domenica 1 marzo 2015

INT 0 FIO 1

Tra le imprese non meglio riuscite del ritornante Mancini vi è certamente l'essere riuscito a perdere in casa contro la Fiorentina, risultato che mancava in campionato dall'anno 2000. Il rendimento del sedicente allenatore, assunto in casa nerazzurra per motivazioni tecniche sconosciute, continua ad essere peggiore di quello del manager che ha sostituito a furor di popolo. Il perdurante entusiasmo verso lo Sciarpetta provocherà ai suoi (tanti) estimatori interisti un forte mal di testa il giorno in cui si renderanno finalmente conto che il Mancio non ha risolto i mali dell'Inter ma anzi li ha acuiti: è il classico down che incorre in coloro i quali sono terminati gli effetti dell'assunzione della sostanza psicotropa. L'entusiasmo generato dal presunto gioco ritrovato dall'Inter verrà tarpato non appena il tifoso medio si renderà conto che non è un sistema virtuoso scoprire la difesa per puntellare la fase d'attacco inesistente, modello non sempre suffragabile con le prodezze individuali a turno dei vari Icardi, Guarin o Handanovic.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.