lunedì 28 luglio 2014

Le Tour

Il Tour de France è mitico proprio perché si disputa in Francia; l'ultima tappa si corre ai Champs Elysee parigini ed è il degno corollario per la corsa a tappe principe del calendario mondiale del ciclismo. La mitologia della Grand Boucle tocca l'apoteosi sportiva nella volata finale nel centro di Parigi e Vincenzo Nibali può essere ben contento di aver inanellato la maglia gialla finale del Tour dopo aver vinto Vuelta a España (2010) e Giro d'Italia (2013) poiché è stato il secondo italiano nella storia del ciclismo a compiere questa ardua impresa, insieme ad altri leggendari personaggi delle due ruote quali Anquetil, Gimondi, Merckx, Hinault e Contador. In questa stagione il Giro d'Italia era arrivato a Trieste, nel solco di una tradizione assente verso la corsa a tappe nazionale. E' dura doverlo affermare, ma i francesi sono dotati di capacità organizzative superiori, compresa la realizzazione delle tre settimane annuali della gara nazionale di ciclismo. Gli italiani sono la brutta copia dei transalpini, che cercano vanamente di scimmiottare.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.