lunedì 29 febbraio 2016

Mancini vattene (2)


E' successo quello che capita normalmente quando ti affidi ad un incompetente. Roberto Mancini, l'allenatore più pagato della Serie A con uno stipendio annuo di 4 milioni di euro, ieri ha schierato 5 difensori, 3 centrocampisti incontristi e 2 punte solitarie, di cui una costretta a retrocedere in mediana per recuperare qualche pallone giocabile. I 3 registi che aveva in rosa nella scorsa stagione sono stati venduti (uno - Hernanes - ha rischiato di segnarci) e il 4° (Brozovic) non ha giocato per essere sicuri di non produrre gioco offensivo.

Tutto sommato prendere solo 2 gol al cospetto di questa sontuosa Juventus è stato un risultato soddisfacente: se i nerazzurri sono la squadra ultima per punti conquistati nel girone di ritorno, non si può pensare di andare a Torino per raccogliere qualcosa. Con un tecnico in panchina che non ha ancora capito che modulo utilizzare 16 mesi dopo il suo arrivo.

Da notare che i giocatori che sono stati fortissimamente voluti durante le 3 sessioni di mercato gestite dal manager Ciuffetto ieri erano tutti in panchina: gli 11 titolari, tranne Mister 30 milioni Kondogbia, furono comprati durante o precedentemente alla gestione Mazzarri, il quale fu frettolosamente cacciato proprio per fare spazio allo scienziato di Jesi.

Nella prima parte della stagione l'Inter vinceva 1 a 0 con un solo tiro in porta e Handanovic migliore in campo, in questo momento né l'una né l'altra condizione si verificano, se non occasionalmente come nella vittoria contro il Napoli nei quarti di Coppa Italia. A proposito: dopo i 5 gol subiti dai bianconeri nelle 3 sfide finora disputare, nel ritorno della semifinale che si disputerà dopodomani il rischio è solo di rimpinguare il passivo.


domenica 28 febbraio 2016

Insigne rapinato


L'emergenza malavita a Napoli non risparmia neanche i giocatori della locale squadra di calcio. Non è la prima volta che la delinquenza prende di mira la categoria dei pedatori; nel recente passato ad essere rapinati erano stati, tra gli altri, anche Behrami, Zuniga e Hamsik. Gli elementi che fanno specie sono 2: a Lorenzo Insigne - partenopeo DOC - sono stati sottratti 800 euro in contanti, il solito Rolex (l'accessorio status symbol per antonomasia) e 2 bracciali, naturalmente agghindati con diamanti; il malvivente era anche un tifoso del Napoli e, avendo riconosciuto l'attaccante di Sarri, gli ha chiesto la dedica dopo che avrà segnato un gol nella prossima trasferta a Firenze, come se esercitare la professione del ladro sia un mestiere come un altro e che la vittima non possa essere lievemente risentita con lui. Questo tratto appartiene alla retorica della napoletanità (che fortunatamente è anche altro), in una città dove le regole di convivenza civile spesso vengono confuse con una consuetudine malata che vede normale il disprezzo delle leggi. Fa anche specie l'ostentata opulenza di un calciatore milionario che non rinuncia alla manifestazione della propria ricchezza, pur conoscendo bene il contesto della città in cui vive.

Napoli, il rapinatore-tifoso a Insigne: "Dedicami un gol a Firenze"

Il malvivente si sarebbe lasciato sfuggire questa frase subito dopo la rapina, avvenuta ieri sera al Vomero. Il fantasista partenopeo stava tornando a casa dopo cena. I rapinatori hanno fermato l'auto e si sono fatti consegnare soldi e diversi gioielli, tra cui un Rolex

sabato 27 febbraio 2016

Eros Ramazzotti in Tour


Il genere umano è rischio estinzione a livello globale esistendo così tante piazze che ospiteranno un concerto del personaggio di cui sopra. Pubblico che ha pagato per assistere alle prestazioni professionali sonore di Eros Ramazzotti.


giovedì 25 febbraio 2016

mercoledì 24 febbraio 2016

Potabilità


L'acqua del rubinetto di Milano sarà pure molto meno costosa e più comoda da consumare rispetto a quella che si acquista all'ipermercato ma ha un residuo fisso 10 volte più "pesante" della Sant'Anna.


martedì 23 febbraio 2016

Il giorno del riposo


La soluzione sarebbe quindi professarsi ogni settimana musulmani il venerdì, ebraici il sabato e cattolici la domenica.



domenica 21 febbraio 2016

Post Inter-Samp


Mentre forse la Roma è riuscita a liberarsi di Totti (dopo 24 anni di professionismo intervallati dallo scudetto vinto con Capello in panchina), l'Internazionale celebra il ritorno alla vittoria. Ma l'avversario doriano è la squadra attualmente meno in forma della Serie A, da cui rischia seriamente di allontanarsi se mister Montella non riesce ad inventarsi qualcosa di meglio di quello sta facendo. Il suo predecessore Walter Zenga è stato esonerato per molto meno (dopo una sconfitta contro la Fiorentina a quel tempo capolista). Certo il tecnico di Pomigliano d'Arco ci ha messo nel suo schierando una serie di rifiuti provenienti da Milano, tra i quali spicca l'ex capitano nerazzurro Andrea Ranocchia che da quando è passato alla Samp ha sempre giocato titolare (e questo è un mistero ontologico di difficile risoluzione).

Il primo gol di D'Ambrosio rappresenta la sintesi delle condizioni approssimative della squadra blucerchiata: il terzino ex torinista si trovava da solo a tu per tu con Viviano, e il giocatore più prossimo non era neppure della Samp. Poi c'era pure un rigore solare non fischiato per un bagher dello stesso difensore nerazzurro sull'1 a 0 ma anche 2 posizioni di non-fuorigioco sanzionate come irregolari.

A fine partita il redivivo Felipe Melo si è lamentato della diversità di trattamento sanzionatorio a cui NON sarebbero sottoposti i giocatori di altre squadre: si riferiva ai cartellini rossi non mostrati ai bianconeri in BOL-JUV che avrebbero prodotto squalifiche per la gara tra Juventus e Inter che si terrà nella prossima giornata di campionato. E' noto lo storico atteggiamento benevolo degli arbitri verso la squadra di Torino, che non per caso ha vinto tanto in Italia e nel contempo ha alzato una sola Coppa dei Campioni (non considerando la vergognosa vittoria festeggiata nel 1985 allo stadio Heysel di Bruxelles).


Roma, Spalletti rimanda a casa Totti dal ritiro dopo le dichiarazioni di ieri

Convocato dopo colazione dal tecnico, gli è stato comunicato che non sarebbe stato a disposizione per la partita col Palermo. Compagni increduli

venerdì 19 febbraio 2016

Apple contro FBI

Alla Apple non interessa in alcun modo tutelare la privacy, di 2 terroristi defunti per giunta. Teme che concedendo all'FBI la decrittazione degli smartphone incriminati si possa aprire una falla nella tecnologia del proprio sistema operativo. Non per caso anche Google e Microsoft sono solidali con Cupertino.

Se i diritti commerciali di un'azienda privata non sottostanno alle prerogative delle forze di polizia significa che la democrazia e il concetto stesso di Stato sono istituzioni superate perché superabili.

giovedì 18 febbraio 2016

Eva Klotz


Ha combattuto politicamente per una vita per annettere la provincia di Bolzano all'Austria, ora lo Stato italiano contro cui ha combattuto per 40 anni sedendo nel consiglio provinciale dell'Alto Adige le versa un trattamento di fine rapporto da un milione di euro. Il possesso della cittadinanza italiana non le nuociuto eccessivamente.

Eva Klotz e il vitalizio d’oro
«Non è un regalo dell’Italia»

Alla pasionaria dell’Alto Adige un assegno di 946 mila euro frutto della legge della regione autonomista. «Sono soli i contributi che ho versato durante la mia attività»

mercoledì 17 febbraio 2016

Paganesimo


La caffettiera gigante nella foto contiene le ceneri del signor Renato Bialetti, scomparso prematuramente all'età di 93 anni e fondatore dell'omonima azienda produttrice di moka. Sullo sfondo l'altare della chiesa nella quale sono stati celebrati i suoi funerali.

martedì 16 febbraio 2016

RKC Waalwijk


Da qualche stagione i giocatori della Serie A (più la cinquina arbitrale) entrano in campo tenendo la mano di un bambino o di una bambina, che indossano la maglietta della squadra avversaria. Questa usanza non è diffusa solo in Italia.
Nella serie cadetta dei Paesi Bassi devono esseri rotti di questa consuetudine e domenica scorsa, in occasione di San Valentino, i giocatori hanno raggiunto il terreno di gioco accompagnati con ragazze vestite in maniera minimale, dal fisico piacente in quanto modelle di lingerie. Il clima invernale ha limitato la performance ma il pubblico ha potuto apprezzare questo tipo di spettacolo, più gradevole delle figure buoniste dei minorenni in cerca del loro minuto di mediocre notorietà...

RKC Waalwijk replace child mascots with lingerie models for Valentine's Day

Bottom of the Dutch second tier, RKC took a novel approach to try to get the home crowd going this weekend



Milan a -2


Da quando lo schema Mancini (vincere 1 a 0 con un unico tiro in porta più i miracoli in serie di portiere e difesa) si è inceppato, l'Inter viaggia con una media punti da retrocessione. Nelle ultime 7 giornate il Milan ha recuperato ai nerazzurri la bellezza di 9 punti (e per pietà non citiamo i 15 punti in più incamerati dalla Juventus che 2 mesi fa stava dietro in classifica). Il tecnico marchigiano ha ormai perso la bussola della gestione tecnica della squadra, come dimostrano le improvvide formazioni che ha schierato nel 2016. La sua scarsa lucidità è dimostrata pure da quanto dichiara alla stampa, in questo senso ben venga una sua squalifica per la prossima gara di campionato a San Siro contro la Sampdoria. La partita di sabato sera è l'ultimissima spiaggia per sperare ancora in un piazzamento al terzo posto e ai preliminari di CL. Senza la qualificazione all'Europa che conta, non solo sarà ufficiale il fallimento gestionale di Mancini, ma si appaleseranno quelle difficoltà economiche provocate dallo scellerato ed esoso calciomercato fortemente voluto dal Ciuffetto. E che, in luogo del riportare l'Inter nelle posizioni alte del campionato, distruggerebbe le basi economiche portate dal presidente Thohir. L'ex patron Moratti lo esortò vivamente per cacciare Mazzarri e mettere sotto contratto RM, un errore marchiano senza bisogno del senno di poi.

venerdì 12 febbraio 2016

Bertolaso a Roma


Il centrodestra capitolino candida sindaco un uomo esperto in massaggi (ricevuti). In questo senso di capisce l'inopportunità politica di Rita Dalla Chiesa.


Comunali a Roma, il centrodestra candida Guido Bertolaso: 
«Onorato accetto la sfida»

Berlusconi, Meloni e Salvini chiedono all’ex capo della Protezione civile di guidare una larga coalizione «aperta a società civile, imprese e volontariato» per la corsa al Campidoglio


LE INTERCETTAZIONI DOPO LA SERATA AL "SALARIA SPORT VILLAGE" DOVE IL CAPO
DELLA PROTEZIONE CIVILE AVREBBE AVUTO UN RAPPORTO CON UNA RAGAZZA BRASILIANA

Monica dopo il 'massaggio' a Bertolaso"Meraviglioso... Lui ha visto le stelle"



giovedì 11 febbraio 2016

Piazza Affari in caduta libera


Le perdite in Borsa dall'inizio dell'anno non sono necessariamente una brutta notizia per l'economia italiana: i capitali finanziari che perdono valore sia a Piazza Affari che impiegati in titoli di stato potrebbero essere dirottati, almeno in parte, su investimenti un po' più concreti, tipo sull'economia reale...

Piazza Affari in caduta libera

Dopo il rimbalzo di ieri, i titoli bancari tornano ad affossare le Borse. È Milano la maglia nera d'Europa

mercoledì 10 febbraio 2016

Mancini vattene


Dopo il pirotecnico 3 a 3 a Verona, ho sperato che il Ciuffetto marchigiano che siede indegnamente sulla panchina dell'Inter togliesse spontaneamente il disturbo DIMETTENDOSI. Invece Mancini continuerà ad essere l'allenatore nerazzurro, almeno fino al termine della stagione. Al termine della quale Thohir dovrebbe convocarlo e segnalargli come questa squadra, costruita per assecondare i suoi desideri, è orribile grazie alla sapienza dell'allenatore.


Boninsegna: “Una squadra in confusione e Mancini è responsabile perché i calciatori li ha scelti lui”

martedì 9 febbraio 2016

Vodafone - Ricarica Automatica

Questa funzionalità che consentirebbe ai clienti Vodafone con scheda ricaricabile di collegare il proprio credito telefonico ad una carta di credito, in modo che appena esso scende al di sotto di una determinata soglia parte una ricarica automatica, NON funziona da almeno un paio d'anni. Non ci credo che V. non riesca a risolvere questo problema ma piuttosto che si sia dimenticata di tenere ancora in vita questa funzionalità ormai defunta.

Calendari spezzatino


La 25° giornata di Serie A si giocherà spalmata su 4 giorni: si comincia il giovedì sera con Lazio - Verona (causa il Sei Nazioni di rugby con Italia - Inghilterra del 14 febbraio) e si prosegue all'indomani con l'anticipo Champions tra Carpi e Roma. Poi 3 partite (in orari diversi) il sabato, infine le ultime 5 nella giornata di domenica. Alle ore 15 si disputeranno solo 3 gare. Posto che gli orari sono determinati dalle televisioni a pagamento, tanto varrebbe seguire l'esempio della Liga spagnola dove le partite disputate simultaneamente sono rare e lo spettatore teledipendente può seguire dalla propria poltrona integralmente tutto il campionato.

lunedì 8 febbraio 2016

Pizzaburger


L'elogio del junk food commercializzato da una multinazionale (la Cameo) autoassolve il consumatore dedito al peccato occasionale - ma lussurioso - di stampo gastronomico. Prima o poi la compro.

L'Acqua Ufficiale del Giubileo


Con le prove di acquisto si guadagnano Punti Penitenza? Che poi, se magari è vero, ci si danna per l'eternità all'inferno pensando che bastava comprare un faldone da 6 bottiglie di queste acque per garantirsi la salvezza eterna del Paradiso.


venerdì 5 febbraio 2016

Oristano


Il record di sfortuna è detenuto saldamente dalla provincia di Oristano: lì quasi un residente su dieci percepisce una pensione di invalidità. Tale scalogna è più diffusa nelle regioni del Sud rispetto al resto del territorio nazionale percui si può affermare che mediamente i cittadini meridionali sono più sfigati degli altri italiani.




Idolo Armero


La moglie del terzino dell'Udinese Pablo Armero è una persona suscettibile. E' bastato aver scoperto il consorte in compagnie di 2 prostitute per prenderlo a cinghiate.


Armero preso a bastonate dalla moglie: sorpreso in casa con due prostitute



giovedì 4 febbraio 2016

#interchievo 2° tempo


Vincere 1 a 0 avendo dominato la partita non è virtuoso. Il Chievo ha tirato una sola volta in porta (al 44° con il monumento vivente clivense Pellissier) ma è successo sovente che l'avversario interista di turno bucasse la nostra difesa nei minuti finali. Proprio per questo servirebbe chiudere la partita ben prima del 90° e per fare questo non è neppure sufficiente produrre finalmente un gioco o bombardare la porta avversaria. Senza dei terminali di attacco efficienti (che non significa schierare fuoriclasse) i cross si traducono in azioni da gol sterili. Il solo Icardi, ancorché un po' sfigato di questi tempi nel centrare pali e traverse, non può cantare e portare la croce. Palacio ed Eder non hanno mai brillato per spietatezza nell'infilare reti. Jovetic e Ljajic non si capisce che ruolo abbiano. Il calendario da qui a fine stagione sarà durissimo per l'Inter e l'improduttività offensiva potrebbe rilevarsi la causa principale della mancata qualificazione ai preliminari di Champions.

mercoledì 3 febbraio 2016

#interchievo 1° tempo


Una società seria, dopo questo primo tempo contro questo Chievo, caccia su 2 piedi Mancini (e la sua pletora inutile di collaboratori, con o senza pizzino di ordinanza) e sorteggia una coppia di tifosi che sono allo stadio a cui affidare la gestione tecnica della squadra, nel prossimo secondo tempo. Poi, per il finale di stagione, basta prendere un allenatore a caso, anche richiamare Mazzarri, e chiunque farà meglio del Ciuffetto sciarpato jesino. Manca il coraggio, oltre al realismo.

martedì 2 febbraio 2016

Scandali ricorrenti


A Roma c'è voluto il commissario prefettizio per accorgersi che alcuni appartamenti di pregio ubicati in zone assai prestigiose sono concessi in affitto a prezzi ridicoli. Il sindaco che stava in Campidoglio fino a qualche mese fa forse era impegnato ad altre attività e questi particolari gli erano sfuggiti. Bravo Ignazio Marino.


lunedì 1 febbraio 2016


I 5 ex interisti che giocano nella Samp hanno "esportato" la bassa qualità anche in terra ligure. Montella però se l'è cercata: schierare Ranocchia, Dodò, Alvarez, Viviano e Silvestre contemporaneamente vuol dire volersi male.

Derby Milan 3 Inter 0


Roberto Mancini, l'allenatore più pagato della Serie A, ha creduto di poter fare risultati vendendo Kulovìc nella sessione invernale del calciomercato. Errore inaudito. Entro stasera alle 23, quando si chiuderà la finestra dei trasferimenti, bisogna esercitare il diritto di recompra. Oppure cacciarlo seduta stante.

Dopo i 5 punti conquistati in 6 partite, l'Inter deve leccarsi le ferite. Mercoledì prossimo giungerà al Meazza quel Chievo che ieri è stato strapazzato in casa dalla Juventus. Servirà tirare in porta, possibilmente non centrando i pali e le traverse, e questo è il tratto più preoccupante in vista della tenuta di un piazzamento valido per accedere all'Europa League.

Il difensore centrale rossonero Alex meritava il rosso al 24° del secondo tempo, ciò nonostante il 3 a 0 rappresenta l'ennesima sconfitta.