mercoledì 6 novembre 2013

Fusilloni al pesto e mela verde

Sono convinto che questo piatto possa essere cucinato pure senza basilico coltivato nel centro storico di Pra (se proviene dalla periferia è comprensibilmente meno buono), pinoli cresciuti sotto la Torre di Pisa, nocciole raccolte proprio il giorno in cui si festeggia Sant'Anna e aglio rigorosamente proveniente da Vessalico, una volta che si è scoperto dov'è questo posto. Naturalmente la commestibilità della portata è garantita malgrado il non utilizzo di fusilli diversi da quelli della Verrigni, che costano solo 6 euro al chilogrammo essendo stati trafilati in oro e bronzo comprando il pacco-convenienza da € 38.

LA RICETTA dello chef
INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
FUSILLONI FUSILLORO VERRIGNI G 320, MELA VERDE, SALE.
PER IL PESTO: FOGLIE DI BASILICO DI PRA G 100, PINOLI DI PISA G 30, NOCCIOLE RACCOLTE IL GIORNO DI S. ANNA G 20, PECORINO NOSTRALE G 20, PARMIGIANO REGGIANO G 20, ½ SPICCHIO DI AGLIO DI VESSALICO, OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA LIGURE, SALE

Con l’ausilio di un frullatore emulsionate a freddo la frutta secca con l’olio, aggiungendo parmigiano e pecorino. Aggiungete le foglie di basilico ed emulsionate sino a ottenere un pesto cremoso dal color verde bandiera. Mantenetelo al freddo. In una casseruola di media dimensione con acqua bollente salata in ragione di 6 g per litro di acqua cuocete la pasta, scolatela al dente e conditela in una terrina con il pesto, mescolando bene. Adagiate i fusilloni conditi in un piatto fondo e terminate con alcune lamelle o bastoncini di mela verde.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.