martedì 14 febbraio 2012

San Valentino e gli augelli


Per essere eletti santi non bisogna fare cose trascendentali. Valentino ha vinto il prefisso "San" dopo aver fatto svolazzare allegri piccioni intorno ad una coppia eterosessuale che stava discutendo animatamente; i due, temendo di venire bersagliati dagli escrementi dei volatili, si sono compattati onde evitare il rischio di essere colpiti. Da questo equivoco è sorta l'usanza di Valentino San patrono degli innamorati. 


Oggi è San Valentino, ma che cosa avrebbe fatto questo Santo per diventare patrono degli innamorati?
Vescovo e martire cristiano (176-273) si è visto attribuire alcuni miracoli che gli hanno regalato la fama di santo dell’amore.

E quali sono?
Il primo riguarda una coppia di innamorati che il giovane vescovo avrebbe incontrato. I due stavano litigando e lui li fece riconciliare facendo volare loro intorno decine di coppie di piccioni. Da questo episodio deriverebbe anche l’espressione «piccioncini» riferita agli innamorati. Altri raccontano di amanti salvati dalle persecuzioni o dai veti dei genitori. (lastampa)



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.