giovedì 17 marzo 2016

Juve provinciale


Dopo il 5 maggio degli interisti (Lazio 4 Inter 2) e il 25 maggio del BB?ilan (sconfitta ai rigori contro il Liverpool), l'epica sconfitta storica coglie anche la Juventus: in vantaggio per 2 a 0 in casa del Bayern Monaco, con un gol regolare di Morata annullato per un fuorigioco inesistente, un paio di limpide occasioni per il terzo gol e la qualificazione saldamente nelle mani per tutta la partita. Poi al 90° il pareggio dei bavaresi e 2 gol ulteriori subiti nei supplementari per il 4 a 2 finale.


Il quotidiano Tuttosport quando un mesetto fa la Juventus eliminò l'Inter ai rigori titolò "Più bello così"; oggi, dopo la qualificazione persa in extremis, sulla prima pagina campeggia un sobrio "Non è giusto". I lettori della testata sportiva torinese sono evidentemente dei minerali cercopitechi e i giornalisti si adeguano.

La Juventus ha vinto 31 volte il campionato di Serie A e contestualmente in una sola occasione la Coppa Campioni (escludendo la vittoria di Bruxelles del 1985 quando morirono 39 persone e i bianconeri festeggiarono lo stesso). In Europa i meccanismi di sudditanza psicologica della classe arbitrale pro Juve non esistono, oppure - se sussistono - favoriscono le avversarie della Juventus.

Ieri alla Allianz Arena uno dei migliori in campo è stato Kingsley Coman ceduto proprio dai gobbi la scorsa estate. L'allenatore per caso Max Allegri nella scorsa stagione lo aveva impiegato part-time solo in una ventina di occasioni: non un'eccellentissima scelta tecnica.



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.