28/feb/2012

Inter cadaverica



L'Inter è così in crisi che non caccia il suo insipiente allenatore neanche dopo sette sconfitte nelle ultime otto gare disputare, perdite inframezzate da un 4 a 4 casalingo contro quel Palermo che in tutto l'attuale campionato ha segnato lontano dal Renzo Barbera la bellezza di 8 gol. E alla gara con i siciliani è legata anche l'ultima segnatura della squadra, nelle altre partite del mese di febbraio infatti si possono contare ben 0 gol fatti dai nerazzurri. Si potrebbe parlare anche della chicca dei 6 punti che il Novara ha messo in saccoccia contro di noi, corrispondenti al 35% del bottino della sua magra classifica o di altre storiche figuracce accumulate da quando abbiamo vinto il derby.
L'inizio della nuova parabola negativa ha coinciso con la cessione di Thiago Motta al PSG di Leonardo, lo stesso ex-allenatore che l'estate scorsa ha subodorato il naufragio interista richiedendo ed ottenendo la rescissione del contratto. Lo seguì poco dopo il lungimirante Samuel Eto'o, il quale è finito a giocare nella squadra del deserto dei Tartari piuttosto che partecipare all'affondamento strumentale della corazzata Inter. 
Che fare? Innanzitutto sarà importante riuscire ad incamerare quei 4 o 5 punti necessari per raggiungere la matematica quota salvezza. Non sarà facile ma dobbiamo crederci. Per quanto riguarda i giocatori da schierare, per perseguire questo scopo non sarà facile per l'allenatore di turno individuare 11 giocatori non bolliti. Piuttosto che insistere sul centrocampo ottuagenario Zanetti/Cambiasso/Stankovic forse converrebbe attingere alla rosa della squadra Primavera; visto che i risultati sportivi non sono più un obiettivo tangibile, potrebbe essere l'occasione per far accumulare esperienza ai giovani del vivaio, evitando poi di svenderli a fine stagione qualora qualcuno di questi risultasse un valido elemento. 
Per la prossima stagione serve innanzitutto un allenatore con le palle che possibilmente conosca l'esplosivo ambiente di Appiano Gentile. E iniziare da subito a riorganizzare la gestione dell'area tecnica la cui bocciatura appare inevitabile visto lo spessore della campagna acquisti da gennaio 2011 in poi.



Manifestazioni contro la TAV


Migliaia alla manifestazione No Tav "No all'allargamento del cantiere" In serata è tensione a Porta Nuova

Al corteo in marcia da Bussoleno a Susa i sindaci della Comunità montana e i partiti della sinistra: «Diciamo no a un'opera inutile» (lastampa)

Ai NO-TAV le ferrovie
già costruite piacciono molto.

Ieri è occorso un grave incidente Luca Abbà, precipitato da un traliccio nel comune di Chiomonte dopo aver urtato i cavi dell'alta tensione su cui era salito per opporsi all'inizio dei lavori per la ferrovia ad Alta Velocità Torino - Lione. L'estremo gesto dimostrativo segue le manifestazioni di protesta di sabato 25 febbraio (qui accanto alcune scritte poste dai militanti NO-TAV su uno dei vagoni di un treno che li aveva portati nel capoluogo piemontese). 

Ma, al di là della legittima liceità delle manifestazioni (laddove non infrangono leggi scritte o non scritte appartenenti alla convivenza civile), mi chiedevo a quanto ammonta il consenso politico riservato alle liste elettorali che si oppongono ai lavori della nuova strada ferrata Torino - Lione. A questo scopo mi sono andato a guardare la distribuzione dei voti a Chiomonte (sede del cantiere principale) alle elezioni Regionali del 2010, quasi due anni fa. Su 541 voti validi, i partiti che si oppongono alla TAV hanno preso 59 voti pari all'11% dei voti. L'89% dei cittadini di Chiomonte non si è opposto ai lavori. Non sono solo questi numeri che dicono come chi lotti strenuamente contro la TAV non sia la maggioranza dei residenti in Val di Susa e nel resto del Paese... Si tratta infatti di uno schieramento minoritario variegato e trasversale che va da Beppe Grillo (quale gesto estremo produrrà un libro + DVD intitolato "NO TAV quindi tutti ladri" ?) ai movimenti più radicali e non-non-violenti, alcuni genuinamente contro la grande opera pubblica, altri che vi si oppongono unicamente per poter fare casino. 

La morale sarebbe che, giusta o sbagliata sia la scelta di costruire questa nuova linea ferroviaria, in democrazia le scelte della maggioranza dei cittadini andrebbero rispettate,  limitando magari le manifestazioni di dissenso a forme di lotta legalitarie.  

27/feb/2012

Laura Maggi e il corpo

Ma normalmente vestita non si notava.
Se vivi in un anomimo paesino della Pianura Padana, sei una donna mediamente carina e vuoi ottenere la ribalta del successo mediatico c'è solo una cosa che puoi fare. Mostrare generose porzioni del tuo corpo e sperare che qualche giornale se ne accorga. Così ha fatto la bresciana Laura Maggi, "sfruttando" il palcoscenico del bar dove lavora e nel quale ultimamente ama presentarsi indossando un abbigliamento minimale. Tutto sommato la sexy cameriera non ha fatto nulla male, malgrado i commenti di qualche bacchettone, e il suo comportamento risulta a mio giudizio intellettualmente più onesto di quello di qualche impiegata di azienda italiana che si veste succinta, per coniugare per le virtù del proprio corpo ad una dubbia professionalità di secondo piano. Quelle che prostituiscono (almeno) il proprio intelletto in cambio del prestigio sociale indotto dalla carriera.

I nomi delle navi della Costa


Consiglio di procedere alla ridenominazione di tutte le navi della Costa Crociere. Benché un viaggio sulla Costa Mestizia o sulla Costa allo Scoglio possa forse muovere un minore fascino verso quella clientela amante dell'esperienza delle vacanze in transatlantico.



Seychelles, Costa Allegra alla deriva
Incendio a bordo, scattate operazioni soccorso




La nave Costa Allegra è "alla deriva" nell'Oceano indiano, circa 260 miglia a largo delle
Seychelles, dopo che un "incendio è divampato a bordo". Lo scrive il sito di navigazione
Lloyd's List. Dalle prime informazioni non ci sarebbero feriti tra i 1049 passeggeri a
 bordo (212 gli italiani, compresi i membri dell'equipaggio) e il rogo sarebbe stato domato.
Ancora da verificare i danni. Sul posto stanno intervenendo i mezzi di soccorso. (sito)

Strategie contro i lavoratori



Il Governo Monti ha fallito sulla strada delle liberalizzazioni ma è riuscito a sviare l'attenzione generale dal vero obiettivo della lobby di Confindustria che lo ha messo a Palazzo Chigi, ovvero l'abolizione dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, senza il quale le Aziende potranno fare ancor di più i propri comodi a maggior danno delle proprie maestranze.
Il Ministro Elsa Fornero, quella che ha la figlia con due posti fissi uno nell'ateneo dove lavora sia lei che il marito e l'altro presso una fondazione dove la madre stessa ha operato nel consiglio di amministrazione fino a qualche mese fa, ha scovato uno studio di Eurostat dove si evince che nel 2009 gli stipendi degli italiani sono stati la metà di quelli dei tedeschi e addirittura inferiori a quelli di greci e ciprioti. La mossa mediatica del ministro è chiara e rientra nell'ampia strategia politico-coreografica per eliminare le ultime garanzie legislative a tutela dei lavoratori; il suo messaggio è chiaro: "Gli stipendi sono bassi perché si può licenziare poco, fatevi licenziare più facilmente e guadagnerete di più!".
Io, sempre su Eurostat, ho trovato uno studio datato 2006 dove gli stessi numeri mostrano gli stipendi degli italiani in linea con la media europea. I casi sono due: o la Fornero, tra le tante statistiche a disposizione, ha scelto quelle peggiori per l'Italia oppure in tre anni tra 2006 e 2009 lo stipendio medio dei lavoratori italiani ha subito un pesantissimo ribasso.



LE CIFRE DI EUROSTAT

Stipendi italiani: metà di quelli tedeschi
Anche in Grecia e Cipro sono più alti

I dati sui redditi lordi: solo Malta,
Portogallo, Slovenia e Slovacchia
hanno buste paga più magre

 (corriere)



26/feb/2012

Milan - Juve derby dei disonesti


Difficile rispondere alla domanda "Ma se sono tutti e due ladri, a chi rubano?" E infatti bb?ilanisti e rub?entini ieri sera si ciulano un gol avversario a testa. Il telecronista tifoso di Merdaset Premium Pellegatti non si capacita dell'insolubile conflitto e insulta l'allenatore bianconero Antonio Conte.



24/feb/2012

Inps e prese USB


Usb, blitz lavoratori a direzione generale Inps

Roma, 22 feb. - (Adnkronos) - "Un gruppo di lavoratori e delegati Usb sta occupando dalla tarda mattinata di oggi gli uffici della Direzione Generale dell'Inps a Roma". Lo riferisce l'Usb in una nota, precisando che "scopo dell'iniziativa, sollecitare l'amministrazione centrale a chiedere ai ministeri vigilanti il superamento dei vincoli normativi che impediscono di effettuare passaggi di area in numero sufficiente a risolvere il problema del mansionismo nell'Inps.

I lavoratori dell'INPS hanno deciso di lottare e lo fanno in due forme originali: la coniazione di un neologismo e l'occupazione di tutti gli slot delle prese USB dei personal computer della Direzione Generale. L'effetto di questa attività di disobbedienza civile è dunque duplice: costringere la controparte ad individuare il significato di una parola non appartenente al vocabolario della lingua italiana ed intasare i PC dell'INPS, i cui sistemi informatici sono già notoriamente molto efficienti.


23/feb/2012

San Bancomat



Gli sportelli automatici bancari per il prelievo di danaro contante hanno forse trovato il santo protettore.


Don Giussani, al via l'iter canonico
della causa di beatificazione
È una folla delle grandi occasioni quella arrivata questa sera al Duomo di Milano, dove l'arcivescovo Angelo Scola celebra la messa per il settimo anniversario della morte di don Luigi Giussani, di cui oggi è stato dato l'annuncio dell'avvio della causa di beatificazione.
Sono almeno diecimila, secondo la diocesi, i fedeli che hanno riempito completamente le tre navate e che già mezz'ora prima della celebrazione erano in coda sul sagrato.  Nei primi banchi è seduto, tra gli altri, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e numerosi esponenti di spicco del movimento Comunione e Liberazione, fondato da don Giussani, tra cui, ad esempio, il fondatore della Compagnia delle Opere, Giorgio Vittadini.

IL COMUNICATO DI COMUNIONE E LIBERAZIONE
Al termine della Messa celebrata questa sera, mercoledì, nel Duomo di Milano dal cardinale Angelo Scola, nel XXX anniversario del riconoscimento pontificio della Fraternità di CL e nel VII anniversario della morte di don Luigi Giussani, don Julián Carrón, presidente della Fraternità di CL, renderà noto di avere presentato all’arcivescovo di Milano la richiesta di apertura della causa di beatificazione e di canonizzazione di don Giussani.
«La richiesta  - si legge in un comunicato di CL - è stata inoltrata attraverso la postulatrice nominata dal presidente della Fraternità canonicamente costituitosi attore di detta Causa: si tratta della professoressa Chiara Minelli, docente di Diritto canonico ed ecclesiastico nell’Università degli Studi di Brescia. L’istanza è stata presentata all’arcivescovo di Milano - nella cui diocesi è nato, è vissuto e ha operato don Giussani, sacerdote diocesano -, a norma della Costituzione Apostolica Divinus Perfectionis Magister, 25.I.1983, delle Normae servandae in inquisitionibus ab Episcopis faciendis in causis sanctorum del 7.II.1983, nn.11-15, e dell’Instructio Sanctorum Mater, 17.V.2007, Parte II, Titolo I, art. 25 § 1 e 2, affinché l’arcivescovo voglia disporre l’apertura dell’Inchiesta Informativa Diocesana sulla vita, le virtù e la fama di santità di monsignor Luigi Giussani».
Dando la notizia, don Carrón si augura che «la Madonna - “di speranza fontana vivace” - ci aiuti ogni giorno a diventare degni delle promesse di Cristo e della immensa grazia che nel carisma di don Giussani abbiamo ricevuto e ancora riceviamo».(avvenire)

Operazione 'Strade Sicure'


Ecco. I militari sono stati inviati a presidiare le strade per tenere lontano la criminalità dai cittadini. Non il contrario.

Terremoto: 'Strade Sicure', alpini passano il testimone agli artiglieri

L'Aquila 20 feb. (Adnkronos) - Dopo un anno di intensa attivita' a L'Aquila gli alpini del 9° reggimento lasciano oggi la responsabilita' dell'operazione 'Strade Sicure 3' ai colleghi del 33° reggimento artiglieria Acqui. Un impegno che ha visto gli alpini del 9° reggimento operare 24 ore su 24 nel centro storico de L'Aquila e a presidio di alcuni siti di interesse istituzionale, effettuando un totale di 17.850 pattuglie e il controllo di 83.900 autoveicoli e 64.513 persone.
L'operazione 'Strade Sicure', svolta in supporto alle Forze dell'Ordine sotto il coordinamento della Prefettura dell'Aquila, era stata decisa in seguito alla grave situazione d'emergenza creatasi a causa del terremoto che ha colpito l'Abruzzo il 6 aprile 2009, attuando servizi di pattugliamento e di antisciacallaggio nella 'zona rossa', attribuendo ai militari dell'Esercito le funzioni di agenti di pubblica sicurezza.


È ACCUSATO DI TENTATO OMICIDIO E VIOLENZA SESSUALE.

Stupro all'Aquila, arrestato militare

Francesco Tuccia, 21 anni, era il principale sospettato

MILANO - Svolta nell'inchiesta sullo stupro ai danni di una giovane studentessa in una discoteca dell'Aquilano nella notte tra l'11 e il 12 febbraio scorsi. I carabinieri hanno arrestato, nella caserma Campomizzi dell'Aquila, Francesco Tuccia, il 21enne militare della Provincia di Avellino, il principale sospettato. Al giovane militare, volontario del 33/o reggimento Artiglieria Acqui, vengono contestati i reati di tentato omicidio e violenza sessuale. Non si conosce al momento la posizione degli altri due commilitoni sospettati.

Dotto annuncio immobiliare


Quanti saranno i cittadini che rispondono a questo sgrammaticato ma allettante annuncio per questo casolare nella campagna pavese da quasi 300.000 euro a soli 15 minuti dal capolinea della metropolitana verde?



A solo 15 minuti dalla metropolitana
di Assago, in provincia di Pavia
 con ottimi collegamenti 
per Milano, e servizzi, vendesi
nel centro del paese particolare
cascina del fine 800 di mq 500 
circondata da un giardino d
i mq 600 da ristrutturere. La propietà
 ha due ingressi indipendenti, 
con la possibilità di creare due unita 
abitative.Euro 270.000,00. (fonte)

Visualizzazione ingrandita della mappa

22/feb/2012

3-0 a tavolino e ce la giochiamo al ritorno

L'allenatore dell'Inter Massimo Ranieri dovrebbe valutare l'opportunità di non mandare in campo la sua Inter questa sera in quel di Marsiglia (oppure schierare meno di 8 giocatori per non incorrere in più gravi sanzioni della UEFA). In questo modo il verdetto del campo sarebbe un 3 a 0 d'ufficio per l'OM e magari tra 13 giorni si riesce a ribaltare il risultato perché i nerazzurri si saranno miracolosamente ripresi. Poi potrebbe pure uscire un risultato a sorpresa, del tipo che si perde solo 3 a 1 o risultati simili. Non si sa mai.


Mercoledì delle Ceneri
22 febbraio (celebrazione mobile)
Giorno delle Ceneri e principio della santissima Quaresima: ecco i giorni della penitenza per la remissione dei peccati e la salvezza delle anime. Ecco il tempo adatto per la salita al monte santo della Pasqua. 

Corrado Formigli ha denigrato la Fiat


C'è una differenza importante tra una buona informazione e lo screditamento di un prodotto antipatico in prima serata e grazie ad un servizio di circa un minuto? Se il giornalista avesse voluto attaccare la FIAT, avrebbe potuto tranquillamente individuare motivazioni un attimino più credibili piuttosto che strumentalizzare alcune cifre del tutto opinabili.

Io, la Rai e la Fiat: tanti saluti al diritto di critica
Un giudice di Torino ha condannato me e la Rai a risarcire con 7 milioni di euro Fiat per aver realizzato un servizio, nel dicembre del 2010, per la trasmissione Annozero. Si tratta di una condanna senza precedenti, applicata sulla base del codice civile. Una cifra impressionante, del tutto insostenibile. Una sentenza che investe non soltanto la vita di una persona, ma le ragioni stesse della nostra professione. (LINCH)



danyele-world

20 feb 2012 - 19:22 - #24


Sentenza sacrosanta. In quest’occasione ‘Annozero’ ne fece una peggiore dell’altra:
1) mise a confronto due vetture 1.6 (MINI e DS3) contro una vettura 1.4 (MiTo);
2) la MiTo è l’unica della tre che non permette di disinserire il Traction Control, ma questo fatto è stato completamente taciuto nel servizio (il TC dà maggiore sicurezza, ma non ti permette di spingere una vettura al limite su circuito);
3) la prova mostrata da ‘Annozero’ venne fatta su circuito bagnato, senza rilevamenti cronometrici… poi, in studio, la prova venne corredata dai dati di Quattroruote, registrati però in un’altra occasione, su circuito asciutto (basterebbe questo fatto per screditare completamente la prova di ‘Annozero’).
http://www.quattroruote.it/prove/mito-qv-ds3-thp-cooper-s-prova-in-pista-a-vairano
4) gli stessi dati di Quattroruote davano alla MiTo una migliore valutazione complessiva, anche questa cosa taciuta sapientemente dal programma;
5) come unico e principale dato rilevante per la loro prova, quelli di ‘Annozero’ presero come riferimento la velocità massima, come se fosse questo l’unico elemento per stabilire la bontà di una vettura.
In pratica, nonostante per Quattroruote la MiTo sia risultata la migliore nel normale utilizzo cittadino e stradale, secondo la personale interpretazione di ‘Annozero’ la MiTo sarebbe peggiore di MINI e DS3 perché più lenta IN CURCUITO… come se tutti gli acquirenti di queste vetture fossero piloti che corrono a Monza dalla mattina alla sera…
Questo sarebbe il modo corretto di condurre una prova comparativa? E il discorso vale per qualsiasi altro marchio, sia italiano che straniero.
Neanche ‘Easy Driver’ è mai sceso a questi livelli di incompetenza… hanno realizzato il servizio col preciso scopo di denigrare la MiTo agli occhi dell’Italia (ricordiamoci che ‘Annozero’ era visto da 5/6 milioni di spettatori, dui cui buona parte erano giovani, proprio il target di vendita della MiTo).
Sentenza sacrosanta. (autoblog)

Come la Marcegaglia


Anche Walter Veltroni pensa che rendendo più facile eliminare dei posti di lavoro, si crei più occupazione. E' come correlare il fatto che abbattere più alberi possa aiutare a crescere i boschi perché solo diminuendo drasticamente la superficie boschiva si può aiutare la futura forestazione.

21/feb/2012

Voyerismo e politica


Il quotidiano Il Giornale ha insistito da novembre per conoscere la situazione patrimoniale dei ministri del Governo Monti. E ora che queste cifre sono state pubblicate, quanto ne ha beneficiato la democrazia?



Ecco l'Italia dei privilegi: sui soldi dei ministri la trasparenza può attendere

Il governo che ha varato la manovra-lampo non ha ancora reso pubblici i patrimoni di ministri e sottosegretari: dovremo aspettare un altro mese. Il paradosso: da consulente Patroni Griffi aveva online il suo compenso. Ora non c'è... (ilgiorn)

Il web social di MediaShopping



MediaShopping, società del Gruppo Mediaset impegnata nel mercato delle vendite a distanza in Italia, intensifica la propria presenza attraverso i due nuovi profili Facebook e Twitter, firmati Brand Portal.
Il concept alla base dello sviluppo dei profili è: “Acquistare non è mai stato così divertente”. Oltre a rappresentare dei luoghi di interazione con i clienti, i profili Facebook e Twitter sono pensati infatti per regalare un mondo di contenuti esclusivi e utili consigli legati a diversi temi: fitness, casa, cucina, bellezza e benessere. (fonte)


Con un grandissimo successo: 553 "Mi piace" su Facebook e 97 "Follower" su Twitter. La prossima volta MediaShopping dia 50,000 euro a me che gliela faccio io la campagna social web (Mi accontento anche di € 25,000 comunque).

18/feb/2012

Parturient Montes, Nascetur Ridiculus Mus



Verso di Orazio (Ars poetica, v. 139) che, con allusione a una favola esopica che sarà poi anche imitata da Fedro (IV, 22), si riferisce ai poemi il cui svolgimento non corrisponde all’altisonante proemio. La frase si cita talora (come altre simili allusive alla medesima favola: la montagna ha partorito un topoil parto della montagna, ecc.) a proposito di eventi troppo inferiori all’aspettativa.

Il Governo Monti, quello che doveva salvare l'Italia da un supposto crollo finanziario, ha "risanato" le casse dello Stato emettendo nuove tasse (IMU) o irrobustendo quelle già esistenti (IVA) ed è riuscito ad imporle grazie ad una perfetta macchina mediatica che ha legittimato ogni sua azione magnificandolo oltre i suoi meriti. Sul tema delle liberalizzazioni nonno Monti sta cercando di farci credere (riuscendovi) che ampliando di qualche centinaio di unità il numero dei notai, aumentando il numero dei taxi o creando qualche nuova farmacia il prodotto interno lordo crescerà a dismisura... dimenticandosi peraltro i mercati oligopolistici il cui sblocco farebbe ripartire l'economia: banche, assicurazioni, energia. I poteri forti, vedi il curriculum dei suoi ministri come Passera, è meglio non si tocchino, altrimenti si rischia seriamente di modernizzare il Paese.

PER IL QUIRINALE SI TRATTA DI UN PROVVEDIMENTO “CORPOSO E INCISIVO”

Liberalizzazioni. Varato il decreto ‘Cresci Italia’
Monti: possibile un aumento del 10% del Pil
(rai)


Fmi: l'Italia non ce la può fare da sola
Tagliate stime crescita pil 2012: -2,2% 

(messaggero)

17/feb/2012

Non vinceranno il Premio Nobel 2012 per l'Economia

Né Branca né Moratti.


Self made Sugar woman



Non ha approfittato della sua bellezza.
La Fornaciari è la dimostrazione che non importa se tuo padre è uno dei cantanti italiani più popolari al mondo, ti fa entrare ogni anno a Sanremo inspiegabilmente e chiama il chitarrista dei Queen a farti da spalla battendo le mani, se credi in te stessa tutti i tuoi sogni si avverano. (@bknsty)



Teneri rigori rossoneri

C'è una ricorrenza statistica che si ripropone regolarmente ogni campionato di serie A, ovvero che il Milan continua a ricevere molti rigori a favore e pochi contro. E' un caso, naturalmente. O forse no.

16/feb/2012

To Hope

Gli scatenati spagnoli ribaltano a La Coruna il risultato dell'andata: 4-1
tutti sotto la sufficienza i rossoneri, stavolta le due punte non bastano

Deportivo "galactico", Milan horror

il mesto addio alla Champions

LA CORUNA -
 Questa volta non sono bastate nemmeno le due punte. Il Deportivo ha "schiantato" il Milan, cui non è bastato il 4-1 di San Siro: la squadra spagnola ha fatto quattro gol ai rossoneri che non hanno attenuanti. Aveva ragione Galliani, che aveva invitato tutti a stare attenti perché aveva avvertito troppa euforia in casa milanista. 

Sanremoduemiladodici

La prima giornata del Festival di Sanremo ha fatto notizia per lo sproloquio di 50 minuti di Adriano Celentano. Ieri invece ha fatto scalpore la farfallina quasi pubica e il nude look di Belen Rodriguez. Come completamento naturale del ciclo artistico, questa sera ci si può aspettare solo un gara di rutti e peti del duo Papaleo-Morandi, con la Canalis come outsider.

Luoghi comuni sulla regione Campania


EVASIONE
Blitz della Finanza a Napoli:
17 persone denunciate
La Guardia di Finanza ha realizzato una maxi-operazione contro l'evasione fiscale a Napoli, sullo stile di quelle già realizzate nei mesi scorsi a Cortina e Milano, che ha portato alla denuncia di 17 persone e alla scoperta di 66 lavoratori irregolari, oltre a un aumento degli incassi che in alcuni casi ha superato il 900%.
Lo riferisce una nota delle Fiamme Gialle, aggiungendo di aver rilevato irregolarità pari a circa l'82% dei 386 esercizi commerciali controllati tra negozi e locali notturni.
Per la Gdf, la presenza dei finanzieri "ha determinato una variazione media degli incassi del 133%, con un picco massimo del 985%".
Nelle ore serali e notturne sono stati controllati 30 esercizi commerciali nelle zone della 'movidà, come discopub, ristoranti, pizzerie, dove sono stati intervistati 261 lavoratori, di cui 66 irregolari, aggiunge la nota.
Nei confronti di cinque esercizi sarà avanzata proposta di sospensione dell'attività per gravi irregolarità in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.
Per quanto riguarda la tutela del Made in Italy e la contraffazione sono stati sequestrati due depositi, 4.500 articoli contraffatti; 454.190 metri di tessuti introdotti in contrabbando; 54.500 articoli e giocattoli privi dei requisiti di sicurezza; 10 macchinari industriali per la fabbricazione di scarpe; 1 clichè riportante il marchio "Hogan"; 4.320 kg di tabacchi lavorati esteri.
Sono state controllate anche diverse auto di grossa cilindrata per acquisire indici di capacità contributiva da utilizzare per i successivi approfondimenti ai fini fiscali.
In due casi, conclude il comunicato, è risultato che gli intestatari dei veicoli (una Porsche Carrera ed una Audi A5) non hanno mai presentato la dichiarazione dei redditi.



15/feb/2012

Scena del delitto Sandri

La dinamica della morte di Gabriele Sandri è allucinante (oppure agghiacciante). Spaccarotella ha sparato da una distanza di 66 metri e la traiettoria della pallottola ha attraversato le due carreggiate dell'autostrada A1.

14/feb/2012

Focus


Solo una rivista può condensare in una stessa pagina simili facezie. No, non è Wired e neanche Vanity Fair (anche se). L'unica creatura editoriale dove nella stessa pagina c'è il cruciverbone da parete, la cornetta del telefono da utilizzare sul cellulare invece degli auricolari, il kit per addestrare il gatto a defecare nel WC degli umani, il filo interdentale a batteria, l'abat-jour in cemento armato...



Gabriele Sandri è stato ucciso

Sandri, la Cassazione conferma

Spaccarotella, 9 anni e 4 mesi

Milano, 14 febbraio 2012

La Cassazione ribadisce la condanna all'agente di polizia per la morte del 26enne tifoso laziale all'autogrill di Badia al Pino, prima di Inter-Lazio nel novembre 2007

La Cassazione ha confermato la condanna a 9 anni e 4 mesi per l'agente della Polstrada Luigi Spaccarotella, dichiarato colpevole dell'omicidio volontario del tifoso della Lazio Gabriele Sandri, avvenuto l'11 novembre 2007 sull'A1 nei pressi di Arezzo. Spaccarotella potrebbe finire in carcere già nelle prossime ore per scontare la pena.

L'agente di Polizia che ha ucciso Gabriele Sandri se l'è cavata con meno di 10 anni di reclusione (pena definitiva). Quindi tra 4 anni circa otterrà il regime di semilibertà e la totale permanenza in carcere sarà solo una breve parentesi della sua vita. Gabbo Sandri invece è stato ucciso e la sua vita è terminata l'11-11-2007.



575. Omicidio.Chiunque cagiona la morte di un uomo è punito con la reclusione non inferiore ad anni ventuno.


San Valentino e gli augelli


Per essere eletti santi non bisogna fare cose trascendentali. Valentino ha vinto il prefisso "San" dopo aver fatto svolazzare allegri piccioni intorno ad una coppia eterosessuale che stava discutendo animatamente; i due, temendo di venire bersagliati dagli escrementi dei volatili, si sono compattati onde evitare il rischio di essere colpiti. Da questo equivoco è sorta l'usanza di Valentino San patrono degli innamorati. 


Oggi è San Valentino, ma che cosa avrebbe fatto questo Santo per diventare patrono degli innamorati?
Vescovo e martire cristiano (176-273) si è visto attribuire alcuni miracoli che gli hanno regalato la fama di santo dell’amore.

E quali sono?
Il primo riguarda una coppia di innamorati che il giovane vescovo avrebbe incontrato. I due stavano litigando e lui li fece riconciliare facendo volare loro intorno decine di coppie di piccioni. Da questo episodio deriverebbe anche l’espressione «piccioncini» riferita agli innamorati. Altri raccontano di amanti salvati dalle persecuzioni o dai veti dei genitori. (lastampa)



Trenitalia del Terzo Mondo

Non nevica, non piove, non ci sono scioperi. Forse fa un po' freddo. Ma le basse temperature non spiegano la normalità di ritardi che raddoppiano i regolari tempi di percorrenza. Converrebbe che i pendolari accettassero un sensibile aumento del prezzo degli abbonamenti in cambio della fruizione di un servizio dignitoso, come avviene in Svizzera, Francia o Germania dove il costo degli abbonamenti è sensibilmente più elevato che nel nostro Paese. Ma il trasporto locale su rotaia lì funziona.

13/feb/2012

Il Rotary Club per la viabilità

Non ho mai capito le ragioni dell'esistenza dei Rotary Club, però ho sempre pensato che fossero stati fondati per permettere agli appartenenti ai ceti più abbienti di passare qualche serata in allegria organizzando delle attività di stampo assistenzialistico-sociale (sullo stile della Loggia del Leopardo di Howard Cunningham). Qualche giorno fa ho notato che il locale RC di Buccinasco ed Assago ha sponsorizzato una rotatoria viaria. Ovvero tra le milioni di cose che potevano fare per aiutare il prossimo, questi qui del Rotary hanno deciso di mettere il loro simbolo ai bordi di una rotonda, come se installare della cartellonistica autoreferenziale ad un incrocio stradale fosse cosa socialmente assai meritevole e/o da sfoggiare. La noia è una brutta bestia.


Visualizzazione ingrandita della mappa