giovedì 27 marzo 2014

Lega Nord contro Legge Mancino


L'arguto leghista Matteo Salvini propone 5 referendum abrogativi.

Uno di questi vorrebbe eliminare la legge Mancino, quella che ha come titolo descrittivo "Misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa" (vedi dopo la freccia in basso). Fossi nei panni del bravo Matteo sarei un pirla ma cercherei di leggere cosa c'è scritto nel testo che vorrebbe abrogare, per capire che così depenalizzerebbe l'odio razziale e etnico. Ma forse è proprio questo il fine a cui ambisce lo statista milanese.


  "Art. 3. - 1. Salvo che il fatto costituisca più grave  reato, e' punito con la reclusione da uno a quattro anni: 
    a) chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità sull'odio razziale o etnico; 
    b)  chi,  in  qualsiasi  modo,  incita  alla  discriminazione   o all'odio, o incita  a  commettere  o  commette  violenza  o  atti  di provocazione alla violenza, per motivi razziali, etnici, nazionali  o religiosi. 
2. La pena di cui al comma 1 e' aumentata se il fatto  e'  commesso col mezzo della stampa o con altro mezzo  di  propaganda,  ovvero  in pubbliche riunioni. 
  3. E' vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente  tra  i  propri  scopi  l'incitamento  alla   discriminazione, all'odio o alla violenza per motivi  razziali,  etnici,  nazionali  o religiosi.  Chi  partecipa  a  tali   organizzazioni,   associazioni, movimenti o gruppi, o  presta  assistenza  alla  loro  attivita',  e' punito, per il solo fatto della partecipazione o dell'assistenza, con la  reclusione  da  uno  a  cinque  anni  o,   se   l'organizzazione, associazione, movimento o gruppo ha tra i propri scopi  l'incitamento alla violenza, con la reclusione da due a sette anni.  Le  pene  sono aumentate  per  i  capi  e  i  promotori  di   tali   organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi.". 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.