martedì 6 marzo 2012

La chiamavano maledizione


DOPO PENATI, NICOLI CRISTIANI E PONZONI ORA È INDAGATO ANCHE DAVIDE BONI

Ufficio di presidenza, la maledizione continua

Quattro componenti su cinque sono alle prese con giudici e avvocati. Rimane soltanto Carlo Spreafico (Pd)


L'ufficio di presidenza della Regione in una foto dell'11 maggio 2010: in piedi Spreafico (l'unico non indagato) e Ponzoni, seduti Nicoli Cristiani, Boni e Penati
MILANO - Sull'ufficio di presidenza della Regione Lombardia sembra gravare una sorta di «maledizione»: quattro componenti, sui cinque originariamente eletti nello scorso giugno, sono alle prese con giudici e avvocati. In ordine alfabetico: Davide Boni (Lega), Franco Nicoli Cristiani (Pdl), Filippo Penati (Pd), Massimo Ponzoni (Pdl). «Resiste» soltanto il lecchese Carlo Spreafico (Pd).

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.