lunedì 13 maggio 2013

Finocchiaro alla casta


La senatrice Anna Finocchiaro, presidente della commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama, si fa beccare una seconda volta a fare la spesa con la scorta. A parte la scarsa popolarità che può avere utilizzare agenti di pubblica sicurezza per assecondare la sua voglia di shopping, lo sa la nostra bella parlamentare che esiste il commercio elettronico, ovvero che può effettuare tutte le spese che vuole via internet? La signora Finocchiaro è a conoscenza dell'esistenza del sito di e-commerce della Coop (attivo a Roma) e che pure l'Ikea effettua vendite a distanza? Che poi risparmierebbe anche tanto tempo e dedicarsi così a tempo pieno alla sua febbrile attività politica.


E Finocchiaro ci ricasca alla Sma 

In un supermercato di Roma la senatrice ha usato la scorta per farsi imbustare e pesare la spesa. Gli agenti hanno impedito ai passanti di fare foto. Un'incredibile recidiva, dopo il caso Ikea










 Un uomo della scorta fuori, accanto alla macchina di servizio, lei dentro, sorridente e rilassata, in vestitino nero e giacca rossa, insieme con gli altri due. Gentilissimi e servizievoli, nell'andare a reclutare le buste marroni della Sma, ma anche quelle in plastica trasparente e leggera che servono per imbustare frutta e verdura. 

Graziosi, nell'aiutarla a scegliere e pesare delle banane. Ma prontissimi, pur sotto l'occhio delle telecamere del supermercato, a intercettare chiunque estraesse un telefonino per tentare di scattare delle foto, domandando con fare inquisitorio "che sta facendo, lei?". (fonte)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.