanze inappropriate e velenose. Oppure la scusa della tennista romagnola è l'ennesima motivazione astrusa per non ammettere l'assunzione di farmaci dopanti. In questo simile caso fu decisamente più dignitoso il pianto di Ben Johnson che nel lontano 1988 abbandonò in lacrime le Olimpiadi di Seul dopo essere stato sgamato. La Sarita si trova nella fase anagraficamente calante della carriera e, dopo aver vinto nel doppio tutti i tornei del Grande Slam, potrebbe non aver accettato quella curva discendente del suo naturale declino. In ogni caso, un personaggio dalla fama (supposta e) infranta.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.