giovedì 2 febbraio 2017

Quarta casacca

Per vendere più magliette, le squadre di calcio si sono inventate la terza maglia, che di solito è abominevole e però non se la compra nessuno.

Nel match di campionato di ieri il Pescara, nessuna vittoria (sul campo) e 6 pareggi in 22 partite, ha indossato una quarta maglia, quella del Vicenza. Le motivazioni di questa scelta sono abbastanza misteriose: sembra che ciò sia stato fatto per onorare il 40° anniversario del gemellaggio con la squadra veneta (che ha come colori sociali il bianco e il rosso), e questa sarebbe la motivazione simpatica. Quella meno nobile insisterebbe sul fatto che un gruppo di tifosi, contrariato per la pessima stagione della compagine abruzzese, avrebbe intimato alla società di non indossare più i colori bianco-azzurri poiché non ritenuta degna di fregiarsene. Fosse veritiera questa ipotesi, si tratterebbe dell'ennesimo indebito condizionamento di una frangia di spettatori sulla vita di un club. Che è uno dei motivi, non certo il principale, percui la Serie A registra una costante emorragia di spettatori dagli stadi.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.