mercoledì 27 novembre 2013

Nessun rispetto


Che problema c'è? Una coppia che non riesce a procreare "esternalizza" la gravidanza al termine della quale nascono due gemelli. Secondo le leggi italiane, figlie dell'oscurantismo CATTOLICO, si è configurato un reato punito secondo il Tribunale di Brescia con 5 anni di reclusione. Questo perchè, secondo l'accusa:

La volontà della donna di diventare madre «l’ha spinta oltre le regole morali, e soprattutto giuridiche — ha spiegato il pm nella sua requisitoria —. Ma l’aspetto inquietante è che c’è chi, questa disperazione, l’ha sfruttata per motivi economici». 

Più o meno giustamente il giudice applica leggi esistenti e in questo modo:


  1. priva i due bambini della famiglia che li stava crescendo (il figli "appartengono" a chi li alleva) con i traumi che ne conseguono;
  2. la fecondazione eterologa non è ammessa in Italia e per perseguirla è necessario recarsi all'estero con modalità più o meno legali;
  3. c'è qualcuno che sfrutta la disperazione di una coppia che vuole dei bambini in quanto la legge italiana vieta modalità riproduttive da quelle tradizionali, la giurisprudenza italiana è quindi la causa - e non l'effetto - della proibizione. 





Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.