martedì 18 dicembre 2012

Populismo, demagogia e deriva democratica


Uno psico-comico fonda un partito politico alfiere dell'antipolitica in cui gli attivisti in disaccordo con lui vengono espulsi. All'atto della candidatura, l'attivista pentastellato firma una dichiarazione in cui dovrebbe dimettersi se in futuro dovesse trovarsi in disaccordo il Movimento Sociale a 5 Stelle. Il Fatto Quotidiano, house organ ufficioso della creatura elettorale di Grillo & Casaleggio, non nota in questa clausola alcuna contraddizione con l'articolo 47 della vigente Costituzione della Repubblica Italiana. 


Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.






2 commenti:

  1. Non mi risulta che la Salsi sia stata eletta in Parlamento.
    Saluti

    RispondiElimina
  2. Quindi se non è d'accordo con Grillo si deve dimettere?

    RispondiElimina

I commenti NON vengono pubblicati subito.