sabato 27 settembre 2014

Il kamikaze prima vittima della strage.

Nel profluvio delle esternazioni nemiche dell'intelligenza tipiche dei grillini, mi ero perso quanto dichiarato dalla cittadina deputata Manuela Corda in occasione della commemorazione del decennale della strage di Nassiriya in cui persero la vita 28 persone, uccise da un kamikaze. I pentastellati vogliono mostrarsi diversi dagli altri, per esempio producendo con regolarità considerazioni poco lucide.


Nessuno pensa a quel povero kamikaze! (Manuela Corda, deputata M5s, durante un intervento alla Camera):
(ANSA) - ROMA, 12 NOV - "Tutti noi ricordiamo commossi i 19 italiani deceduti in quell'attacco kamikaze, e oggi siamo vicini ai loro familiari; a volte ricordiamo anche i 9 iracheni che lavoravano nella base italiana. Nessuno ricorda però il giovane marocchino che si suicidò per portare a compimento quella strage: quando si parla di lui, se ne parla solo come di un assassino, e non anche come di una vittima, perché anch'egli fu vittima oltre che carnefice".

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.