venerdì 27 aprile 2012

Signori e Padre Pio



Beppe Signori, l'ex Puffo del gol, era (ed è) molto devoto a Padre Pio e scommetteva molto su di lui, tanto da difenderlo dai processi che lo hanno coinvolto.

Intervistato dalla Noventa sul processo di canonizzazione del frate da Pietrelcina, il bomber "cicca" clamorosamente: "Questo processo non riuscirà a infangare il suo nome"

Negli sterminati archivi di Cologno Monzese giacciono dei veri tesori. Come l'imperdibile intervista, per altro mai andata in onda, che Katia Noventa ha realizzato qualche anno fa al calciatore Beppe Signori per conto di Fuego come inviata molto, molto speciale.
A un certo punto Signori mostra a Noventa la maglietta della salute benedetta da Padre Pio grazie alla quale il calciatore sostiene di essere scampato a un gravissimo incidente d'auto.

Padre Pio, si sa, è un argometo mediatico che assicura l'ascolto in qualsiasi salsa venga proposto. Noventa approfitta immediatamente per svoltare l'intervista sul frate da Pietrelcina e, dopo qualche domanda generica, chiede a Signori che cosa pensi del processo di beatificazione (la trasmissione andava in onda qualche anno fa, quando il frate non era stato ancora innalzato all'onore degli altari). La risposta di Signori è sosprendente.
"In questo paese ingrato può succedere di tutto. Vogliono trovare il marcio ovunque. Ma sono sicuro che Padre Pio uscirà pulito da tutta questa storia e questo processo non riuscirà a infangare il suo nome". (panorama)

La cosa ancora più assurda è che Noventa incassa senza fiatare, ignara del terribile equivoco, e risponde: "Certo, è vero". Momenti imperdibili nella storia segretissima della tv.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.