martedì 26 aprile 2016

2 a 1 diversi


Il buon Mihajlovic venne esonerato dopo aver perso 2 a 1 contro la Juventus, giocando peraltro forse la miglior partita della stagione.

Il suo successore, Brocchi, ieri ha perso con lo stesso punteggio contro l'Hellas Verona, ultima in classifica e già retrocessa in Serie B.

domenica 24 aprile 2016

Stefano Nava

Teniamolo d'occhio perché tra 5 o 6 mesi costui sarà uno dei prossimi allenatori del Milan. Dopo (aver bruciato) Inzaghi e Brocchi questa è la nouvelle vague dei rossoneri allo sbando. Berlusconi Silvio studia da Maurizio Zamparini e ne deve stare di strada per emulare compiutamente il presidente del Palermo. Non solo promuovendo nella prima squadra l'allenatore della squadra Primavera.


sabato 23 aprile 2016

IPTV

Ho connesso il PC alla televisione attraverso la rete elettrica (!!), da oggi il mondo non sarà più quello di prima. Grazie a questo aggeggio. Clamorosa convergenza programmatica tra operatore telefonico (Tiscali), fornitore di energia elettrica (ENEL) e distributore di contenuti (Mediaset).

La finta haka


Il nuovo corso del marketing del Milan, guidato dall'ineffabile Barbara Berlusconi, è riuscito a far in*****re i neozelandesi, popolo proverbialmente tranquillo e pacioso. In uno stadio semivuoto, dove il fortunoso pareggio rossonero contro il Carpi ancora doveva realizzarsi, una finta haka: 11 attori che scimmiottano la danza pre-gara degli All Blacks per glorificare uno sponsor (Nivea). Il rugby in Nuova Zelanda è una cosa seria, lo sanno tutti, non Barbara evidentemente.

venerdì 22 aprile 2016

I fiori che crescono sulla Sacra Spina


A San Giovanni Bianco (BG) c'è una sacra reliquia che ha generato dei fiori, in corrispondenza delle ultime festività pasquali. Chi ha fede crede nel prodigio, chi non ne è dotato ritiene l'accadimento un'operazione pubblicitaria alquanto intelligente.


Moduli random


Alla domanda "con che modulo gioca l'Inter" non saprebbe dare una risposta neppure il suo allenatore Roberto Mancini. Il quale a 18 mesi dal suo ritorno in nerazzurro è ancora lì a fare esperimenti. Nella presente stagione ha alternato 6 moduli e l'instabilità tattica che ha originato ha prodotto l'allontanamento dal terzo posto. Del resto senza identità una squadra non vince perché la continuità degli schemi non è un optional. Inoltre la materia prima, ovvero i giocatori, sono stati alternati instillando il dubbio di scelte umorali più che ponderate da parte del tecnico. Che ha gestito 3 sessioni di mercato con esiti sconfortanti: i soli Miranda, Perisic e Brozovic rappresentano elementi degni del rango nerazzurro.

Mancini non è ancora stato fischiato dal popolo nerazzurro malgrado i risultati sportivi deludenti da lui ottenuti nel suo anno e mezzo di gestione: credo che domani sera, nel turno casalingo contro l'Udinese, se nella prima mezz'ora di gioco il punteggio non sarà già saldamente a vantaggio dell'Inter, RM sperimenterà la contestazione del pubblico. Che finora è stato fin troppo paziente nei suoi confronti e che meriterebbe di competere per qualcosa di importante già nella prossima stagione. Se a settembre sarà ancora lui l'allenatore interista, la prolungata condanna alla mediocrità sarà assicurata.



giovedì 21 aprile 2016

Caserma attaccata


Quando "capita" un reato, il bravo cittadino chiama i carabinieri: cosa succede se l'atto criminoso viene compiuto verso gli stessi carabinieri? Chiamano la Polizia di Stato componendo il 113? Si recano direttamente in Questura per stendere la denuncia? Si auto-telefonano?

Aldilà della battuta, un apparato dello stato che viene attaccato con questa modalità denota solamente una scarsa presenza e rispettabilità delle istituzioni sul territorio, visto che le sanzioni per questo atto delinquenziale rischiano di essere assenti o irrilevanti percui non vi è alcun deterrente atto a scoraggiare simili gesti. E la colpa, in questo caso, risiede nell'inefficienza della macchina della giustizia.



Firenze, raid con molotov contro la caserma dei carabinieri dopo i controlli al rave

E' accaduto all'alba a Rovezzano. Nella notte c'era stato un duro scontro tra le forze dell'ordine e un gruppo anarchico. Dieci tra carabinieri, poliziotti e vigili in ospedale con 10 giorni di prognosi

martedì 19 aprile 2016

L'incompetenza come cifra istituzionale


Un cittadino che non conosce l'esistenza del congiuntivo è la quintessenza del MoVimento SoCiale 5 Stelle. Bravo Dibba, finché l'elettorato sarà ignorante come te, il tuo partito avrà una lunga vita in Parlamento.

"Massa di ebrei"


Nell'ultima giornata di campionato alcuni tifosi juventini hanno apostrofato i rivali della Fiorentina appellandoli come "massa di ebrei". Il giudice sportivo, letto il referto della terna arbitrale, ha sanzionato lo Juventus Stadium con una diffida, atto preliminare alla squalifica del campo qualora il gesto si ripetesse in futuro. Viene così una volta di più ufficializzato il fatto che sia un insulto definire "ebreo" il nemico avversario di turno. Ma perché minacciare di far giocare una gara a porte chiuse se solo una parte del pubblico presente allo stadio ha attuato questo comportamento? Certo è più agevole erogare una pena generica piuttosto che visionare le numerose telecamere presenti nell'impianto sportivo per individuare i diffamatori e punirli di conseguenza. Se le responsabilità penale è personale,
uno stato civile dovrebbe sanzionare solo i rei e non anche tutti gli altri spettatori. La punizione collettiva consente anche la costruzione di un potere di ricatto degli ultrà sulla società, che paga oggettivamente i costi del mancato introito degli incassi.

Il punto è anche e soprattutto un altro: se viene considerato ingiurioso definire "ebree" altre persone, significa che culturalmente esiste la codificazione di questo popolo come caratteristica negativa: se le teste di c***o che hanno gridato "massa di ebrei" non avessero voluto insultare i tifosi della Viola li avrebbero definiti come "buddisti", "norvegesi" o "novaresi". Quindi il giudice sportivo ha preso atto di uno stupido atteggiamento comune, e questo è ciò che di peggio potesse partorire.


sabato 16 aprile 2016

Non è mollo


La crisi del calcio italiano si spiega anche con l'assenza di Alberto Malesani su una panchina della Serie A.

venerdì 15 aprile 2016

Pro o contro le trivelle


Il referendum di domenica 17 aprile è vissuto in maniera demagogica da chi si recherà a votare per il NO. Questi benpensanti ritengono che sia giusto impedire la proroga delle concessioni per l'estrazione di combustibili fossili da piattaforme situate in acque entro le 12 miglia marina. La ragione è che queste estrazioni sono considerate pericolose per i potenziali sversamenti del giacimento. La vittoria del NO impoverirebbe l'economia italiana dato che il fabbisogno energetico dovrà essere soddisfatto importando gli stessi carburanti dal mercato internazionale. Questo medesimo approccio ideologico contro il progresso ricorda la battaglia referendaria del 2011 in cui la maggioranza assoluta degli aventi diritto votò contro la produzione nazionale dell'energia nucleare. L'effetto di quella scelta è che in Italia non vi sono centrali nucleari e che il 5% circa del fabbisogno elettrico nazionale viene importato dall'estero dove viene prodotto con modalità atomica.

Osservando i partiti politici favorevoli al NO, non vi dovrebbero essere dubbi sull'astensionismo.

mercoledì 13 aprile 2016

domenica 10 aprile 2016

FRO 0 INT 1


Dopo 3 mesi l'Internazionale torna da una trasferta con una vittoria, ma che fatica e che fortuna. Il Frosinone avrebbe meritato il pareggio con un gioco migliore di quella nerazzurro e 3 legni colpiti a portiere battuto. Ha deciso la gara una prodezza di Maurito Icardi, al 50esimo gol in 100 presenze in maglia nerazzurra. E il Milan, a 6 partite dalla fine del campionato, è a -9. Questa è l'unica consolazione della giornata, in quanto - dopo un anno e mezzo di Mancini - il gioco interista continua a latitare e il contratto del tecnico che è in scadenza a giugno 2017 rappresenta la spada di Damocle sulle aspirazioni di classifica del prossimo futuro. L'incertezza societaria, con Thohir alla ricerca di un socio forte che ricapitalizzi le perdite societarie, non genera ottimismo.

sabato 9 aprile 2016

Palasport di Milano


Il prossimo 5 giugno (oppure nel ballottaggio di 2 settimane dopo) i milanesi eleggeranno il loro sindaco. Prima di tale data il candidato del centro sinistra Beppe Sala ha "chiamato" gli altri candidati alla poltrona di primo cittadino ad un confronto all'americana. Che non si terrà all'interno del perimetro del Comune di Milano, perché il capoluogo della Lombardia non è dotato di una struttura polifunzionale capace di ospitare quelle migliaia di persone che vorranno assistere dal vivo all'evento. La manifestazione si terrà quindi al Forum di Assago.

Nei 23.844 km² del territorio della Lombardia, abitato da circa 10 milioni di persone, ci sono infatti solo 2 palazzetti dello sport capaci di ospitare eventi con più di 7,000 spettatori (l'altra struttura è sita a Desio).

venerdì 8 aprile 2016

re·fe·rèn·dum/


Insieme al referendum abrogativo sulle trivelle, che si terrà domenica 17 aprile, sarebbe importante che venisse sottoposto a giudizio popolare anche un quesito sugli scogli. Analogamente alle piattaforme per l'estrazione di idrocarburi, anche queste rocce marine sono potenzialmente pericolose per la salute degli equilibri marini e per la fauna e la flora che vive in quelle acque e, come tali, sarebbero da smantellare.


VENTIMIGLIA - Una grossa tartaruga è stata trovata morta incastrata tra gli scogli dei Balzi Rossi, a Ventimiglia.
Alcuni bagnanti hanno dato l'allarme al 118 che, a sua volta, ha allertato il servizio veterinario dell'Asl, il cui personale ha prelevato la carcassa dell'animale per smaltirla dopo che saranno verificate le cause della morte.


Balotelli è da Milan

Pare invece che l'attuale rendimento di Supermario sia perfettamente in linea con il rendimento dei rossoneri. Lui è da Milan e da sesto posto in campionato. Scarso. Avanti così e gli fanno un contratto a vita.

mercoledì 6 aprile 2016

Bravi ragazzi


Un capo ultrà della Juventus a capo di un gruppo di tifosi bianconeri denominato "Bravi ragazzi" ha subito la confisca di 500 mila euro. Il luminare era stato arrestato nel novembre 2014 con l'accusa di traffico internazionale di droga. Quando alcune nefandezze coincidono nella stessa persona significa che è presente in natura un innato e formidabile senso della vita.




martedì 5 aprile 2016

Lista canali digitale terrestre di Milano


A Milano si possono ricevere potenzialmente 392 canali televisivi (o radiofonici); calcolando un secondo circa per il cambio di ciascun canale e un altro per la rapida visione dei contenuti dello stesso, lo zapping completo di tutta questa offerta richiede una ventina di minuti. Ben spesi direi.


040516


L'Inter non è certo a livello di un Milan che ha un solo punto di vantaggio sulla settima in campionato, ultima posizione utile per accedere alle coppe europee. I nerazzurri, pur con 6 lunghezze di vantaggio dai cugini rossoneri, sono ben distanti dal terzo posto della Roma a +8. Il livello di soddisfazione minimo è rappresentato dal raggiungere la quarta piazza, così da qualificarsi nel tabellone principale dell'Europa League senza il fastidio di dover disputare turni preliminari di qualificazione estivi, rinunciando a remunerative partite amichevoli.

Lo scoglio principale per il salto di qualità è in ogni caso la permanenza o meno di Roberto Mancini in panchina. Il mister Mazzarri fece meglio di lui nella sua prima stagione (rispetto a quella attuale del tecnico marchigiano), e anche nel corso dell'anno passato il subentro nella gestione tecnica non migliorò la media punti.

La sconfitta casalinga contro il Toro, al netto dell'ingiustizia arbitrale del rigore più espulsione di Nagatomo, mostra la proverbiale insipienza del Mancio: Davidino Santon, inspiegabilmente titolare dopo un mese di assenza, è risultato una delle cause principali che hanno determinato il risultato finale.

Una parziale consolazione è rappresentata dal mercato in uscita della terza squadra di Milano: dall'inizio del 2016, i soli El Shaarawy, Suso e Cerci hanno fatto gli stessi gol di tutto il Milan.

domenica 3 aprile 2016

Di nome e di fatto

Carmela rozza

Ciao Cesare

Morto Cesare Maldini, aveva 84 anni

Da capitano del Milan alzò al cielo la prima Coppa dei Campioni italiana, a Wembley nel '63. Fu vice di Bearzot ai Mondiali vinti in Spagna nell'82, e tre volte campione d'Europa come tecnico dell'Under 21.