sabato 30 marzo 2013

Inter 1 Juve 2 pagelle


HANDANOVIC 6 - Sul gol di Quagliarella appare un po' distratto e anche sulla seconda marcatura subita non compie i soliti miracoli; nel finale si spinge in avanti alla ricerca di un pareggio che sarebbe sacrosanto.

CHIVU 6 - Si perde Matri sul gol ma per il resto è la solita sicurezza; di fatto è l'unico difensore a cercare di innescare la manovra.

RANOCCHIA 5 - Meno autorevole delle ultime partite, abbandona il campo per infortunio consentendo alla squadra di passare al 4-3-3.


(Dal 66' CAMBIASSO 6 - Viene espulso perché Rizzoli lo confonde con l'amante di sua moglie; prima del rosso porta le qualità del guerriero lottatore.)

SAMUEL 7 - Ora si capisce di più come mai la difesa ballasse così tanto nei 2 mesi senza di lui; il suo apporto pesante si fa sentire pure sotto la porta avversaria.

ALVARO PEREIRA 5 - E' un mistero che parta titolare; la sua presenza rimpolpa la tradizione interista di vecchia data dei terzini sinistri scarsi: è la versione ipertricotica di Pistone.

KOVACIC 7 - Ci si chiede perchè Strama non lo faccia giocare 20 metri più avanti per capitalizzare la grande tecnica; il giovine croato, comunque, dimostra una tecnica e una classe portentosa.

GARGANO 5 - Inutile e fastidioso come un bel raffreddore; ci si interroga sul motivo percui l'allenatore continui a schierarlo dal primo minuto.


(Dall'80' ROCCHI sv) - Ebbene il pensionato panzone ha giocato ben 14 minuti, e non se n'è accorto nessuno, forse neanche lui.

ZANETTI 7 - Ha taroccato i dati della sua carta d'identità: in realtà è nato nel 1983 ed è arrivato all'Inter a 12 anni; dinamico e propositivo, non si arrende mai.

ALVAREZ 4 - Molle e indeciso come suo solito. Ormai si è capito che è un coniglio bagnato e che il suo acquisto ha rappresentato l'ennesimo abbaglio di Branca.


(Dal 46' GUARIN 6 - I troppi viaggi della settimana lo hanno debilitato ma al posto suo non poteva giocare nessun altro per colpa di una rosa deficitaria non solo nel reparto di centrocampo.)

PALACIO 7 - Deve fare il centravanti e compie anche bene il suo dovere, ma non è quella punta fuoriclasse di cui l'Inter avrebbe disperato bisogno; non è una sua colpa il fatto che 2 anni fa c'era un certo Eto'o al suo posto, ed è "scomparso" pure Milito.

CASSANO 6 - Alterna tocchi di classe ad imprevedibili colpi a vuoto ma tutto sommato gioca una partita soddisfacente,  matura e anche stoica, particolare raro nel suo caso.


Addio a Enzo Jannacci

Enzo Jannacci è stato una figura dalla forza dirompente nella storia della musica italiana, perché è riuscito, pur nella sua milanesità, a portare un linguaggio nuovo, surreale, all'interno della canzone nazionalpopolare. E anche dal punto di vista musicale ha contribuito a svecchiare la proposta allora dominante. Il suo repertorio entra di diritto all'interno del canzoniere italiano del secondo dopoguerra. Ha cantato i poveri, gli ultimi, gli emarginati, ha cantato soprattutto la sua amata Milano. (corriere)

venerdì 29 marzo 2013

Sederi artistici





Clima pre-pasquale sulla Gazzetta dello Sport. A pagina 33 la notizia di una casa di produzione spagnola di film porno che sta cercando 10 giocatori e giocatrici di beach volley. 

La qualità umana che rende speciali queste categorie di sportivi è chiaramente indicata nell'illustrazione a corredo dell'articolo.


giovedì 28 marzo 2013

Non c'è vergogna


Prima le ammazzano il figlio, poi protestano perché sono stati condannati. Il sindacato che ha organizzato questa ignobile manifestazione, o meglio i suoi responsabili, non hanno avuto percezione del proprio comportamento disonorevole.


sit-in organizzato questa mattina a Ferrara da un gruppo di poliziotti del sindacato Coisp sotto le finestre del Comune dove lavora Patrizia Moretti, la madre di Federico Aldovrandi, ucciso a calci e pugni nel 2005 da un gruppo di agenti e per la morte del quale, nel giugno 2012, la Cassazione ha confermato la condanna degli stessi per omicidio colposo.

La Liga in diretta e in chiaro



Da qui alla fine della stagione, una serie di canali televisivi a diffusione locale trasmetterà in diretta le partite della Liga. 
Il valore dei diritti televisivi della Liga è molto basso a causa del fatto che non vi è alcun dubbio sul vincitore finale, ma ritengo interessante il fatto che un circuito di network locali sia riuscito a superare la concorrenza di colossi quali Mediaset e Sky.


mercoledì 27 marzo 2013

Le figurine del papa

fonte


Gesù entrò poi nel tempio e scacciò tutti quelli che vi trovò a comprare e a vendere; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe. Matteo 21,12


martedì 26 marzo 2013

Operazione "Fiato sul collo"


Avevano dato appuntamento in Parlamento per mettere pressione alla vecchia politica e per portare nuove idee. Per il momento invece gli eletti a 5 Stelle non hanno ancora depositato alcuna proposta legge e il capolista grillino al Senato si è anche addormentato, in aula, non a casa sua. Sembra che durante il suo meritato sonno non abbia russato né prodotto alcuna loffa

"Ci vediamo in Parlamento, sarà un piacere" (fonte)

scriveva Beppe Grillo, e in effetti il riposo rientra a buon diritto fra i piaceri della vita.


Parte l’operazione “fiato sul collo” del Movimento 5 Stelle: grillini sempre più esaltati
Beppe Grillo non sembra avere alcuna intenzione di ordinare ai suoi di giungere a un compromesso con il Pd sull’elezione dei presidenti delle Camere. Oggi i grillini hanno votato i loro candidati e hanno occupato i banchi più alti del Parlamento dando il via all’operazione “fiato sul collo”.







Movimento 5 Stelle: per ora tante gaffe ma nessuna proposta di legge



lunedì 25 marzo 2013

I new trolls e Grillo


Non essendo abituato alle critiche, il buon Casaleggio fa dire al suo pupazzo Grillo che i commenti negativi su di lui sono FALSI. Si tratta di un passo in avanti perché di solito li cancella direttamente (VEDI).



Domenica senza campionato


E' ignominioso che il campionato di calcio di Serie A (e tutte le altre massime serie del mondo) venga periodicamente bloccato per disputare partite amichevoli e/o di qualificazione a Europei o Mondiali. Il calcio dovrebbe comportarsi come la pallacanestro che dedica alle Nazionali un mese all'anno, così il resto della stagione non risulta inquinata da simili fastidi e pause tecnicamente immotivate.

giovedì 21 marzo 2013

Zaccagnini, i pranzi e l'urina


I nuovi parlamentari del M5S hanno portato una ventata di novità. Sono contro la CASTA DELLA POLITICA ma non disdegnano il mangiare bene. Il cittadino Zaccagnini ha mangiato 3 volte all'austero ristorante del Senato della Repubblica, spendendo per ciascun pranzo 15 euro, pensava di aver risparmiato rispetto alla frequentazione dei ristoranti del centro di Roma.  

Lo stesso Zaccagnini a novembre scorso aveva postato la notizia della possibilità di produrre energia utilizzando URINA, nuova scoperta scientifica di alcune ragazze africane. 


Movimento 5 Stelle - Il deputato grillino che mangiava al Senato

Roma - Si è già scusato ed ha promesso di voler versare di tasca propria la "differenza" Adriano Zaccagnini, il neo eletto del Movimento 5 Stelle "accusato" di aver mangiato per 15 euro al ristorante del Senato.
Il deputato "grillino" è stato colto in fallo dal settimanale Chi che ha pubblicato alcune foto che ritrarrebbero eletti del Movimento 5 Stelle che consumano pasti nel ristorante esclusivo nel quale, in campagna elettorale, avevano giurato di non voler andare mai.
All'agenzia Italpress, Zaccagnini ha dichiarato di non sapere che il ristorante del Senato offre piatti a prezzi ridotti perchè parte del conto viene coperto da denaro pubblico.
Un pasto può costare intorno ai 15 euro ma altri 80,90 euro vengono pagati dai Contribuenti.
"Ammetto il mio errore - avrebbe dichiarato zaccagnini - e sono pronto a restituire la parte eccedente del conto, in totale sono stato a mangiare lì tre volte, a 15 euro a pasto, quello che manca lo paghero’ con il mio stipendio, pensavo che in quel ristorante si risparmiasse in confronto a un locale del centro di Roma”.
Il deputato grillino ha fatto pubblica ammenda ma resta da vedere se il Movimento, piuttosto rigido su questioni come questa ed al centro di alcune polemiche in questi giorni, perdonerà la "mancanza" anche perchè appare davvero curioso che un esponente di una formazione politica da sempre contro gli sprechi e i privilegi della "casta" si sia fatto cogliere "con le mani nella marmellata".


mercoledì 20 marzo 2013

Un altro finto Vendola beffa Campanella


Questo personaggio è riuscito a cascare in due scherzi telefonici UGUALI in 24 ore. 

Dopo 'La Zanzara', anche 'Tutti pazzi per Rds' trae in inganno il senatore del M5S, Francesco Campanella, fingendosi Nichi Vendola. In seguito alla smentita del leader di Sel di aver tentato un 'inciucio', l'imitatore Barty Colucci richiama il senatore.








In chiesa nel comasco arriva l'acqua santa "da asporto"


Ma uno che ci fa con l'acqua santa che si porta a domicilio? Ci cuoce la pasta che così diventa più buona? Se la beve quando non ha digerito bene? Il suo ingerimento induce un sonno più mistico? Nella mia ignoranza pensavo fosse comune acqua del rubinetto proveniente dallo stesso acquedotto pubblico del rubinetto di casa.

L'acqua è un composto chimico di formula molecolare H2O, in cui i due atomi di idrogeno sono legati all'atomo di ossigeno con legame covalente.

(AGI) - Como, 20 mar. - Anche nelle parrocchie meno 'blasonate' arriva l'acqua santa da asporto. Un tempo erano i contenitori a forma di madonnina portati da Lourdes, ma ora i fedeli potranno usare una comune bottiglietta per portare a casa un po' d'acqua benedetta.

Papa Francesco:


“Non abbiate paura della bontà e della tenerezza”(fq)

Il nuovo papa rompe con il passato e si candida a uomo portatore di valori morali genuini. Per il momento, analogamente a Nonno Nanni, quello dello stracchino.

martedì 19 marzo 2013

Intronato o rintronato?


Una consonante all'inizio di una parola può cambiare completamente il senso della cerimonia svoltasi oggi in piazza San Pietro a Roma. Se, come sembra, il nuovo papa non è già rintronato, siamo sicuri che sia un onore solenne intronare in pubblico?


Papa Francesco, la messa di intronizzazione in Piazza San Pietro: “Non abbiate paura della bontà e della tenerezza”

È l'inizio ufficiale del pontificato di Papa Francesco. Davanti a una folla immensa di fedeli e a tantissime personalità: "Vi chiedo", dice rivolgendosi ai potenti della Terra, "di non avere paura della bontà e della tenerezza" (oggi)


rintronato
[rin-tro-nà-to]
(part. pass. di rintronàre)
A agg.
Stordito, assordato

intronato
[in-tro-nà-to]
part. pass. (di intronàre)
‖ Anche agg. nelle accezioni del verbo

intronare
[in-tro-nà-re]
(intròno)
A v. tr.
1 Assordare con rumore simile a un tuono: Cerbero, ch'introna / l'anime sì, ch'esser vorrebber sorde Dante
‖ Stordire: mi ha intronato la testa
2 estens. Scuotere, percuotere con rumori violenti: le urla intronavano la stanza
‖ ant. Stordire a forza di colpi: ognun si muove / addosso a lui, e coi sassi l'introna Berni
3 ant. Screpolare, incrinare: i. il marmo

intronizzare
[in-tro-niʒ-ʒà-re]
(intronìzzo)
v. tr.
raro Innalzare al trono, conferire dignità sovrana
‖ ECCL Collocare un vescovo sulla cattedra episcopale

La supercazzola di Grillo


L'Svg 4, l'improbabile programma per il sequestro dei beni ai politici da YouTube - CorriereTv



Finalmente un video che prende per il **** il Divino Grillo. Senza commenti, tanto i grullini non li capirebbero, chi ama l'ironia non ha bisogno di supporti editoriali di corredo.

Grazie Corriere.it, augurandomi che questo non sia solo un episodio isolato. La peggior cosa sarebbe (ed è) prendere sul serio questa accozzaglia di ***** ma intellettuali e/o in missione per conto di Dio (o così disgustati dalla politica tradizionale da votare il primo ducetto genovese che passa).


lunedì 18 marzo 2013

Il Favoloso Mondo di Pisapie

Dundee

A Dundee, cittadina scozzese di 150,000 abitanti che si affaccia sul Mare del Nord, ci sono 2 stadi praticamente uguali a distanza di 100 metri l'uno dall'altro.

Analogamente al derby di Glasgow, una squadra della città è filoirlandese/cattolica (Dundee United) mentre l'altra è filoinglese/protestante (Dundee FC).



Visualizzazione ingrandita della mappa

venerdì 15 marzo 2013

«Il mio mito è Nilde Iotti»



Lo aveva detto Marta Grande, ex candidata del Movimento a 5 Stelle per la Presidenza della Camera dei Deputati. Con la differenza sostanziale che Nilde Iotti non mentì sui titoli di studio conseguiti.

«Sono nata a Civitavecchia dove ho conseguito il diploma scientifico; mi laureo nel 2009 in lingue e commercio internazionale presso l’Università dell’Alabama in Huntsville. Successivamente, tornata in Italia, conseguo un Master in Studi Europei. Attualmente mi sto laureando in Relazioni Internazionali presso l’Università  di Roma Tre». (libero)

Nell'immagine cosa aveva scritto di sé sul portale personale del Presidente del Partito a 5 Stelle, contenuto che verrà modificato a breve.

In campagna elettorale risultava come “laureata” nel 2009 in Lingue e commercio internazionale in Alabama (a Huntsville). Su molti giornali era uscito il profilo di «laureata in lingue, sinologa, e quasi  laureata in relazioni internazionali». Appena qualche giornalista ha iniziato a fare qualche telefonata di accertamento,  i titoli accademici sono improvvisamente spariti dai profili in Rete.  La biografia su Wikipedia, dopo decine di modifiche anche in queste ore, ha aggiornato la “laurea” americana in un corso di 63 ore conseguito tra il 2007 e il 2009. E il “master” in Cina? In realtà consisterebbe in un soggiorno estivo a Pechino. (secolo)


Togo da boicottare

L'Inter non ha passato il turno di Europa League a causa del gol segnato da costui. Non compreremo più questi biscotti per un bel po'.

Giordano Vini


12 bottiglie di vino + 6 specialità + 12 piatti in porcellano costano € 29,90 (non 30); ma queste cose te le devono portare a domicilio e questo servizio costa € 17,55 (vedi). 

La fascetta "Tutto a soli" non è quindi del tutto sincera: alla fine si pagano circa 50 euro (€ 47,45 per la precisione), circa il doppio del prezzo della promozione.

Immagino ci siano tanti gonzi che si bevono il vino e la (pseudo)offerta.


giovedì 14 marzo 2013

Rimontopoli

Ci abbiamo creduto ma non ce l'abbiamo fatta lo stesso. Grande rispetto per questa Inter senza attaccanti - quando si DEVE attaccare - che rimonta ai limiti della leggenda. Fieri dei colori nerazzurri, meno del [decisivo] lassismo nella gara di andata. Il Tottenham non ha rubato nulla, ma se Cambiasso avesse buttato dentro quel gol al 92° staremo a discutere un altro risultato. Applausi comunque.

Pere e papa

Archiviato il "Milan da sogno" che trionfava a San Siro umiliando il Barcellona, una parte cospicua di tifosi rossoneri ha pensato di abbandonare il PdL e Grillo per fondare un nuovo MoVimento politico basato sulle 4 pere ricevute.

Intanto in Vaticano - contro ogni aspettativa della vigilia - è stato eletto il nuovo papa già dopo il secondo giorno di conclave. Oggi infatti si giocano le partite di ritorno degli ottavi di Europa League che avrebbero oscurato mediaticamente la notizia dell'elezione del nuovo pontefice.


A proposito della proclamazione del nuovo capo dei cattolici, la prima pagina de "The Sun" associa il sovrano argentino Francesco I all'episodio del gol di mano di Maradona nei Mondiali di Mexico '86 che ha sostanzialmente deciso il quarto di finale Argentina - Inghilterra ("Hand of God").

Poi alle 19 comincia la rimonta certa dell'Inter contro il Tottenham; credo che la gara non vada ai tempi supplementari o ai rigori perché una delle due squadre dai colori nerazzurri avrà avuto la meglio al 90° (5 a 1 per l'Inter, nessuno scampo per i perfidi albionici). Visto che il 3 a 0 dopo 120 minuti può appare l'altro risultato più probabile, di seguito la lista dei potenziali tiratori interisti dagli 11 metri:

  1. Palacio;
  2. Cassano;
  3. Alvarez;
  4. Chivu;
  5. Kovacic.






mercoledì 13 marzo 2013

Jorge Mario Bergoglio nuovo papa (Francesco I)

Il nuovo "erede" di Pietro al soglio pontificio è uno che fino a pochi minuti fa è stato Cardinale presbitero di San Roberto Bellarmino (il santo che ha fatto bruciare Giordano Bruno e che ha fatto abiurare Galileo Galilei); è argentino, oltre che un giovanotto di belle speranze, speriamo sia almeno interista. http://it.wikipedia.org/wiki/Jorge_Mario_Bergoglio

La saggezza degli ZeroGas


E una bella consultazione elettorale con qualche miliardo di elettori, naturalmente on line?



Extra Milan

Dopo l'extra omnes del conclave per l'elezione del nuovo papa, ieri è stata la giornata dell'eliminazione del Milan dalla Champions. I 4 gol segnati dal Barcellona hanno ribaltato il 2 a 0 subito 3 settimane fa nella gara di andata a San Siro.

I primi 2 gol (il primo un capolavoro assoluto) sono stati segnati da Leo Messi e sono state le sue prime marcature su azione contro una squadra italiana. La Gazzetta dello Sport di ieri segnalava questa curiosità.

Ha portato bene anche la profezia di Sheva sul fatto che i catalani in difesa fossero particolarmente vulnerabili. 

La gara è stata dominata dal Barca aldilà della severità del punteggio. I blaugrana debbono ringraziare anche il presidente della società milanista per aver acquistato nella sessione di calciomercato invernale un giocatore non più utilizzabile nelle coppe europee. Avesse comprato un paio di difensori centrali degni del palcoscenico internazionale, e non una punta in un reparto dove il Milan ha abbondanza di giocatori, si sarebbe forse evitata la goleada. L'ingaggio di Balotelli è stato spinto più da motivazioni elettorali che da reali esigenze tecniche.


Massimiliano Allegri, l'allenatore pro tempore del Milan, visto l'infortunio di Pazzini, ha preferito schierare 3 punte, che non erano le più in forma della sua rosa ma che erano accomunate da una capigliatura a cresta. Quando nel finale di partita ha inserito Robinho (e Bojan) aborrendo l'assetto tattico basato su una scelta tricotica, si è visto il Milan migliore (sul 3 a 0 una segnatura rossonera avrebbe qualificato la terza squadra di Milan), ma meglio così.

martedì 12 marzo 2013

Ungheria illiberale


Ma nessuna istituzione europea alza la manina per segnalare che in un Paese del Vecchio Continente c'è qualcosa che non va?


Lo Zamparini

Il Palermo ha effettuato il quinto cambio di allenatore dall'inizio del campionato. Prima Sannino, poi Gasperini, la parentesi Malesani, ancora Gasperini, per ritornare al tecnico iniziale Sannino. Siamo solo alla 28° giornata e il presidente Zamparini può fare di meglio. Per esempio richiamare Malesani esonerando l'allenatore di turno già durante la settimana.

Quando ha assunto il Gasp si era già capito che lo aveva preso per cacciarlo al più presto, uno come lui lo si arruola solo per poterlo esonerare, questo si sapeva. E infatti lo ha cambiato due volte.



lunedì 11 marzo 2013

Inter - Bologna (II)

Squadra senza gioco, allenatore in confusione, giocatori stanchi e svogliati. C'è di peggio?

Ikea Food


Ma io mi chiedo: l'IKEA è leader mondiale nel settore dell'arredamento a basso costo, che ***** di bisogno c'era di commercializzare cibo prodotto con ingredienti ignoti e/o inquinato da colibatteri? Ofelè fa el to mesté ("Pasticciere fa il tuo mestiere"). 



domenica 10 marzo 2013

Inter - Bologna (I)


Il Bologna, nel primo quarto d'ora, sembra giochi in casa lui, oppure sia la squadra meglio piazzata in classifica. In ogni caso, non è un bene per la Beneamata. Amala!, ma è [sempre] dura.


Forno a 120 °C

fonte

venerdì 8 marzo 2013

Trasparenza e veleno per topi


Questa azienda agricola campana si è scelta una ragione sociale premonitrice?


Germania, veleno per topi
nell’insalata made in Italy

In Germania le autorità hanno lanciato l’allarme per una partita di insalata romana importata dall’Italia contaminata da veleno per topi. L’insalata fa parte di un gruppo di 110 cassette vendute nella regione di Reno-Meno: 105 sono già state distrutte, ma cinque mancano all’appello. Una sarebbe già stata venduta in un mercato della cittadina di Offenbach, mentre altre quattro sono già state smerciate ai consumatori da venditori ambulanti. Per ora non si hanno notizie di avvelenamenti. L’agenzia Dpa scrive che il commerciante tedesco all’ingrosso Oezdemir di Francoforte ha ritirato tutte le insalate del produttore «Ortofrutticola La Trasparenza».  (fonte)

Che Bottenham!


A perdere così nettamente girano un po' i maroni. Anche in ragione del fatto che il nostro portiere ha "limitato" i danni. L'infortunio di Milito ha svuotato il vaso di Pandora delle difficoltà tecniche interiste: senza attaccanti non si possono vincere le partite, e magari servirebbe anche un regista, ovvero un costruttore di gioco con meno eruzioni cutanee (e più esperienza) di Kovacic.

Di seguito, come Gareth Bale ieri è stato umiliato da Jonathan.

giovedì 7 marzo 2013

Revisionismo e fascismo


Prendo atto del fatto che sia di moda la rivalutazione del Ventennio mussoliniano e fascista. L'ignoranza in materia non si differenzia per la casacca politica di appartenenza del revisionista di turno. 

Constato la meschina cifra culturale di chi sostiene che tolte le leggi razziali il fascismo aveva fatto anche delle cose buone (Berlusconi), che - prima che degenerasse - il fascismo aveva un altissimo senso dello Stato e della famiglia (Lombardi, capogruppo alla Camera del M5S) e che il fascismo ha fatto delle cose male ma in particolare dopo il 1935 (il ministro Polillo).

Di questo passo tra un po' si potrebbe rivalutare la figura di Hitler solo perché amava tanto tutti i cani.



mercoledì 6 marzo 2013

Il tramonto di Gianfranco Fini


Gli ultimi tre Presidente della Camera dei Deputati sono stati: Pierferdinando Casini, Fausto Bertinotti e Gianfranco Fini. Tutti e tre sono politicamente finiti dopo l'ultima tornata elettorale. Chi sarà il prossimo?


Un piccolo ponte


Il calciatore della squadra di calcio di Prima Divisione (l'ex Serie C1) Massimo Zappino è stato squalificato per 4 giornate. Il giudice sportivo ha voluto punire il fatto che il portiere del Frosinone alla fine della gara contro il Latina abbia indossato una maglietta con la scritta "PONTINO BASTARDO".  Pur in presenza di incipiente e strabordante moralismo, non si capisce la ragione percui sanzionare critiche alla viabilità stradale: evidentemente a Latina c'è la carenza di una qualche "struttura architettonica in muratura, acciaio o legno che consente il passaggio da una sponda all'altra di un corso d'acqua o il superamento di una depressione del terreno" e anche qualcuno che osa offendersi se glielo fai notare.

martedì 5 marzo 2013

Paramatti jr e sr


Il figlio del grandissimo terzino felsineo (e rub?bentino) gioca nella Primavera nerazzurra di Daniele Bernazzani. Fosse forte, speriamo non faccia la fine di Bonucci, Destro, Stefanovic, Bolzoni, Siligardi, Santon, Livaja... giocatori forti e ceduti per un tozzo di pane. Per rimpiangerli un paio d'anni dopo, e comprare Silvestre, Jonathan, Pereira, Rocchi o Kuzmanovic.




Gioca bene gioca male
Paramatti in nazionaleeee
Se Maldini si fa male
Paramatti in nazionaleee

Ladri di carta


L'ultima frontiera del furto è la raccolta differenziata. Se ben fatta è un'autentica risorsa finanziaria, non solo per le amministrazioni comunali. La polizia locale di Milano ha denunciato 6 persone che avevano organizzato il ritiro della carta in anticipo rispetto all'azienda municipale deputata alla raccolta dei rifiuti.


lunedì 4 marzo 2013

Il nuovo che avanza



Con piccoli squadristi che crescono. L'ignoranza sesquipedale proveniente dall'area "culturale" del M5S a Parma ha prodotto l'imbrattamento di un monumento dedicato ad un eroe antifascista; a parte l'atto di vile e disgustoso vandalismo, il segretario del PD dovrebbe essere contento di questa associazione. 
Casaleggio e Grillo non si sono (ancora?) dissociati dall'ignobile gesto.


E intanto a Parma si è registrato un increscioso atto di vandalismo che il Movimento 5 stelle non ha ancora condannato. Nella notte di sabato, un ignoto provocatore ha imbrattato il monumento in bronzo dedicato a Guido Picelli, nell'omonimo piazzale di Parma, scrivendoci sopra: "Sei solo un comunista come Bersani. W Grillo". (iltempo)

domenica 3 marzo 2013

Clamoroso al Cibali

Sotto di 2 gol all'intervallo, l'Inter espugna lo stadio di Catania vincendo MERITATAMENTE per 3 a 2 nei minuti di recupero. Il doppio vantaggio dei rossoblu siciliani è frutto di un gioco spumeggiante fatto di rapide ripartenze che mette in assoluta difficoltà i nerazzurri (clamorosa la papera di Juan Jesus sul primo gol quando si fa uccellare da Bergessio non volendo concedere un calcio d'angolo). 
Prima della rimonta Batmanovic-Handanovic tiene in partita l'Inter con una paratone da 3 punti: contro il Bologna  - nel prossimo turno - non ci sarà, essendo stato ammonito (era diffidato), e sono curioso di vedere chi sarà il portiere titolare.
Strama schiera l'ex giocatore Rocchi dal primo minuto, che si fa notare nei 47 minuti in cui ha giocato solo per un passaggio ad Andujar e per un liscio a botta sicura. Il suo sostituto Palacio, subentrato ad inizio ripresa, ha costituto un reparto di attacco nel primo tempo inesistente e ha deciso la partita con una sontuosa doppietta. 
Bene anche Alvarez, suo il gol della speranza, e Stankovic, autentico regista che ha innescato la "remuntada". Nota dolente per Guarin, il cui infortunio non è certo una buona notizia. Gargano: "diga" davanti alla difesa, è totalmente incapace di effettuare un passaggio in orizzontale. Pereira: ha scoperto che si possono fare i cross, speriamo in bene.

sabato 2 marzo 2013

Cassanate

Chi nasce tondo non muore quadrato. Per i primi 7 mesi di permanenza all'Inter, qualcuno si era illuso che Antonio Cassano fosse cambiato e che il suo carattere "particolare" fosse finalmente giunto a maturazione, come succede alla maggior parte delle persone dopo i trent'anni di età.

Il ragazzo barese è dotato di un talento calcistico notevole, senza avere un comportamento controllato però vale meno. Venire (quasi) alle mani con il proprio allenatore, una persona che conosce (e stima) dai tempi della Roma, si commenta da sé, come il fatto che l'assenza di attaccanti in questo finale di stagione possa diventare per l'Inter una lenta ed inesorabile agonia. 

Domani pomeriggio, se perdessimo a Catania, saremo superati in classifica. Il budget della squadra etnea dimostra che i soldi si possono spendere meglio di quanto abbia fatto la direzione tecnica nerazzurra dall'estate 2010 in poi.


Inter, Strama-Cassano lite e mani addosso Nello spogliatoio provocazioni e spintoni

Milano, 02 marzo 2013

All'Inter fine allenamento rovente, i 2 separati solo da compagni e Cordoba. E oggi toccherà a Moratti tentare di ricomporre

venerdì 1 marzo 2013

Come una discussione fra ultras

Concordando al 100%, propongo integralmente una roba che ho letto da un'altra parte.

E’ inutile, leggendo l’ultimo post di Grillo, è chiaro. C’è una forma di razzismo congenito che mira alla purezza dei più e alla demonizzazione del resto. Sembra di vivere una discussione tra ultras, la difesa a tutti i costi della squadra del cuore. Si parla esclusivamente di passato e non di futuro. Si continuano a dire falsità, e si mette in dubbio anche quello che c’è scritto sulla costituzione. Ciarlatani di professione. Il momento ora è storico. Ognuno si deve assumere la responsabilità delle scelte. Grillo farà di tutto per non governare, non gli conviene ( è tanto facile ululare alla luna ), facendo il tifo per un governissimo, che non si farà. Sono molto preoccupato, perchè come sempre alle prospettive di una nazione si preferiscono le parolacce e gli insulti. Ma tutto questo al nostro Paese piace. Forse ce lo meritiamo.


Acqua Eva e recupero delle bottiglie


Ogni 600 bottiglie di plastica dell'acqua inserite in questo macchina che le comprime si ha diritto a 3 euro; una bottiglia da un litro e mezzo dell'acqua minerale Eva costa all'Esselunga 38 centesimi.

Dopo aver speso € 228 vengono riconosciuti 3 euro, pari all'1,3% dell'importo speso, compreso lo sbattimento di portarle a smaltire in questa struttura non inserendole più comodamente nella raccolta differenziata condominiale.

Una roba veramente geniale, è strano che non abbiano conferito a questa iniziativa il Premio Nobel per l'Economia.