lunedì 22 giugno 2015

Sorpresa in serbo


L'allenatore serbo si poteva risparmiare il fatto di accettare la panchina degli zozzoneri, ma d'altro canto avendo allenato già 4 club di Serie A con 2 esoneri a stagione in corso (più il fallimento con la Serbia non qualificata per Brasile 2014) si può capire il fatto che volesse migliorare il suo score con un altro rotondo licenziamento a stagione in corso.

L'ingaggio di Siniša Mihajlović presso la corte dei biretrocessi è il classico caso di allenatore assunto per venire cacciato in primavera, così da addossargli le colpe della società che ha toppato la campagna acquisti. 

Questa abile mossa ricorda in un certo senso il prolungamento del contratto di Mazzarri alla fine della scorsa stagione: rinnovare il tecnico è significato per la dirigenza nerazzurra un bonus da giocarsi durante la successiva stagione per nascondere all'opinione pubblica le decisioni di mercato non felicissime. 



Milan, Mihajlovic: "Nessuno ha più voglia di me di allenare questa squadra"

Il tecnico serbo ha parlato a margine del Workshop con gli sponsor: "Arrivare a guidare questa squadra da ex avversario è più stimolante e mi attribuisce maggiore responsabilità

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.