sabato 14 giugno 2014

Triste considerazione


Si può gioire per un reato? Forse sì, soprattutto se non se ne è vittima. Una donna arrestata per stalking può essere infatti considerata una buona notizia in quanto indice di civiltà, ovvero sintomo di sopraggiunta parità sessuale. Di solito sono le donne a subire questo tipo di pesanti molestie da parte degli uomini, se ora c'è qualche esponente del sesso femminile a "tampinare" i maschi vuol dire che la società si sta modernizzando... 


BOSNIACA IN MANETTE
Va a casa del suo ex e spacca tutto
La stalker finisce a San Vittore

La separazione proprio non la digeriva. E così una bosniaca di 46 anni per mesi ha perseguitato il suo ex, un italiano di 48 anni,fino a che la polizia non ha bloccato la sua furia. La donna, infatti, è stata arrestata per stalking nella notte tra giovedì e venerdì dopo l’ennesima irruzione nell'appartamento del suo ex, a Rho. A rivolgersi alle forze dell’ordine è stato l’uomo, stanco e pure in pericolo di vita per le minacce subite nel tempo. La donna, arrivata a casa dell’ex, prima lo ha minacciato, «Ti brucio vivo», poi è entrata in casa, attraverso una tapparella, per spaccare tutto ciò che si trovava davanti. Sbattuta sul ballatoio dall’ex compagno, gli agenti l’hanno trovata ancora in preda alla furia contro il suo ex. Continuava a ripetere di volerlo uccidere per poi indirizzare la sua rabbia verso gli agenti. Ora la donna si trova nel carcere di San Vittore.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.