martedì 31 marzo 2015

Punire chi mangia i conigli


Questa personcina si trovi un hobby che sia meno grottesco del difendere i leporidi quadrupedi: se a lei non aggrada la carne del coniglio oppure è dispiaciuta del fatto che questi inutili animali pelosi vengano "sacrificati" per l'alimentazione umana, acquisti altre tipologie di carni oppure si nutra solo di verdure.



Brambilla chiede il carcere per chi mangia conigli: ‘Diventino animali da compagnia’


Cronaca




La proposta di legge della deputata forzista prevede da 4 mesi a 2 anni di condanna e multe da mille a 5mila euro per chiunque "allevi, esporti, importi, sfrutti economicamente i conigli a fine di macellazione e commercializzazione della carne"

149 morti nella strage dell'Airbus


I tedeschi sono bravi e precisi, hanno un senso dell'etica superiore ai mediterranei, ciò nonostante la sicumèra istituzionale con cui il copilota ha potuto impossessarsi dei comandi del velivolo della Germanwings per schiantarsi sulle Alpi francesi lascia qualche perplessità.


lunedì 30 marzo 2015

Inzaghi e Gattuso

MILANFRECCIATA

Gattuso: "Milan, tanta improvvisazione. Scelta Inzaghi mossa affrettata"

"Un periodo di flessione dopo anni gloriosi ci può stare - commenta in radio l'ex centrocampista rossonero - ma oggi non vedo una linea". Su Inzaghi: "Secondo me è stata una mossa affrettata da entrambe le parti. Come la mia a Palermo". Su Conte: "Bravo, ma lo stanno stuzzicando..."


Detto da uno che nella sua esperienza da allenatore è stato esonerato (o si è dimesso) in tutte e tre le occasioni in cui ha gestito una panchina, Ringhio critica un collega in difficoltà e non da un grande pulpito. Rino Gattuso mi sta simpatico, pur essendo stato bb?ilanista per 13 stagioni, ma alle volte sarebbe opportuno esprimere dei giudizi solo se corroborati da una positiva esperienza nel settore.

sabato 28 marzo 2015

Totto


Sarà pure pirla ma è (stato) un grande.


Era il 28 marzo 1993. Il 16enne Francesco Totti entrava in campo nella partita Brescia-Roma. Tre minuti soltanto per l'esordio di colui che diventerà in breve tempo la bandiera giallorossa.

I fatti degli altri


Ma io mi domando e dico: che m*****a glie ne f***e ai vescovi - che per loro libera scelta sono celibi - se due persone voglio unirsi civilmente? Sono invidiosi o semplicemente si oppongono alla felicità rappresentata dall'ufficializzazione davanti alla legge di un rapporto sentimentale perché seguono regole religiose scritte duemila anni fa, che forse sono state pure male interpretate. Intanto questi gerarchi della Chiesa Cattolica continuano a condizionare pesantemente la modernizzazione dello stato, a cui loro dovrebbero appartenere quali semplici e ininfluenti normali cittadini.


venerdì 27 marzo 2015

Completino lingerie con manette


Si può vivere senza dell'intimo femminile che non ha neanche le manette?

Completino lingerie con manette 

Fai impazzire il tuo partner e stupiscilo con un completino lingerie con manette. Metti in risalto la tua sensualità e la tua eleganza! Scegli la taglia e il colore.




giovedì 26 marzo 2015

Futuro nerazzurro splendente


L'Inter paga 2 tra i 20 allenatori più pagati del mondo, è virtualmente al 10° posto in campionato dopo essere già uscita dalle coppe e alla fine della stagione dovrà vendere Icardi e/o Handanovic per equilibrare introiti e spese. Per il resto tutto bene.


GLI ALLENATORI - Presente un po' d'Italia invece tra gli allenatori. Mourinho guida la classifica con 18 milioni di euro incassati all'anno, seguito da Carlo Ancelotti che porta a casa 15,5 milioni di euro ogni anno (tra ingaggio del Real Madrid e bonus). Il podio viene chiuso da Pep Guardiola con i suoi 15,2 milioni l'anno d'incasso. Al nono posto troviamo Fabio Capello, che percepisce 9 milioni l'anno dalla Russia. Nella top 20 presenti anche Mazzarri, Mancini, Di Matteo, Spalletti e Conte. (fonte)

Fisco e religione



In Germania se sei credente di una religione paghi una tassa (alla tua fede di riferimento), che non pagano gli atei. Luca Toni quando militava nel Bayern Monaco aveva dichiarato - per un anno - di essere ateo così da risparmiare la relativa somma di denaro da versare al fisco tedesco. In Baviera hanno la memoria lunga e ora chiedono all'attaccante del Verona l'importo non versato più gli interessi.


mercoledì 25 marzo 2015

Il geografo Salvini


Ma quanto si può stimare una persona che indossa una felpa diversa in ogni città che visita? Ma, soprattutto, perché vuole comunicare al mondo in che città si trova? Lui magari non lo sa ma gli individui che lo circondano orientativamente hanno notizia del comune in cui si camminano e non hanno bisogno del conforto di qualcuno con l'apposita felpa segnaletica.

lunedì 23 marzo 2015

L'etnologo Mancini


Dopo aver devastato l'Inter, all'indomani dell'ennesima sconfitta (questa volta decisiva rispetto alla mancata qualificazione nelle coppe europee) Roberto Mancini non solo parla ma seguita nel dimostrare tutta la sua proverbiale insipienza.


Nazionale, Mancini: "In azzurro solo gli italiani: no agli oriundi"

"Penso che un giocatore italiano meriti di giocare in nazionale, mentre chi non è nato in Italia, anche se ha dei parenti, credo non lo meriti. E' la mia opinione"


Un'affermazione quella sua che fa apprezzare addirittura le parole di un Tavecchio qualsiasi sul fatto che "Se uno ha la cittadinanza italiana, può giocare in Nazionale. Il discorso è chiuso"; il Mancio dovrebbe telefonare a Claudio Gentile (il terzinaccio che ha annullato Maradona e Zico al Mundiale '82) per chiedergli dov'è nato oppure scrivere una mail a Simone Perrotta (titolare in tutte le gare disputate nella Coppa del Mondo 2006) per informarsi sul luogo dove questi è venuto al mondo.

RM ha forse ragione nel merito della sua affermazione (le nazionali che fanno campagna acquisti "comprando" i giocatori regalando loro la cittadinanza in base all'albero genealogico) ma al solito si esprime male. Difetto che si ritrova anche nella conduzione tecnica delle squadre che gli fanno disgraziatamente allenare.

domenica 22 marzo 2015

Le Orme e i truzzi

Il "centro moda" di Cesano Boscone è il punto di riferimento per gli zarri di tutta la zona di Milano Sud, dal 1971. Il tamarro di periferia vi si abbevera per procacciarsi il suo abbigliamento zoticone, lo fa da generazioni in questo super negozio sito sulla Nuova Vigevanese, che rappresenta un'istituzione culturale insostituibile. Io infatti quest'oggi lì ho acquistato un paio di scarpe taglia 27 di Spider-Man con le lucine che si accendono camminando.

L'ultima spiaggia di Genova


Quella di stasera in casa della Samp è l'ultimissima occasione di riscossa che concedo a Roberto Mancini. Anche perché la gara contro i blucerchiati rappresenta il treno senza appello per la qualificazione all'Europa League (attraverso 2 turni preliminari ma il coefficiente UEFA non dovrebbe riservare sorprese indigeste). RM ha sostituito Mazzarri perché avrebbe dovuto fare meglio di lui; invece pur chiedendo e ottenendo 4 nuovi giocatori, ha fatto peggio del predecessore: 1,76 punti a partita per WM, 1,27 per RM. 
Mi auguro che anche questa sera non attui il suo solito turnover, a questo punto della stagione non avrebbe senso ma dal tecnico jesino mi aspetto questo ed altro. Fossi in Thohir, in caso di mancata vittoria al Marassi, prenderei in seria considerazione l'ipotesi di richiamare Mazzarri in panchina (con tante scuse): la sua vituperata di difesa a 5 garantiva un maggior equilibrio tattico alla squadra, che sarebbe un passo avanti rispetto allo spumeggiante modulo di Mancini (4-2-adminchiam) che ci dà tanto possesso palla, molto inutile spettacolo con i parecchi gol subiti. 
L'Inter non è il Milan a cui nel momento del bisogno fischiano a favore falli da rigore compiuti fuori (già 8 concessi, fino a oggi), deve contare solo sui propri mezzi, in questo momento perlopiù scarsi.

sabato 21 marzo 2015

PERSONAL SHOPPER


Tra i vari servizi che offre, Eataly da la possibilità al cliente di essere affiancato da un esperto che gli spiega storia e caratteristiche dei prodotti in vendita. Il buon Farinetti ritiene - a ragione - che i frequentatori del suo centro commerciale siano rimbambiti.


Fare la spesa da Eataly Smeraldo è un'esperienza davvero unica perché da oggi puoi prenotare gratuitamente il tuo Personal Shopper.
Il Personal Shopper ti accompagnerà in tutte le aree del Mercato di Eataly Smeraldo spiegandoti la storia e le caratteristiche dei prodotti che ti interessano e incuriosiscono di più.

giovedì 19 marzo 2015

Andreazzoli SUBITO


Aurelio Andreazzoli sarebbe l'uomo giusto per traghettare la Roma al settimo posto in campionato. Perché ha il carisma e la professionalità conditio sine qua non per raggiungere questo prestigioso obiettivo. Certo bisogna perdere più di quello che ha fatto Garcia, ma ogni record si può superare, basta volerlo.

Eclissi di sole - 20 marzo 2015


Oh, domani in mattinata c'è un eclissi solare totale e la prossima sarà il 12 agosto 2026. Attrezzarsi con lastre di radiografie, quindi; sperando che il cielo non sia nuvoloso come preconizzato dalla maggiorità delle previsioni meteorologiche.

Bisantis e Failla


C'è un [ottimo] radiocronista che commenta in diretta una partita di calcio e un altro [mediocre] giornalista che esulta rumorosamente al gol della sua squadra del cuore (la Fiorentina, che segna contro il Milan nell'ultima domenica di campionato), disturbando il lavoro del collega con la propria dissennata esternazione vocale. Tutta la solidarietà a Giuseppe Bisantis che, offeso nella propria professionalità dal comportamento di Fabrizio Failla, reagisce a malo modo alla altrui esuberanza fuori luogo. Nominalmente Failla e Bisantis esercitano la stessa professione nella medesima azienda, tuttavia, nel primo caso si pone più di un dubbio sulla correttezza delle modalità di assunzione dei giornalisti in RAI (e su come certi personaggi possano pure fare carriera).  


mercoledì 18 marzo 2015

La Roma è da scudetto


Era il 19 ottobre 2014 e l'allenatore della Roma dichiarava alla stampa che la sua squadra poteva vincere la Serie A. Con un tempismo eccezionale, due giorni dopo infatti i giallorossi prendono 7 gol in casa dal Bayern Monaco. Da lì i risultati sul campo allontaneranno la Maggica dalla testa della classifica ed ora viaggia con un solo punto di vantaggio sui "cugini" della Lazio.

Rudi Garcia si è comportato da ingenuo ignorando il fatto che vincere a Roma è un affare complicato e storicamente abbastanza raro. I romanisti tendono ad esaltarsi e a celebrare la propria squadra costruendo de facto le condizioni affinché questa fiducia costituisca quell'overconfidence premessa fondativa del tradizionale crollo della squadra. Forse Garcia ha solo anticipato la naturale tendenza dei giallorossi a colare a picco ad un certo punto della stagione non vincendo alcun titolo, tuttavia la caduta "improvvisa" solitamente avviene in primavera, non già in autunno.


sabato 19 ottobre 2013


Garcia, giù la maschera: la Roma è da scudetto

Il tecnico giallorosso non si può più nascondere: questa squadra è grande e il tricolore diventa un obiettivo concreto, non una parola da evitare

Panucci allena il Livorno

Serie B, Panucci è il nuovo allenatore del Livorno

L'ex difensore e vice di Capello nella nazionale russa prende il posto di Gelain: prima esperienza da tecnico, ha firmato fino al 2017. Il suo vice sarà Eranio.


s

lunedì 16 marzo 2015

Serie A senza futuro



Stadi semivuoti grazie ad impianti perlopiù inospitali (scoperti alle intemperie e/o con la pista di atletica a separare le tribune dal campo di gioco), offerta televisiva a basso costo e su più piattaforme che copre tutte le partite disputate, basso livello tecnico degli attori coinvolti nella competizione (rispetto ad Inghilterra, Spagna e Germania) e caro-prezzi del costo dei biglietti per accedere agli stadi. Più l'assurdità burocratica dei titoli d'ingresso nominali (con le relative limitazioni all'acquisto). Tutti ingredienti che hanno ammazzato in Italia la bellezza del calcio quale spettacolo veracemente popolare. Da campionato più bello del mondo a discarica dei giocatori che non sono riusciti a sfondare nei tornei più importanti.

Per rilassarsi?


Nelle motivazioni della condanna dello Stasi nel processo di secondo grado per l'omicidio dell'allora fidanzata è scritto che dopo averla uccisa è tornato a casa sua e navigato sui siti porno alternando questo spettacolo alla redazione della tesi di laurea.

Alberto Stasi «dopo aver commesso il delitto (...) è riuscito con abilità e freddezza a riprendere in mano la situazione, e a fronteggiarla abilmente, facendo le sole cose che potesse fare, quelle di tutti i giorni: ha acceso il computer, visionato immagini e filmati porno, ha scritto la tesi, come se nulla fosse accaduto». Lo si legge nelle motivazioni. Secondo i giudici poi ci sarebbero stati molti errori nelle indagini sul delitto di Garlasco, avvenuto il 13 agosto 2007, quando Chiara Poggi venne uccisa nella sua abitazione di via Pascoli. (corriere)

sabato 14 marzo 2015

Motori e Sky


Dopo aver perso la possibilità di trasmettere per i prossimi 3 anni la Champions League di calcio, la contromossa di Sky è offrire la (quasi) esclusiva delle dirette di Formula 1, MotoGP e WRC (rally); dev'essere una tecnica per incrementare il numero di abbonati che disdetteranno l'abbonamento alla pay TV via satellite per prendere il digitale terrestre di Mediaset Premium; ciò che colpisce però è che questa ideona è venuta dagli uffici Sky di Rogoredo e non da Cologno Monzese: marketing suicida? Chi li ha persuasi del fatto che i motori fanno ancora audience in televisione, addirittura spendendo pure fior di soldi?


venerdì 13 marzo 2015

La scienza di Focus


Più sono grandi, più sono efficienti: le città funzionano così, oggi come ieri.


Certamente dev'essere per quello che per rifare la carta d'identità a Milano ci si mette 3 ore mentre ad Assago un quarto d'ora. 


Già


"C’è una domanda che aleggia sul doloroso passo falso nerazzurro: perché Mancini ha lasciato in panchina Handanovic, uno dei portieri più forti del mondo? E’ vero che Carrizo era sempre stato titolare in Europa League e non aveva sfigurato. Ma quando il gioco si fa duro anche i sentimenti devono lasciare il posto alla ragion di stato." 

In altre parole, Roberto Mancini è inidoneo a rivestire il ruolo di allenatore. La colpa non è sua, ma di chi lo ha assunto non rendendosi conti della sua inadeguatezza (tifosi interisti compresi). 


giovedì 12 marzo 2015

Wolfsburg 3 Inter 1


Se hai la fortuna di andare in vantaggio (con un duro intervento ai limiti del regolamento di D'Ambrosio che ha poi innescato l'azione del gol di Palacio) e sei un allenatore normodotato cosciente dei grandi limiti della tua difesa, una volta in vantaggio levi un terzino e pensi a salvare quel risultato, limitando i danni che fisiologicamente subirà la tua squadra. Se invece ti chiami Mancini, metti dall'inizio un portiere che non a caso è la riserva del titolare Handanovic. Mancini sta facendo peggio di Mazzarri, che giocava un calcio oggettivamente peggiore del suo successore ma otteneva risultati migliori (con il Ciuffetto in panca sarebbe stato arduo pure superare la fase a gironi di EL). L'obiettivo stagionale rimasto al sedicente allenatore marchigiano sarà perdere con onore nel ritorno a San Siro e dichiarare nuovamente alla stampa che nella prossima stagione l'Inter gareggerà per lo Scudetto, così da rallegrare le menti frastornate degli interisti che credono in Mancini.

Intanto nella prossima stagione invece che i turni preliminari di una coppa europea, ci aspettano i 64esimi di Coppa Italia, rinunciando in questo modo a tournée internazionali con ben altro rendimento economico.

Condannare tutti


La linea editoriale del Fatto Quotidiano è semplice: se un imputato viene assolto, c'è del marcio da qualche parte. Marco Travaglio e compagnia bella non hanno digerito bene l'assoluzione di Silvio Berlusconi..


martedì 10 marzo 2015

Sfigati con la Mezzaluna

Terrorismo, hackerato il sito di Vladimir Luxuria

Sulla home page appare l’ormai nota bandiera dello Stato islamico, con una scritta in arabo: "Non c’è dio al di fuori di dio. Maometto è il suo profeta"

Il pericolo dei folli raccolti intorno alla famigerata sigla dell'Isis viene ridimensionato dopo l'impresa di hackeraggio del sito di Luxuria?


Pallonetti dagli 11 metri


Il primo rigore tirato con un colpo a cucchiaio di cui la storia del calcio ha menzione occorse nella finale del Campionato Europeo per nazioni del 1976 giocata a Belgrado. Ne fu autore Antonín Panenka e consentì alla Cecoslovacchia di battere la Germania Ovest. Il suo fu il decimo e ultimo penalty della serie di calci dal dischetto dopo che anche i tempi supplementari non avevano decretato alcun vincitore.

Panenka fu coraggioso nel tentare la realizzazione con lo scavino: avesse sbagliato, si sarebbe attirato le critiche anche del regime comunista il quale non avrebbe esitato nel rispedire il suo giocatore al pesante lavoro in fabbrica.

Il rigore calciato con il colpo "sotto" più famoso nel nostro Paese rimane quello realizzato da Totti contro l'Olanda ad Euro 2000 mentre l'applicazione più nefasta risale ai preliminari di Champions del 2012 quando il poco fortunato Maicosuel si fece parare il rigore decisivo dal portiere del Braga: la sua Udinese fu retrocessa in Europa League e l'allenatore friulano punì il suo centrocampista brasiliano tenendolo un mese fuori rosa per punizione.

Per calciare un rigore con tiro a foglia morta ci vuole una certa personalità nonché una buona dose di sfrontatezza: Simone Inzaghi ne calciò uno contro la Reggina sul 2 a 0 per la Lazio e facendoselo parare da Taibi, che non la prese bene...


lunedì 9 marzo 2015

Senza Titolo


Zanetti (Javier) che cerca i suoi avi italiani, Blomqvist che esalta il mercato "da Milan" e la Mancio Story; altri tempi per il Guerin Sportivo, che già allora non compravo causa insorto anacronismo del mezzo cartaceo.

domenica 8 marzo 2015

40+

venerdì 6 marzo 2015

Senza alibi


La democrazia 5 Stelle è ancora più semplice dell'eliminazione dei concorrenti dall'Isola dei Famosi tramite televoto; basta collegarsi sul sito di Peppe Crillo, registrarsi loggandosi sul sacro blog e fare un click sulla stellina. Tale procedura non è neanche pericolosa per il cervello, che non è sollecitato in alcun modo a riflettere sulle conseguenze di un'eventuale uscita dall'euro. 

C'è solo un capitano


Anvédi che bravo Totti che "presta" i suoi immobili al Comune di Roma a prezzi modici.


Servizio pubblico

Il link ad un video porno in cui recita l'attrice Belén Rodriguez pubblicato sull'account Twitter del Festival di Sanremo, manifestazione canora nazional-popolare organizzata dalla RAI: il servizio pubblico, che finalmente viene incontro ai gusti di alcuni telespettatori, viene aspramente criticato per la pubblicazione di questo contenuto culturale e il tweet in breve rimosso.

La carbonara


Ingredienti per 4 persone: 280 grammi di spaghetti; 4 tuorli; 30 grammi di Grana Padano grattugiato; 20 grammi di pecorino grattugiato; 2 grammi di pepe macinato; 200 grammi di guanciale tagliato a cubetti da 1 cm; altri 20 grammi di pecorino. 

Procedimento: cuocere gli spaghetti. In una planetaria montare i tuorli con il Grana Padano, il pecorino e il grasso scolato del guanciale rosolato. Lasciare riposare la crema. Mantecare la pasta con la crema in una ciotola di acciaio fino a rendere tutto cremoso. Si può aggiungere un po’ di acqua calda e del pepe macinato. Impiattare la pasta, grattugiare il restante pecorino e ultimare con una macinata di pepe. Servire tiepida.



Sim Salah bis



Una doppietta di Mohamed Salah, attaccante in forza alla Fiorentina, ha consentito ai viola di espugnare lo Juventus Stadium nella semifinale di andata della Coppa Italia (imbattibilità casalinga violata dopo 26 mesi). Il titolo in prima pagina della Gazzetta dello Sport di oggi è meraviglioso.

giovedì 5 marzo 2015

Metropoli o provincia


Un test semplice semplice per sapere se il comune in cui si vive è un paese oppure una città è la presenza o meno degli annunci mortuari. Nel primo caso vi sarà un avviso affisso nelle bacheche stradali ad informare la cittadinanza del sopraggiunto lutto, nel secondo - se il defunto era abbiente - un necrologio sulle pagine del quotidiano locale.  


Situazione patrimoniale dell'Inter


Il tifoso interista guarda soprattutto ai risultati sul campo, è già questa preoccupazione gli basta per ammorbarsi. Uno sguardo al bilancio al termine della stagione 2013/14 spiega l'attenzione della UEFA alla voce "Fair Play economico": i costi hanno superato i ricavi per 102,4 milioni di euro e i debiti netti della società ammontano a 360,5 mil: se l'Internazionale FC SpA fosse un'azienda normale si potrebbe ragionevolmente pensare essere sull'orlo della bancarotta e questa considerazione non sprizza ottimismo per un radioso futuro ricco di soddisfazioni.



martedì 3 marzo 2015

Ritardini


L'Expo 2015 è alle porte (mancano 59 giorni all'apertura) e il sito ufficiale in lingua cinese è ancora down for maintenance: suggerisco che non sarebbe utilissimo inaugurare il portale dopo il termine della manifestazione.


lunedì 2 marzo 2015

We love Putin


Sembra che porti sfortuna essere un oppositore politico di Putin. Tale scaramanzia vorrebbe che alcuni suoi avversari non trovino la morte per cause naturali.


domenica 1 marzo 2015

INT 0 FIO 1

Tra le imprese non meglio riuscite del ritornante Mancini vi è certamente l'essere riuscito a perdere in casa contro la Fiorentina, risultato che mancava in campionato dall'anno 2000. Il rendimento del sedicente allenatore, assunto in casa nerazzurra per motivazioni tecniche sconosciute, continua ad essere peggiore di quello del manager che ha sostituito a furor di popolo. Il perdurante entusiasmo verso lo Sciarpetta provocherà ai suoi (tanti) estimatori interisti un forte mal di testa il giorno in cui si renderanno finalmente conto che il Mancio non ha risolto i mali dell'Inter ma anzi li ha acuiti: è il classico down che incorre in coloro i quali sono terminati gli effetti dell'assunzione della sostanza psicotropa. L'entusiasmo generato dal presunto gioco ritrovato dall'Inter verrà tarpato non appena il tifoso medio si renderà conto che non è un sistema virtuoso scoprire la difesa per puntellare la fase d'attacco inesistente, modello non sempre suffragabile con le prodezze individuali a turno dei vari Icardi, Guarin o Handanovic.


Orti di guerra - Milano 2015

Durante la seconda guerra mondiale, la città non se la passava bene e poteva avere un senso trasformare le piazze in terreni da coltivare. Certo c'era una dose di propaganda e i raccolti né erano sufficienti per tutti né venivano utilizzati in maniera trasparente. Nel 2015, per compensare l'immagine di una Milano cementificata, si adibisce a campo di grano un'area urbana di 5 ettari coinvolgendo alcuni cittadini "volenterosi" per ma solo per dimenticare la realtà di una delle metropoli meno verde d'Europa.

La semina di Porta Nuova, 5mila milanesi contadini per un giorno

Altissima la risposta dei cittadini all’iniziativa promossa dalle Fondazioni Catella e Trussardi e da Confagricoltura. Obiettivo: piantare un campo di grano di 5 ettari