venerdì 20 gennaio 2017

L'incubo valanga

La sciagura occorsa all'albergo Rigopiano, che era situato nella zona del Gran Sasso in provincia di Pescara, va oltre l'accoppiata mortifera terremoto + slavina.

I soccorsi hanno impiegato 8 ore per raggiungere l'area della tragedia e quando sono arrivati non avevano i mezzi necessari per tentare di recuperare i corpi sommersi dalla valanga.

Non è stata la professionalità a mancare ma gli strumenti utili per operare in tempi efficaci e celeri. Pur essendo un evento straordinario, non è lecito accettare che crolli un pezzo di montagna su un hotel e non ci sia stato alcun monitoraggio che avrebbe potuto propinare lo sgombero preventivo dell'alloggio evitando i lutti. Non è neppure possibile assumere che la neve, pur caduta copiosamente in Abruzzo, sia un elemento bloccante per le forze dello Stato che tentano di prestare soccorso. Un intervento più celere avrebbe consentito magari di recuperare i dispersi non ancora privi di vita.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.