giovedì 29 novembre 2012

Facciamo come l'Argentina!!!


"In otto anni sono riusciti a spazzare via la crisi, e sapete perché? Perché nonostante fossero finiti nel buio più assoluto, non avevano Stati che hanno impedito che la loro crisi seguisse ogni livello. Noi abbiamo Francia e Germania, che pur di non farci fallire (e di non perdere i loro crediti) allungheranno la nostra agonia all'infinito. Vivremo in una situazione di "simil-default" per anni, le tasse ci prosciugheranno le tasche, i conti correnti saranno tassati più volte, la disoccupazione schizzerà ancora di più. E solo perché non possiamo fallire, ce lo impediscono. Viva l'Argentina, allora. Oggi in Argentina si vota, c'è un'euforia pazzesca. Stanno riemergendo da una crisi senza fondo, perché hanno messo in campo le loro energie. Si son rimboccati le maniche. E noi?" (beppegrillo.it)


Argentina: per Fitch sarà default entro il 15 dicembre, il rating crolla da B a CC 
(Finanzaonline.comPer Fitch Ratings l´Argentina nei prossimi giorni avrà di che piangere. Nonostante i tentativi di Buenos Aires di scongiurare il default, il giudizio dell'agenzia di rating si è abbattuto ferocomente, facendo saltare ben cinque "notch" dalla valutazione a lungo termine in valuta estera dell'Argentina, che si è vista così scivolare da un rating B a un rating CC, livello default, con outlook negativo.




6 commenti:

  1. forse dovremo prendere in considerazione il ritorno al baratto.
    Fino a che non si regolamenterà adeguatamente la finanza, quella stessa finanza che ha creato la crisi e si ricomincerà a investire nell'economia reale, la crisi sarà eterna.
    (provocazione) Proviamo magari a proporre una tassazione al 99% delle transazioni finanziarie di movimentazioni di una certa consistenza, chissà che non si ottenga qualcosa in fatto di regolamentazione...

    RispondiElimina
  2. Con questa bizzarra tassazione, la mia banca quanto mi chiederebbe come interesse per il mutuo? E, io che sono un impiegato, come potrei barattare la mia "conoscenza" con la spesa al Carrefour?

    RispondiElimina
  3. ovviamente era una provocazione, e la intendevo per il denaro che genera denaro, quello non reinvestito nell'economia reale.
    Comunque una bella nazionalizzazione delle banche, forse non farebbe male...

    RispondiElimina
  4. ERRORE, me ne sono accorto ora che ho riletto il mio commento. Ho scritto transazioni finanziarie, intendevo RENDITE FINANZIARIE, e di una certa consistenza.
    I'sorry for mistake

    RispondiElimina
  5. Ai tempi in cui le banche erano in mano allo Stato non è che l'economia fosse più florida, e comunque le varie BPM o MPS che oggi sono controllate da enti pubblici non fanno gli interessi della collettività comportandosi come fossero delle Intesa San Paolo o Unicredit qualsiasi.

    RispondiElimina
  6. credo che per "salvare il mondo", basterebbe una cosa sola: un minimo di etica.
    Solo che dovrebbero averla tutti. Invece, a quanto pare, l'hanno in molto pochi.
    Detto questo, non so se lo hai letto, c'è un interessante libro scaricabile gratuitamente su micromega (si intitola "Oltre l'austerità) a questo link:
    http://temi.repubblica.it/micromega-online/oltre-lausterita-un-ebook-gratuito-per-capire-la-crisi/

    RispondiElimina

I commenti NON vengono pubblicati subito.