martedì 21 febbraio 2012

Voyerismo e politica


Il quotidiano Il Giornale ha insistito da novembre per conoscere la situazione patrimoniale dei ministri del Governo Monti. E ora che queste cifre sono state pubblicate, quanto ne ha beneficiato la democrazia?



Ecco l'Italia dei privilegi: sui soldi dei ministri la trasparenza può attendere

Il governo che ha varato la manovra-lampo non ha ancora reso pubblici i patrimoni di ministri e sottosegretari: dovremo aspettare un altro mese. Il paradosso: da consulente Patroni Griffi aveva online il suo compenso. Ora non c'è... (ilgiorn)

2 commenti:

  1. io vorrei che pubblicassero i redditi di tutti come provarono a fare nel governo Prodi. Sono il primo a chiedere che venga pubblicato anche il mio.

    RispondiElimina
  2. Quale sarebbe il benefico effetto generato dalla pubblicazione di tutti i redditi degli italiani? Credo che un'iniziativa di questo genere serva soltanto a soddisfare la curiosità (che non è una virtù politica), ad alimentare l'invidia sociale e infine a sviare l'attenzione dal vero problema costituito dall'evasione/elusione fiscale. Ritengo che l'Agenzia delle Entrate debba (poter) lavorare in silenzio per assicurare la tassazione dei redditi che le sfuggono, non pubblicare liste di proscrizione.

    RispondiElimina

I commenti NON vengono pubblicati subito.