giovedì 1 agosto 2013

Berlusconi è un pregiudicato


Premessa: se la Giustizia italiana fosse solerte ed efficiente come si muove verso Silvio Berlusconi, l'Italia sarebbe un Paese più civile.

Il Presidente onorario del Milan per un anno non potrà seguire dal vivo la sua squadra ma sarà costretto a rimanere rinchiuso in una delle sue tante ville faraoniche (o, in alternativa, a portare scompiglio presso i servizi sociali). E non potrà allietarsi con raffinate cene eleganti. In attesa di altre sentenze provenienti dai numerosi processi penali che lo riguardano. Verosimilmente, e in considerazione anche dell'età anagrafica, la pronuncia della Cassazione odierna può aver significato la scomparsa dalla politica del fondatore di Forza Italia: in una democrazia normale sarebbe stato sconfitto e detronizzato dal voto popolare, ma evidentemente l'Italia non è un posto corrispondente a questo aggettivo.


Berlusconi, confermata la condanna
"Interdizione da ridefinire"


La sentenza della Cassazione nel processo sui diritti televisivi. Confermata la pena a 4 anni di carcere. Annullata l'interdizione dai pubblici uffici che dovrà essere ricalcolata
La Pascale si consola con il cagnolino DudùL'arrivo di Marina Berlusconi
 «L'Esercito di Silvio» manifesta davanti a Palazzo Grazioli

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.