martedì 6 maggio 2014

Sinistra osè


La sinistra italiana distrutta dai Fausto Bertinotti (e dai suoi vari cugini), sopravvissuta ancora a SEL di Vendola, deve prendere a prestito un leader dall'estero e fonda la lista ispirata a Alexis Tsipras, degno successore di Ingroia, la cui presenza come candidato premier aveva cancellato la sinistra dal Parlamento italiano a causa del mancato superamento della soglia di sbarramento sia alla Camera che al Senato.

Di fronte a cotanto vuoto politico, la responsabile della comunicazione della Lista Tsipras ha escogitato un sistema per finire sulle prime pagine dei giornali di oggi, ovvero postare su Twitter una proprio foto in bikini. Neanche la Minetti in campagna elettorale era giunta a tanto.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.