lunedì 27 febbraio 2017

Inter 1 Roma 3

La mazzata della sconfitta casalinga di ieri sera contro la Roma è sportivamente terribile. Perché spegne velleità e speranze per la conquista di un posto nell'Europa della coppa pesante. E in quanto, al netto di qualche decisione arbitrale discutibile, si tratta di una vittoria netta e giusta per i capitolini. La sbornia portata da Pioli è terminata ed ora ci vorrà l'Inter migliore per arrivare quarti o quinti in classifica, per evitare il doppio turno preliminare di EL o, peggio, una stagione senza uscire dai confini nazionali.

Mentre il Milan vinceva con il rigore a due tocchi di Bacca, ieri Perisic è stato ammonito (con calcio di punizione indiretto all'interno dei 16 metri nerazzurri) per aver alzato la palla per colpirla di testa e servire Handanovic: il gesto è stato punito in quanto giudicato antisportivo (!!). Nel frattempo alla terza squadra di Milano continuano a concedere penalty generosi mentre all'Inter ne sono stati dati a favore finora solo 2, in tutto il campionato.

La notizia è che anche la Roma si giova degli "aiutini" e della sudditanza psicologica da parte degli arbitri. L'Inter aveva patito questo tipo di ingiustizie già in occasione della sconfitta dello Juventus Stadium (allora Icardi fu fermato davanti a Buffon dopo aver approfittato di una punizione rimessa in gioco malamente dai difensori bianconeri, ai quali non è legale segnare così).

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.