sabato 13 settembre 2014

La leggenda del Santo Chiodo


La Diocesi di Milano possiede uno dei 6 chiodi con cui Gesù Cristo sarebbe stato ucciso tramite crocifissione: detto oggetto di ferro a punta, rimasto disperso per 1600 anni circa, è stato riportato alla luce da San Carlo Borromeo, quello della Santa Inquisizione e dell'umile statua del San Carlone. Per conservare tale reliquia, che in più di due millenni non si è arrugginita neanche un po', all'interno del Duomo di Milano è stata riservata un'area specifica raggiungibile tramite un apposito ascensore detto "Nivola". Essendo questa borchia molto preziosa, viene esposta al pubblico solo 3 giorni all'anno e i fedeli amanti della ferramenta possono ammirare questo sacro gingillo.


In Duomo si ripete il rito della Nivola


L'arcivescovo Scola: "Mostriamo nella vita il rapporto tra il crocifisso risorto e il presente travagliato di questa società, mostriamo il rapporto tra il crocifisso risorto e l'edificazione del nuovo umanesimo che la città ha bisogno di trovare in un'epoca di cambiamenti"

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.