domenica 8 gennaio 2012

Disgusto verde e rossonero


Non so se sia più sgradevole l'ennesimo rigore regalato al BB?ilan oggi a Bergamo (i penalty per salvare la squadra rossonera sono una tradizione consolidata del campionato italiano) oppure la stucchevole polemica tra il pensatore Roberto Calderoli sull'utilizzo di Palazzo Chigi da parte dell'attuale premier; l'ex ministro leghista, sempre  fedele alla convinzione della Roma ladrona, durante la presidenza Berlusconi non aveva mai aperto bocca per descrivere con sconcerto i festini ospitati nelle stesse stanze e neppure sull'uso privastico degli aerei di stato. E questo perchè offuscato dalle grandi conquiste in termini di federalismo portate a casa dalla Lega Nord: ovvero un paio di stanze vuote a Monza, dove allocare le sedi decentrate di alcuni ministeri, e l'istituzione di nuove tasse ma ad impronta locale (peraltro la nuova imposta sulla prima casa denominata IMU risponde proprio alle indicazioni leghiste).


«La civiltà gay ha trasformato la Padania in un ricettacolo di culattoni. Qua rischiamo di diventare un popolo di ricchioni!»


«Dare il voto agli extracomunitari? Un Paese civile non può fare votare dei bingo-bongo che fino a qualche anno fa stavano ancora sugli alberi»
(corriere)


Da notare il primo posto della squadra bilanista nei rigori a favore e quasi l'ultimo in quelli subiti; ma il problema non è il loro numero quanto il fatto che sui sei ottenuti, non ce n'è stato uno nitido. Se qualcuno li vuol far vincere, ha trovato la via giusta.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.