venerdì 30 giugno 2017

Gaglia

E' facile sbagliare, è successo a Roberto Gagliardini nella semifinale europea U21. Ma è ancor più difficile ammettere pubblicamente l'errore. Il centrocampista nerazzurro ha fatto pubblica ammenda sul suo profilo Istangram. Coraggioso da parte sua non aver paura di utilizzare dignità e carattere, auspicando possano trasformarlo in quel mediano metodista di cui l'Inter ha uno straordinario bisogno.

giovedì 29 giugno 2017

Robe da ricchioni


L'intellettuale Roberto Saviano denuncia sulla sua fan-page che quando era piccolo lui chi perdeva a calciobalilla era costretto a mangiare il "Fior di Fragola" in luogo del "Lemonissimo", riservato invece ai vincenti. La motivazione, secondo lo scrittore campano, era legata al fatto che il colore rosato era sintomo di effeminatezza mentre il ghiacciolo bianco e giallo rappresentava la mascolinità.

Clamorosa denuncia, sia pur con 25 anni di ritardo rispetto all'accaduto. Il contenuto del racconto almeno è certamente originale, in contrasto con alcuni suoi scritti considerati copiati dalla Cassazione.

Il fattaccio dei gelati punitivi avveniva in quel di Paestum, dove il povero Saviano era solito trascorrere umili vacanze estive. Malgrado l'accusa di omofobia ventilata dall'autore di Gomorra, il "Fior di Fragola" dell'Algida (che sarà contenta della pubblicità gratuita ai suoi prodotti) è di parecchio più buono dell'altro ghiacciolo al limone.

mercoledì 28 giugno 2017

Vaccini, NO grazie


Il mondo è già complicato di per sé. Alcuni evenienze possono essere nondimeno evitate somministrando i vaccini contro talune malattie, che potenzialmente sono mortali. E' così che il tetano in Italia è stato debellato, e si cerca di fare lo stesso contro l'altrettanto pericoloso virus del morbillo. Non tutti la pensano così, salvo piangere sul decesso causato da qualcuno che ha deciso per la non inoculazione dell'antidoto.

Purtroppo la connessione ad internet non sostituisce né integra la letteratura scientifica.


Morbillo, muore una bambina di 9 anni a Roma

La piccola è deceduta ad aprile al Bambino Gesù. Aveva una cromosomopatia. Villani: "Abbiamo tentato di tutto, se fosse stata vaccinata forse ce l'avrebbe fatta". E in Sardegna il primo caso di tetano dopo 30 anni

Azzurrini scoloriti

Perché l'Italia non ha vinto l'Europeo Under 21? Per 3 semplici ragioni:


1) Donnarumma in porta non era il massimo della sicurezza anche prima delle voci di calciomercato, figuriamoci dopo il diluvio mediatico alimentato dal suo procuratore Raiola;

2) Gagliardini che si fa espellere per un fallo inutile rimediando il secondo sacrosanto cartellino giallo;

3) Petagna centravanti, con la sua dotazione di gol mangiati (nella scorsa stagione è riuscito a realizzare solo 5 reti in 34 partite nell'Atalanta dei miracoli che si è piazzata quarta nell'ultima Serie A).




Gagliardini, Kondogbia e Joao Mario


Le azioni più importanti di potenziamento della rosa interista degli ultimi 2 anni hanno riscontrato qualche piccolo "problemino". I 3 giocatori più importanti acquistati sul mercato non sono risultati quei fuoriclasse capaci di svoltare il rendimento della squadra.

Kondogbia, comprato per 40 milioni e con il contratto in scadenza nel 2022, ha mostrato ben più di una lacuna tanto che ha perso il posto nella nazionale francese. João Mário, pagato quanto il transalpino, ha giocato poco sia con De Boer che con Pioli, a causa del suo rendimento decisamente altalenante. L'ultimo arrivato, Gagliardini, ieri sera ha determinato la sconfitta nella semifinale del campionato europeo Under 21 facendosi espellere all'inizio del secondo tempo. Il centrocampista proveniente dall'Atalanta è costato circa 25 milioni.

I 100 milioni investiti dall'Inter per potenziare la mediana nerazzurra non hanno svoltato, la squadra è infatti giunta settima in campionato, dietro addirittura ad disastratissimo Milan. Triste quando l'iniezione di cotanta liquidità non sortisce alcun effetto tangibile.

martedì 27 giugno 2017

Vale tutto


Questi rapinatori ingordi sono stati arrestati alla 50° rapina in una settimana. Si fossero fermati a 49 non sarebbero stati catturati, dopo un inseguimento operato dai carabinieri nel quale hanno speronato tre automobili e che si è concluso dopo 20 minuti di folle fuga.

Le vittime dei 2 delinquenti, domiciliati presso un campo nomadi a Baranzate, erano prevalentemente anziani che venivano rapinati con pistole giocattolo.

La morale della faccenda, se c'è, è che si finisce in galera solo si ha la sfortuna di imbattersi nelle forze dell'ordine oppure se si esagera nel commettere reati. Una società che "tutela" i malfattori, ovvero non riesce ad assicurarli alla giustizia, favorisce l'espansione del crimine poiché garantisce l'innocente impunità.


Corsico, oltre 50 rapine in una settimana: due rom in manette


Catturati dai carabinieri dopo un inseguimento di dieci chilometri

giovedì 22 giugno 2017

Dollarumma


Anche ieri sera, il solito errore. 
Il giovane portiere del Milan e delle Nazionali è uno dei giocatori più sopravvalutati della storia del calcio. Dopo l'esordio in Serie A da sedicenne, la sua carriera è stata costellata da errori marchiani quanto frequenti e regolari. Ha sempre goduto però dell'appoggio della stampa, in virtù della giovane età, le "papere" gli sono sempre state perdonate come se fossero tappe obbligate per la sua trasformazione in portiere eccellente.

Grazie all'illusione provocata soprattutto dai buoni uffici del suo procuratore Mino Raiola, è diventato il secondo portiere della nazionale maggiore (riserva di Buffon e suo predestinato successore) e nella fase finale degli Europei Under 21 che si sta disputando in questi giorni in Polonia è il titolare della porta degli azzurrini. Ha portato via il posto ad Alessio Cragno (39 presenze nel Benevento neopromosso in Serie A) e Simone Scuffet (divenuto nel finale di stagione titolare dell'Udinese); anche il Ct. Di Biagio è un'altra vittima provocata dalla dabbenaggine di Gianluigi Donnarumma.

Nelle scorse settimane è passata la notizia che l'estremo difensore campano avesse rifiutato il prolungamento del contratto con il Milan a 5 milioni di euro all'anno. E questa è probabilmente la notizia falsa, quella vera è che Gigio non ha così tanto mercato, altrimenti ci sarebbe la fila per acquistarlo prima dell'estate 2018 in cui, in assenza di prolungamento dell'accordo con i rossoneri, partirebbe a parametro zero.

La parabola discendente di Donnarumma appare solo all'inizio e se continua a giocare così può divenire il nuovo Balotelli bianco, bacio alla maglia rossonera compreso: destinato ad una carriera da comprimario e lontano dalla ribalta del calcio che conta.


martedì 20 giugno 2017

T-shirt Triplete Juventus 2017


Anche quest'anno, come nel 2015, il Triplete della Juve non c'è stato. E pure in questa occasione sono state prodotte delle t-shirt che celebrassero l'evento.

Si possono comunque acquistare su Amazon ad un prezzo popolare.

Curiosamente, le recensioni sul prodotto in oggetto fanno trasparire un certa ironia.

Il commento più votato:

Fantastica.. quando la provi la prima volta ti da una sensazione di benessere, ma dopo 5 minuti che la indossi arriva una sensazione strana alla stomaco,come se avessi mangiato 4 pere e non riesci a digerirle.

Calci di inizio


Tra una settimana comincia ufficialmente la nuova stagione 2017/18: c'è il primo turno preliminare delle coppe europee. Nel trofeo principale da segnalare l'esordio internazionale di una squadra kosovara.


CHAMPIONS LEAGUE
Primo turno (27-28 giugno e 4-5 luglio)
Vikingur (FarOer)-Trepça ’89 (Kos) 
Hibernians (Mal)-Tallinn (Est)
Alashkert (Arm)-SantaColoma (And) 
The New Saints(Gal)-Europa (Gib) 
Linfield (N.Irl)-La Fiorita (S.Mar)


lunedì 19 giugno 2017

Cavaliere della Repubblica


Oppure un'altra prestigiosa onorificenza equivalente per questo cittadino meritevole del lapsus freudiano che gli ha fatto dimenticare la consorte all'area di servizio. Che poi si è anche ricordato quasi subito (non ha più sentito il ronzio ripetitivo delle parole perenni tipiche del ruolo della moglie).

Motociclista dimentica la moglie, se ne accorge a Chieri dopo 40 km

Disperata telefonata ai carabinieri: "Mi è caduta dal sellino". Ma l'aveva solo lasciata a terra

venerdì 16 giugno 2017

Parco Robinson


La struttura del padiglione Coca Cola dell'Expo Milano 2015 è stata spostata nel quartiere Sant'Ambrogio della stessa città diventando un campo di pallacanestro coperto. L'iniziativa "mecenatistica" della multinazionale delle bevande è meritoria (il premio è la promozione del marchio) e anzi spiace che non sia stata mutuata pure da altre aziende.

La tensostruttura che ospitò la sala stampa dei Mondiali di calcio di Italia 90 fu trasferita nell'attuale sede di via Lago di Nemi (sempre in zona Barona) dopo 15 anni ma allora fu il Comune di Milano ad aver organizzato lo spostamento. In questo caso l'organizzazione è stata di un privato, con differenti effetti temporali.

mercoledì 14 giugno 2017

Poco Capello

Nella prima conferenza stampa da allenatore del club cinese dello Jiangsu Fabio Capello spara subito la minchiata definitiva, ovvero che pensa ancora ai 2 scudetti che la giustizia sportiva gli ha tolto quando allenava la Juventus.

Quei 2 campionati non vinti furono cancellati perchè la sua squadra in bianco e nero li vinceva grazie ai vari magheggi di Luciano Moggi. Il secondo tricolore fu restituito all'Inter quale risarcimento minimo per il sistema corruttivo che condizionava le partite, con la collaborazione degli altri disonesti di Milan, Lazio e Fiorentina.

Il buon Capello forse non immaginava che l'Inter e la sua nuova società siano possedute dalla stessa proprietà cinese di Suning, che si può immaginare entusiasta dell'immemore tecnico friulano. 

Detto questo, forse conveniva prendere Fabio Capello per la panchina nerazzurra e inviare Luciano Spalletti nel Catai...


Fascismo 2.0


La lista "Fasci Italiani del Lavoro" è entrata nel Consiglio Comunale di Sermide, inutile comune della provincia di Mantova. Ha ottenuto un seggio con Fiamma Negrini (nomen omen ma con il cognome da extracomunitaria) perché alcuni cittadini l'hanno votata.

Visto che il disciolto partito fascista non potrebbe/dovrebbe essere ricostituito (se ne parla nella Costituzione della Repubblica Italiana, non in un blog o in un inutile libercoletto), com'è possibile che nessuna commissione elettorale si sia avveduta del nome di questa lista e dalle sue ispirazioni fascistoidi?


XII

È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista.

martedì 6 giugno 2017

Sandro Mazzola - Uno di noi


Il giovane 74enne Sandro Mazzola (monumento dell'Inter e della Nazionale italiana) ammette candidamente di aver festeggiato la sconfitta della Juve di sabato scorso. Abbasso l'ipocrisia e il politicamente corretto, tifare contro la Rub?entus è sempre cosa buona e giusta. 


Autodistrutto


L'ex terrorista (ex non per aver abiurato le stragi) che scambia il detonatore di una bomba per un telefonino e si fa esplodere, insieme ad alcuni colleghi, è una buona notizia. Si vorrebbe assistere a più scene di questo tipo, in cui il kamikaze uccide se stesso e i suoi amici invece che seminare morte e distruzione tra gli innocenti.


Pietas

L'86enne Totò Riina, recluso ad Opera in regime di 41bis dal 1993, è moribondo. Per questo motivo la Cassazione ha acconsentito che il mafioso lasciasse il carcere di Opera, dove è recluso. I familiari delle vittime hanno protestato ritenendo troppo clemente e buonista questo provvedimento di umanità. 

Detto che il nonnetto delinquente è stato condannato a 16 ergastoli, la sua morte in in cella non riporterà in vita tutte le persone che ha contribuito ad ammazzare. Proprio per questo non merita nessuna pietà e deve rimanere dove lo Stato ha deciso di spedirlo, fino alla fine dei suoi giorni. Mi perplime il fatto che un tribunale si sia pronunciato per rimetterlo in (parziale) libertà.

domenica 4 giugno 2017

Benvenuto Luciano


Maschicidi


Non ci sono solo "uomini che odiano le donne". Non ci sono campagne che sensibilizzano l'opinione pubblica sul fenomeno. Nonostante questo, ci sono persone ammazzate dalla compagna, benché faccia più notizie e crei maggiore allarme sociale qualora accada l'opposto.


Copparo, donna uccide il compagno con coltello da cucina: arrestata

L'omicidio nella serata di sabato al termine di una lite: la donna ha afferrato un coltello da cucina e colpito ripetutamente l'uomo che è morto quasi subito

Juve internazionale perdente


La squadra che storicamente domina in Italia (33 scudetti, di cui gli ultimi 6 consecutivi), in Europa porta a casa la settima finale di Champions perduta.

Il carniere dei bianconeri rimane fermo a 2 trofei: uno vinto all'Heysel (che era meglio non vincere né festeggiare) e l'altro nel 1996 a Roma ai rigori contro l'Ajax.

Come la Juventus si squagli fuori dai patri confini può essere facilmente diagnosticabile: la tutela della sudditanza psicologica di cui si giova quando gioca in Serie A, in Europa è pressoché assente.

La difesa BBBC, che in Italia è un fortino inespugnabile, in Champions mostra tutti i suoi limiti; ieri potrebbe essere stata l'ultima occasione per Buffon di alzare al cielo la coppa con le grandi orecchie. Il suo "ciclo" di vittorie senza una Champions League.

E il Real? I blancos sono una squadra di calcio che annovera quel Cristiano Ronaldo che a fine anno ritirerà il suo quinto Pallone d'Oro. Il portoghese è quel campione capace di vincere anche con la maglia dei lusitani... 

sabato 3 giugno 2017

Furto di sante reliquie

Asti, rubata reliquia di Don Bosco. Sparita l'urna col cervello

Appello dell'arcivescovo: "Restituitela senza condizioni". I salesiani: "Don Bosco non si può rubare"


La notizia non pare essere che hanno rubato in una Chiesa (anche i luoghi di culto sono oggetto dell'attenzione dei ladri), piuttosto che ad Asti era esposto il cervello di un prete passato a miglior vita.

Il cimelio, originariamente conservato in un'apposita sezione di una basilica di Asti, è stato sottratto e sulle motivazioni credo ci debba essere un misterioso riserbo. Il fatto che qualcuno abbia deciso di conservare un organo ad un defunto, che evidentemente è stato sepolto con la scatola cranica svuotata, spazia dal feticismo alla necrofilia ma tant'è, visto che la reliquia era meta di affettuosi pellegrinaggi.

La massa cerebrale di Don Bosco non è l'unica parte del suo corpo umano opportunamente imbalsamata per essere esposta alla devozione dei fedeli. Nel dicembre 2011 venne rubato anche un pezzo di falange dello stesso santo, che era conservato in quel di Alassio. In pratica ci sono pezzi del fondatore dei Salesiani sparsi per l'Italia che hanno minato l'integrità della sua salma mortale. E c'è pure gente che commette reati per appropriarsene.