giovedì 31 luglio 2014

L'Unità è viva


Ci sono parecchie persone che si rallegrano quando un quotidiano chiude. Sono quelli che "hanno internet" e pensano che qualunque panzana scritta in rete sia la Verità. Oppure sono quelli, analogamente pirla, che sostengono sia inutile informarsi perché tanto non serve a niente. A codesti sedicenti rappresentanti della specie umana avrebbe giovato la lettura del giornale fondato da Antonio Gramsci. Pessimismo dell'intelligenza, ottimismo della volontà.


"Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo? Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti."
Antonio Gramsci 11 febbraio 1917


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.