lunedì 20 giugno 2016

Raggi e la funivia


Ora che Virginia Raggi è stata ufficialmente eletta sindaco di Roma, potrà finalmente migliorare le condizioni dell'Urbe mettendo in pratica quanto narrato in campagna elettorale. Entro 2 anni i cieli capitolini saranno attraversati da cabine della funivia, "i cui costi sono un decimo di quelli di un tram".

La nuova prima cittadina della città della Lupa introdurrà un'innovativa forma di comunicazione ovvero una "app" per segnalare all'amministrazione comunale eventuali disservizi della rete stradale, che peraltro verrà superata come concetto dalla funivia, il mezzo di trasporto del futuro anche in pianura.

Auguri a tutti i romani che hanno la fortuna di essere governati da questa onesta figura, anche a quelli che - soffrendo di vertigini - patiranno l'utilizzo delle cabinovie.


Roma, Raggi: una funivia per saltare il traffico tra Casalotti e Boccea

Un professore universitario ha studiato un sistema di funivia adatto alla pianura per portare i cittadini dall'estrema periferia alla fermata della metropolitana Battistini - ha spiegato Raggi -. In quella parte di Roma nelle ore di punta, e non solo, il traffico è talmente intenso che in auto si resta fermi sempre molto a lungo. C'è una sola corsia per senso di marcia. Si tratterebbe di porre semplicemente i piloni della funivia e di calibrare il numero di cabine a seconda dell'affollamento di passeggeri nelle varie fasce orarie. I costi di una funivia sono un decimo di quelli di un tram - ha concluso la candidata M5S - basterebbero 18-24 mesi per costruirla e inquina come un solo autobus di quelli vecchi».

Inoltre manutenzione delle strade con una 'app' sul telefonino per segnalare buche e altri problemi. Il paragrafo "Nuove infrastrutture" prevede soprattutto la manutenzione ordinaria e non di quelle esistenti. Ma il prolungamento della metropolitana sarà una priorità. Infine l'intero capitolo della riorganizzazione di Atac. 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.