giovedì 22 novembre 2012

Scomparsa Pazza Inter


A San Siro è sparito l'inno "Pazza Inter" (sostituito dal mesto "C'è solo l'Inter") perché Rosita Celentano, che ne detiene i diritti commerciali, ha battuto cassa. Una canzone che ha fatto la storia dell'Inter, alla cui realizzazione hanno partecipato monumenti della storia nerazzurra, non può essere trasmessa nella Casa dell'Inter a causa di un capriccio giuridico di un'inutile figlia d'arte (o una paraculata, a seconda dei punti di vista).


4 commenti:

  1. Sta gran tr...a! Ridadeci l'inno.

    RispondiElimina
  2. A me è sempre piaciuto di più "c'è solo l'Inter", "Pazza inter" avrà anche accompagnato momenti belli etc, ma a me ricorda più i momenti quando perdevamo e venivamo considerati simpatici sfigati.
    Grazie, preferisco ora.

    RispondiElimina
  3. Di poco fa...

    Rosita Celentano risponde così alle polemiche sui diritti di "Pazza Inter", inno nerazzurro non più diffuso allo stadio: "Sono molto dispiaciuta che i dirigenti dell'Inter stiano divulgando false notizie riguardo a mie ipotetiche, inopportune richieste economiche. Quello che sto chiedendo dal 2003 e' il pagamento di quanto previsto dalla legge e da sfruttamenti pubblicitari non autorizzati. Esattamente come l'Inter ha chiesto a me il pagamento dei diritti per l'utilizzo del suo marchio e dell'ologramma. Io per prima sono sorpresa e dispiaciuta della decisione improvvisa dell'Inter di sostituire 'Pazza Inter' con il vecchio Inno per normali e correnti questioni economiche, senza nemmeno considerare le preferenze dei tifosi", ha spiegato la Celentano.

    RispondiElimina
  4. Per me non esiste che per mere ragioni legate alla remunerazione di biechi diritti commerciali una squadra di calcio non possa suonare il suo inno.

    "C'è solo l'Inter", oltre che brutto, portava parecchia sfiga.

    RispondiElimina

I commenti NON vengono pubblicati subito.