giovedì 23 febbraio 2012

San Bancomat



Gli sportelli automatici bancari per il prelievo di danaro contante hanno forse trovato il santo protettore.


Don Giussani, al via l'iter canonico
della causa di beatificazione
È una folla delle grandi occasioni quella arrivata questa sera al Duomo di Milano, dove l'arcivescovo Angelo Scola celebra la messa per il settimo anniversario della morte di don Luigi Giussani, di cui oggi è stato dato l'annuncio dell'avvio della causa di beatificazione.
Sono almeno diecimila, secondo la diocesi, i fedeli che hanno riempito completamente le tre navate e che già mezz'ora prima della celebrazione erano in coda sul sagrato.  Nei primi banchi è seduto, tra gli altri, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e numerosi esponenti di spicco del movimento Comunione e Liberazione, fondato da don Giussani, tra cui, ad esempio, il fondatore della Compagnia delle Opere, Giorgio Vittadini.

IL COMUNICATO DI COMUNIONE E LIBERAZIONE
Al termine della Messa celebrata questa sera, mercoledì, nel Duomo di Milano dal cardinale Angelo Scola, nel XXX anniversario del riconoscimento pontificio della Fraternità di CL e nel VII anniversario della morte di don Luigi Giussani, don Julián Carrón, presidente della Fraternità di CL, renderà noto di avere presentato all’arcivescovo di Milano la richiesta di apertura della causa di beatificazione e di canonizzazione di don Giussani.
«La richiesta  - si legge in un comunicato di CL - è stata inoltrata attraverso la postulatrice nominata dal presidente della Fraternità canonicamente costituitosi attore di detta Causa: si tratta della professoressa Chiara Minelli, docente di Diritto canonico ed ecclesiastico nell’Università degli Studi di Brescia. L’istanza è stata presentata all’arcivescovo di Milano - nella cui diocesi è nato, è vissuto e ha operato don Giussani, sacerdote diocesano -, a norma della Costituzione Apostolica Divinus Perfectionis Magister, 25.I.1983, delle Normae servandae in inquisitionibus ab Episcopis faciendis in causis sanctorum del 7.II.1983, nn.11-15, e dell’Instructio Sanctorum Mater, 17.V.2007, Parte II, Titolo I, art. 25 § 1 e 2, affinché l’arcivescovo voglia disporre l’apertura dell’Inchiesta Informativa Diocesana sulla vita, le virtù e la fama di santità di monsignor Luigi Giussani».
Dando la notizia, don Carrón si augura che «la Madonna - “di speranza fontana vivace” - ci aiuti ogni giorno a diventare degni delle promesse di Cristo e della immensa grazia che nel carisma di don Giussani abbiamo ricevuto e ancora riceviamo».(avvenire)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.