mercoledì 11 maggio 2016

I diritti delle galline vive


L'imputato di cui sotto è già stato condannato a 23 anni di reclusione in appello e a 14 in primo grado in un altro processo. Sicché non ha bisogno di ulteriori aggravi di pena essendo il cumulo delle sentenze sufficiente a tenerlo in carcere per qualche decennio. In questi giorni presso il Tribunale di Milano si tiene un ulteriore processo ai suoi danni. Un'associazione animalista lo ha denunciato per aver decapitato una gallina (!): tra le colpe del Boettcher, questa non solo non mi sembra quella più grave, ma non mi pare neanche che dei giudici umani siano tenuti a giudicare le modalità di uccisione di un uccello domestico. A meno di non dare per legge ai pennuti gli stessi diritti e la medesima dignità riservata alle persone.

Decapitò gallina viva: indagato Alexander Boettcher

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.