giovedì 31 ottobre 2013

Bancari lavoratori normali

Certo nessuna persona intellettualmente normodotata si augura che un solo bancario perda il suo posto di lavoro a causa della crisi del settore (è probabile che la colpa risieda maggiormente nelle colpe dei manager, vedi alla voce MPS). Tuttavia il nuovo contratto di categoria appare più congruo alla media degli altri impiegati. Sentir parlare di 15 mensilità, di 12 scatti automatici dello stipendio per anzianità (del 2/3%) o di premi aziendali slegati dai risultati economici del gruppo di appartenenza, come avveniva fino a 20 anni fa, era solo la manifestazione di un privilegio corporativo pagato dai clienti correntisti bancari. Che andava eliminato, soprattutto negli stessi interessi dei lavoratori impiegati nel credito.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.