sabato 2 febbraio 2013

Numero 10 dell'Inter


Grandi giocatori hanno vestito questa gloriosa maglia dell'Inter. Da tifoso considero Evaristo Beccalossi il nostro miglior interprete del ruolo di regista dietro le punte, benché Lothar Matthäus e Ronaldo  (non quello obeso poi andato alla terza squadra di Milano) tecnicamente gli siano stati superiori.

Dopo la partenza di Snejider, sarà Mateo Kovacic ad ereditare questo pesante numero di casacca. Devo dire che il suo acquisto per 11 milioni (più altri 4 di eventuali bonus legati ai risultati sportivi dell'Inter) mi lascia perplesso, non tanto perché fino ad una settimana fa neanche lo conoscevo quanto per la giovane età, compirà 19 anni il prossimo 6 maggio. Augurandomi che non sia l'Alvarez croato, rimango sbigottito dal fatto che la dirigenza nerazzurra abbia deciso di scommettere su questo giovine brufoloso. 

Per la legge dei grandi numeri, Branca non può continuare a comprare presunti campioni che pochi mesi dopo si rivelano autentici bidoni. Peraltro se l'estate scorsa avessimo comprato per lo stesso ruolo Marco Verratti avremo speso più o meno la stessa cifra, senza assumere il rischio di aver preso un granchio plurimilionario.





Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.