mercoledì 1 marzo 2017

Calciopoli 2

Non c'è più lo smaliziato Luciano Moggi, il direttore generale  della Juventus ora è il rassicurante Giuseppe Marotta. L'effetto sulle decisioni arbitrali tuttavia è il medesimo pre 2006: la classe arbitrale nel dubbio favorisce la Juventus e penalizza i suoi avversari. Nella semifinale di andata di Coppa Italia 2017 tra bianconeri e Napoli, il direttore di gara Paolo Valeri fischia 2 rigori netti ai gobbi mentre ne nega un altro, parimenti solare, ai partenopei. 
Le inchieste di Calciopoli mostrarono che le attenzioni (i favoritismi) riservate alla Juventus non furono casuali ma architettate da un sistema peloso di costruzione del consenso arbitrale; il club torinese finì in Serie B e subì la revoca di 2 scudetti. Nel 2017 non c'è nessuna indagine in corso che cerchi di acclarare un dolo pro Juve. Non ancora forse.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.