mercoledì 1 giugno 2016

6 mesi a morto


Il comandante della Costa Concordia Francesco Schettino è stato condannato in appello a 16 anni di reclusione per il suo comportamento che ha causato la morte di 32 persone. Aldilà del facile giustizialismo, il capitano della nave fu uno dei primi ad abbandonare il bastimento, la sentenza appare mite e tale da suscitare qualche perplessità: 32 vite stroncate grazie alla sua dabbenaggine e una sanzione che, in attesa del verdetto finale della Cassazione, significa solo un decennio in gattabuia prima di accedere alle misure alternative al carcere previste dopo circa i due terzi di pena.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.