16 maggio 2011

C'erano una volta i bianconeri juventini


Una maglia in incognito?


La Juventus ormai non esiste più. 


Senza la Triade di Moggi, la GEA e l'aiuto dei farmaci è diventata una squadra provinciale dove anche la qualificazione all'Europa League rappresenta l'obiettivo stagionale massimo. 


Dall'anno prossimo quindi urge farsi riconoscere il meno possibile grazie a questa stupenda maglia da trasferta: ROSA.

Striscione milanista ma simpatico




A Milano ci sono due squadre: l'Inter e la primavera dell'Inter (Peppino Prisco)

14 maggio 2011

8 per mille alla Chiesa Cattolica?

Don Riccardo Seppia con
 il Cardinale Arcivescovo
S.E. Angelo Bagnasco 
Don Riccardo Seppia, il nostro Parroco, è nato a Genova - Sestri Ponente il 1° maggio 1960; dopo il diploma nel 1979 è entrato nel seminario di Genova ed è stato ordinato Sacerdote il 6 ottobre 1985. 

Il suo primo incarico è stato come viceparroco nella parrocchia di San Giovanni Battista di Recco dove si è fermato sino al 1989; è stato quindi trasferito nella parrocchia di San Pietro di Quinto, sempre come viceparroco, dove ha svolto il suo ministero sino al 1994. 

Nel 1994 è stato nominato parroco delle parrocchie di Clavarezza, Pareto e Frassinello in Valbrevenna; mentre rivestiva questi incarichi studiava a Roma per la Licenza in Diritto Canonico presso l’Università Pontificia “Angelicum” e aiutava, in qualità di cappellano, la Parrocchia di S. Zita in Genova. 

Nel 1996 è stato nominato Parroco della nostra Comunità ricevendone Canonico Possesso il 3 novembre per mano di S.E. Cardinale Dionigi Tettamanzi. (parrocchie.it)



Parroco arrestato per pedofilia

Don Riccardo Seppia è stato fermato a Sestri Ponente
dai carabinieri del Nas di Milano

MILANO- Il parroco della chiesa di Santo Spirito di via Calda di Sestri Ponente è stato arrestato dai carabinieri del Nas di Milano per violenza sessuale su minore. Il religioso si chiama don Riccardo Seppia ed è nato nello stesso luogo dove gestisce la parrocchia, il primo maggio 1960. Sull'inchiesta al momento gli investigatori mantengono uno stretto riserbo, ma, da quanto si è appreso, il reato sarebbe stato compiuto a Genova, benchè ad eseguire l'arresto sarebbero stati i carabinieri del di Milano. Questi ultimi hanno agito insieme con i colleghi del Comando provinciale del capoluogo. Don Riccardo prima di diventare parroco a Sestri Ponente, nel 1996, è stato nella chiesa di San Giovanni Battista, a Recco (Genova) e poi in quella di San Pietro di Quinto (sempre nel Levante genovese), in val Brevenna (nell'entroterra di Genova). (Fonte Ansa)




LE VIOLENZE DI UN SACERDOTE DEL WISCONSIN SUI PICCOLI AFFETTI DA SORDITÀ
LA RIVELAZIONE DEL NEW YORK TIMES: "LA PRIORITÀ ERA PROTEGGERE LA CHIESA"

Usa, sacerdote abusò di 200 bambini
"Ratzinger e Bertone occultarono il caso"

Padre Lombardi: "Non fu punito perché malato e non ci furono nuove accuse". L'Avvenire: "La diocesi
si mosse, un giudice archiviò tutto". L'Osservatore: "Tentativo ignobile di colpire il papa"

ROMA - I vertici del Vaticano, tra cui il futuro Papa Benedetto XVI, occultarono gli abusi di un prete americano, sospettato di aver violentato circa 200 bambini sordi di una scuola del Wisconsin. Lo scrive il New York Times, sulla base di alcuni documenti ecclesiastici di cui è venuto in possesso. La corrispondenza interna tra vescovi del Wisconsin e l'allora cardinale Joseph Ratzinger, scrive il New York Times, mostra che la priorità era, a quel tempo, quella di proteggere la Chiesa dallo scandalo. (repubblica)

Blogger in "ferie"



La piattaforma per la pubblicazione di contenuti in rete denominata "Blogger" (di proprietà di Google Inc.) non è stata operativa per quasi una giornata. Alle persone che hanno avuto crisi di nervi constatando che non riuscivano ad inserire interventi sul proprio blog (i siti erano pienamente fruibili, è mancata solo la possibilità di editare) vorrei ricordare che nessuno di chi lo utilizza sgancia mezzo euro... e che è opportuno non effettuare una visita dentistica specialistica al cavallo ricevuto in dono. 



Blogger is back


Update (5/13 7:46PM PST): Nearly all posts since Wednesday are restored, now bringing back comments from last couple days. We expect the comments to be back this weekend or sooner.



11 maggio 2011

Inter 1 Roma 1 - semifinale di ritorno di Coppa Italia




Julio Cesar SV Di fatto non viene mai impegnato dai romanisti, se non dal collega Doni che gli centra il petto con il suo cranio contenente Sapienza sopra la media.
Maicon 5+ Stavolta almeno simula la corsa, senza costrutto come da sempre gli è accaduto in questa annata; provvidenziale è l'ammonizione che gli fa saltare la finale di Roma.
Lucio 6,5 Approfitta dell'assenza di interlocutori avversari nella sua regione di residenza per pungere in attacco, ma vedendo Juan e Burdisso rinuncia ad incunearsi perché tiene alla sua salute.
Chivu 6+ In mezzo alla difesa diventa il Magnifico Rettore dell'Università della Difesa. Senza essere un La Russa qualsiasi con le sue bombe intelligenti.
Nagatomo 5 Corre e sgroppa come un assatanato, ma dovrebbe iniziare a fare il terzino e non la vittima impossessata dai demoni, perché fare un cross non è solo un atto liberatorio inutile ed inespressivo come lo intende lui.
Mariga 6,5 Picchia e abbatte De Rossi senza commettere neanche fallo, basta e avanza per la sufficienza; con il corredo dell'invidia di tutti gli interisti.
Zanetti 7+ Inossidabile e impeccabile come sanno fare solo quelli che giocano ottimamente 1000 (mille) partite nella stessa squadra.
Cambiasso 6,5 Ha compagni di reparto con contratti a progetto e per non farli sfigurare si limita all'ordinaria amministrazione.
Kharja 5 E' con lui in campo che si capisce perchè Stankovic ha vinto 6 Scudetti e lui invece faceva la riserva nel Genoa.
Thiago Motta 6-- E' l'anestesia parziale del dentista sulla porzione di campo di sua pertinenza e non sempre rimuove la carie; anzi, spesso è - lui agente deputato a debellare il male - a rappresentare l'agente patogeno. Omeopatico.
Pazzini 6- Gli sarebbe bastato un solo pallone per fare una doppietta, ma non gli è giunto neanche quello; il Pazzo è il nuovo Pippo Inzaghi, ma intelligente.
Milito 5+ Per mantenere la sua personalissima media stagionale, si divora il solito gol a partita.
Eto’o 7- Cinque gol in cinque partite ai giallorossi in stagione, e non gli stanno neanche sui maroni questi romani in eterna crisi e in prolungata lamentazione.
All. Leonardo 5 Per fortuna, non ha il tempo di mettere in atto le nefaste "correzioni" che gli frullano nel cervelletto. Si prenoti le ferie per il prossimo Ponte di Sant'Ambrogio perché sarà totalmente libero da impegni professionali.


All. Montella 7 L'attaccante più in forma capitolino è il suo allenatore non-giocatore.

Malcom X

Nobody can give you freedom. Nobody can give you equality or justice or anything. If you're a man, you take it.   Malcolm X

Riccardo Luna e le piramidi


Quando mi interrogavo sui motivi percui la versione italiana del mensile Wired fosse così poco interessante ancora non sapevo che il direttore della rivista (quello appena rimosso dall'incarico) in passato aveva collaborato con il grande Roberto Giacobbo nella stesura di alcuni libri. 
Chissà chi avrà costruito le piramidi secondo la straordinaria accoppiata Luna/Giacobbo: Padre Pio? I Maya in trasferta? C'entra la ricerca del Sacro Graal? Le hanno portate gli UFO? Sono state trovate delle piramidi anche sull'Isola di Pasqua ma la storiografica ufficiale ce l'ha tenuto nascosto? Qual è il ruolo dei nazisti dell'Illinois? Per Luna la direzione di Wired evidentemente era un impegno molto lezioso in quanto poco connesso ai grandi segreti della storia dell'uomo.



Chi ha veramente costruito le Piramidi e la Sfinge

È l'unica delle sette meraviglie del mondo ancora in piedi. Le tre grandi piramidi di Giza e la Sfinge nascondono un mistero che nessuno è ancora riuscito a svelare. Chi le ha costruite, quando e perché? Sono stati davvero i faraoni? Per secoli nessuno ha avuto dubbi, ma nuove scoperte, ardite ipotesi stanno mettendo in crisi le più solide teorie. C'è ancora un buco nero nella storia dell'umanità e questo libro vi conduce alla scoperta del mistero delle piramidi facendo tappa nelle cinque “stazioni” classiche del giornalismo: dove, chi, come, quando e perché. Un viaggio attraverso archeologi dilettanti, custodi iracondi, miliardari apocalittici. Tutti alla ricerca dell'enigma della Sfinge. Con un finale a sorpresa.



Nessun premio al BEL GIOCO

CLASSIFICA TITOLI 2010-2011:
 INTER 2
 MILAN 1
 RESTO 0
L'Assetto dominante e dominatore non viene premiato. Ma il Milan è moralmente Vincitore. Di tutto.

10 maggio 2011

Santo subito

Perdonali perché non sanno quello che fanno.
Parola del Capitano.

Coop a Milano Sud


La Coop ha 1146 punti vendita in Italia ma nessuno nella zona di Milano Sud: perché?

 
Visualizza Supermercati COOP in una mappa di dimensioni maggiori

Il lato "umano" di Google


Google is built by a large team of engineers, designers, researchers, robots, and others in many different sites across the globe. It is updated continuously, and built with more tools and technologies than we can shake a stick at. If you'd like to help us out, see google.com/jobs.


http://www.google.com/humans.txt

Il comunismo

09 maggio 2011

Lutto al Giro e vergogna


L'INCIDENTE È AVVENUTO A UNA VENTINA DI KM DAL TRAGUARDO

Ciclista belga cade al giro e muore

Weylandt finisce a terra e sbatte contro un muro. Trasportato d'urgenza in ospedale in elicottero. (corriere)

E HANNO AVUTO ANCHE IL CORAGGIO DI NON SOSPENDERE LA TAPPA. VERGOGNA!

Le patacche di Wired


Convinto dai consigli di alcuni amici fanatici di questo periodico (nella sua versione americana), un anno e mezzo fa ho avuto la sventurata idea di abbonarmi al mensile "Wired". Fortunatamente dopo l'estate esso terminerà, con grande delusione della campana bianca dei rifiuti cartacei ove finisce quasi intonso.


La lettura, sempre più approssimativa di Wired, mi lascia sbigottito. L'ultimo numero, che mi è arrivato settimana scorsa, presenta in prima pagina l'ennesima patacca tecnologica: un contenitore in plastica che si biodegrada in 40 giorni, un'invenzione fantastica perchè consente all'acqua contenuta nelle bottiglie di disperdersi nell'automobile o nello sgabuzzino prima del suo consumo.


Il tenore di questa copertina non è certo dissonante rispetto ai numeri di Wired del passato. Del resto il direttore della rivista (peraltro appena defenestrato) è quel Riccardo Luna che nel 2004 aveva fondato il prestigioso quotidiano "Il Romanista". 


Trovo straordinario il fatto che un mensile dedicato alla tecnologia il cui sottotitolo nella testata è "Storie, idee e persone che cambiano il mondo" come massimo livello editoriale abbia prodotto la campagna del Nobel per la Pace per Internet, che altro non è stata se non una reclame occulta a favore delle aziende di servizi fornitrici di telefonia e connettività.



Le grandi invenzioni partono dalla constatazione di piccoli fenomeni. Ad esempio, l'idea della bioplastica venne in mente a Marco Astorri nel 2006, quando vide un pezzetto di plastica abbandonato su un prato di montagna. Quel pezzetto era uno skypass, lasciato cadere da uno sciatore, confuso tra la neve fino a quando la bella stagione non l'aveva sciolta. " Non era un bello spettacolo vedere tutti quei  rettangolini di plastica colorata sul verde dei prati e sapere che sarebbero rimasti lì per migliaia di anni se nessuno li avesse raccolti", spiega Astorri. Così, lui e il suo amico e collega di lavoro, Guy Cicognani, decidono di creare una plastica in grado di sciogliersi nell’acqua nel giro di 40 giorni, due mesi. 

Triglie alla livornese



Ho usato lo spada al posto delle triglie che a mio giudizio è pure meglio.

INGREDIENTI (per 2 persone)

  • 500 g di triglie
  • prezzemolo
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai d'olio extravergine di oliva
  • 300 g di pomodoro in pezzi
  • sale
  • pepe
PREPARAZIONE

  • Pulire le triglie. Eliminare le interiora, incidendo il dorso sotto le branchie, ed estraendole. Eliminare le squame passando il coltello dalla coda verso la testa.
  • Sciacquare abbondantemente sotto acqua corrente. Fare molta attenzione nel manipolare le triglie, poiché sono estremamente delicate e si rompono facilmente.
  • Lavare il prezzemolo, selezionarne le fogli e tritarle finemente con la mezzaluna su un tagliere assieme all'aglio spellato.
  • In una larga padella mettere l'olio, il trito di aglio e prezzemolo ed accendere il fuoco.
  • Far soffriggere a fiamma dolce fintanto che l'aglio non si sarà appena dorato, togliere dal fuoco per qualche secondo per far raffreddare appena l'olio quindi unire il pomodoro a pezzi. Mescolare, unire un pizzico di sale e cuocere per 5 minuti a fiamma media per far restringere il sughetto.
  • Unire le triglie e cuocerle a fiamma vivace per 3-4 minuti per lato, girandole una sola volta. Sono infatti piuttosto delicate e tendono a rompersi.
  • Unire un filo d'olio a crudo, una grattugiata di pepe e servire immediatamente. (fonte)

08 maggio 2011

Certezze

fonte

Il Milan e le maggiorenni

Per tutta la comunità che gravita attorno alla squadra del Presidente Berlusconi, rappresenta un grande risultato poter finalmente festeggiare una notte intera con cittadini/e che hanno più di 18 anni.


Milan, festa fino all'alba!
Galliani: Rinnovi? Vedremo

07 maggio 2011

Grazie


Ringrazio i miei genitori poichè mi hanno rigidamente educato al crisma della non-violenza. Non so se M. L. King o Gandhi in questo preciso momento storico avrebbero dimostrato codesto mio simile contenimento, ove interisti (particolare che avrebbe potuto solo nobilitare la loro già perfetta immagine pubblica).
Elogio della decapitazione.

Gli spazi nascosti di Massimo Ambrosini

Il Presidente onorario del Milan
si felicita per i due trofei vinti.

Ambrosini si interroga
su dove custodire la Coppa.

Questa sera il BB?ilan può vincere il suo secondo titolo stagionale; storica accoppiata che interrompe una consolidata tradizione vincente
L'allenatore del Milan, Massimiliano
 Allegri, sembra voler dare un
suggerimento ad Ambro.

06 maggio 2011

Nelson Mandela


Quasi trent'anni di carcere per poi essere citato da una carneade candidata consigliere. 
“Lo sport ha il potere di cambiare il Mondo. Di unire la gente. Parla una lingua che tutti capiscono . Lo sport può creare la speranza laddove prima c’era solo disperazione”.

Esultanza di una tifosa del Barcellona



Il tifo italiano può imparare tanto dall'estero, in particolare da questo singolare festeggiamento di una tifosa azulgrana dopo la qualificazione alla finale di Champions del suo Barca.


Una aficionada del Barça sorprendió al plató de Futboleros, el exitoso programa nocturno de MARCA TV, con un 'topless'.





 

05 maggio 2011

NASCONDINO ALL'IKEA



Bell'idea, anche se ritengo che l'organizzatore più o meno latente sia stata l'Ikea stessa, azienda multinazionale nota per alcune sue pubblicità "originali" concepite per far parlare di sé e guadagnare visibilità attraverso messaggi dal contenuto non convenzionale (vedi Catania).


 


Due studenti bolognesi in totale autonomia  e senza aver preso accordi con IKEA hanno creato e diffuso un evento su Facebook con l’intenzione di organizzare un nascondino dentro il negozio IKEA di Bologna.
Aleksej Korostin e Ferro Garcia Valdecasas Cañedo in poco più di un mese hanno ottenuto 1892 adesioni all’evento.
Poche regole e un obiettivo preciso: trascorrere un pomeriggio all’IKEA giocando a nascondino con più persone possibili.
REGOLE DEL GIOCO
- Abiti rossi per i partecipanti;
- maniche abbassate per i cercatori
- maniche arrotolate per individuare i fuggitivi.
Risultato? Ben 400 partecipanti effettivi.
COS’È SUCCESSO A BOLOGNA?
Il nascondino si è  svolto in un weekend di ottobre,  i 400 partecipanti hanno rispettato le regole suggerite dagli organizzatori e il gioco nello store è durato circa 2 ore. Rispetto ad un normale sabato di affluenza in negozio, a Bologna si è registrato un incremento sulle vendite di hot-dog del 13%!
Nei mesi successivi c’è stato un altro tentativo di emulazione dell’incontro nel negozio di San Giuliano anche se le presenze registrate sono state minori. (http://www.socialmedianews.it/ikea-una-case-history-particolare)

Fabbrica delle zanzare

Tra una settimana questa amena risaia inizierà a sfornare simpatici insetti pungitori. Meno male.

04 maggio 2011

Vota Mangoni

     

La Coop (quella dei supermercati)


Trattasi dell'unica azienda della GDO (Grande Distribuzione Organizzata) che disincentiva i propri clienti dal comprare acqua minerale nei propri punti vendita... consigliando loro di bersi direttamente quella erogata dai rubinetti di casa.
Sarebbe come se il sito della FIAT Auto pubblicasse indicazioni sul fatto che i propri veicoli sono brutti e quindi non vanno comprati oppure quello di McDonald's informasse la propria clientela che i suoi cibi potrebbero risultare indigesti se ingeriti.

http://www.casacoop.e-coop.it/guest?action=visualizza_articolo&id=1331

Ma perché parlano


2011 - Inter (-8) - Milan (0)
2010 - Inter (0) - Milan (-12)
2009 - Inter (0) - Milan (-10)
2008 - Inter (0) - Milan (-21)
2007 - Inter (0) - Milan (-36)
2006- Inter (0) - Milan (-18)
Totale Inter (-8) - Milan (-97)

03 maggio 2011

Acqua Ferrarelle e greenwashing

Prodotto a Impatto Zero© (ma non per l'ambiente)
Visto che è sempre più in crescita la porzione di consumatori italiani attenta all'ambiente, le aziende si adeguano cercando di produrre beni sempre più eco-sostenibili. 
E dato che - è proprio il caso di dire - questi virtuosi cittadini spesso si bevono qualsiasi cosa in quanto nutrono verso la natura un afflato irrazionale, le aziende si adeguano e seguono questa nuova moda.

La scafata Ferrarelle da qualche settimana ha messo in commercio la sua famosa acqua effervescente naturale con la formula Impatto Zero©: ma è una balla.


Le bottiglie di acqua minerale Ferrarelle non sono a “impatto zero”come dice la pubblicità sull’etichetta. E’ questa in sintesi la sentenza del Giurì dell’autodisciplina pubblicitaria, che accusa la società di avere utilizzato diciture ingannevoli sull’involucro di plastica usato per avvolgere le tipiche confezioni da 6 bottiglie.
Le scritte sotto accusa sono “Impatto zero, e una seconda frase riportata in caratteri tipografici molto più piccoli, dove si dice  che Ferrarelle"compensa la CO2, emessa nell’atmosfera  per produrre questa bottiglia  di  acqua con la creazione e la tutela di nuove foreste“. Il motivo è presto detto. Ferrarelle ha ottenuto da Lifegate la possibilità di usare per due mesi il marchio “Impatto zero” su circa 26 milioni di bottiglie di plastica (*). Per avere il marchio la società ha versato una somma destinata a riforestare un’ampia area boschiva, in modo da compensare le emissioni di anidride carbonica collegate alla produzione delle bottiglie.
Per il Giurì la frase “impatto zero” sull' involucro di plastica risulta ingannevole perchélascia intendere al consumatore che la produzione di minerale è interamente compensata, e questo non è vero. La riforestazione si riferisce solo alla quantità di emissioni di anidride carbonica relative alle bottiglie, per cui restano fuori le altre emissioni inquinanti collegate al processo produttivo. Il Giurì ha deciso la censura del messaggio e l‘adeguamento della sentenza entro 120 giorni. In realtà per quella data le  bottiglie saranno già state vendute e il danno per Ferrarelle sarà marginale.
La vicenda Ferrarelle solleva per l’ennesima volta la questione del Greenwashing, ovvero  la scelta delle aziende di evidenziare nei messaggi pubblicitari aspetti ecologici inesistenti o scorretti per accattivarsi le simpatie dei consumatori. Basta sfogliare un giornale per rendersi conto di quanto sia in ascesa il tema green in tutti i settori e di quanto siano poco efficaci gli strumenti di controllo.

http://www.ilfattoalimentare.it/lacqua-minerale-ferrarelle-non-%C3%A8-a-impatto-zero-censurata-la-pubblicit%C3%A0.-nuovo-caso-di-greenwashing.html


Greenwashing è un neologismo indicante l'ingiustificata appropriazione di virtù ambientaliste da parte di aziende, industrie, entità politiche o organizzazioni finalizzata alla creazione di un'immagine positiva di proprie attività (o prodotti) o di un'immagine mistificatoria per distogliere l'attenzione da proprie responsabilità nei confronti di impatti ambientali negativi.



02 maggio 2011

Padre Maronno Risponde



Ma come si scopre latore del Divino?

JUVETHON: un sms per salvare la Juventus



La Juventus ha finito i soldi e il quotidiano torinese Tuttosport lancia una campagna per la raccolta di fondi finalizzata ad aiutare la prossima campagna acquisti della squadra bianconera. Insuperabile.


JUVETHON Del resto l’i­dea, indicata da un socio a John Elkann durante l’as­semblea degli azionisti del­la Exor, la cassaforte della famiglia Agnelli, non è in­novativa perché tante volte negli anni passati sui fo­rum o sui blog di stampo bianconero era circolata, ma potrebbe rivelarsi assai efficace. Basta un dato, 14 milioni di tifosi, per com­prendere il bacino d’utenza e, di conseguenza, il teso­retto che potrebbe essere raccolto dalla Juventus. Se tutti quanti versassero 1 o 2 euro per sms, grazie al sa­crificio individuale si rag­giungerebbe una cifra inte­ressante in prospettiva campagna acquisti. E cam­pioni come Tevez e Benze­ma potrebbero arrivare con il finanziamento diretto dei tifosi, soddisfatti di aver sborsato una minima quo­ta, a seconda delle proprie disponibilità economiche, se come contraltare c’è la possibilità di vedere fuori­classe vestire la maglia bianconera. (tuttosport via Daddyblog)

Vodafone fa -335 (dipendenti)

LIFE IS NOW, BUT EXTERNAL.

Del Pazzo e della Pazza Inter 2010/11



Mentre penso a dove Ambrosini abbia posizionato lo spumante al termine dei minuti regolamentari di Cesena-Inter, rifletto sul perchè l'Inter non abbia vinto il suo sesto scudetto consecutivo. La risposta è semplice aldilà di ogni analisi: nel campionato che sta per terminare, l'FC Internazionale ha portato a casa due punti in sei partite contro le tre squadre più forti del mondo che hanno vinto la Serie B. Su diciotto punti potenziali, abbiamo pareggiato e perso contro Brescia e Juventus e siamo usciti sconfitti sia all'andata che al ritorno nei derby contro il Milan. Un allenatore (Rafa Benitez) ha pagato per questo, risolvendo consensualmente il rapporto che aveva con l'Inter alla fine del 2010, l'altro invece (Leonardo) sembra in procinto di essere confermato anche per la prossima stagione (ragionevolmente per essere cacciato in autunno e non mangiare il panettone).


Ma intanto godiamoci l'unico calciatore al mondo che ha il cognome assonante con il titolo dell'inno della squadra per cui gioca: uno che in tre minuti ti ribalta il risultato. PAZZO PAZZO PAZZO GOL.



Se si dovesse utilizzare per Pazzini lo stesso metro di giudizio percui GP2 è stato canonizzato... 



01 maggio 2011

I mercanti nel tempio



Tempo fa, circa duemila anni addietro, il capo dei cristiani scacciava i mercanti dal tempio perché gli sembrava blasfemo il fatto che la casa del Signore fosse utilizzata per finalizzare degli affari. 
Oggi invece il capo dei cattolici ha organizzato una delle tante manifestazioni commerciali oceaniche proprio nel nome di Cristo: la fiera del Karol estinto.

Nella foto, uno dei pupazzetti
 con le sembianze di Giovanni Paolo II

30 aprile 2011

Una sola cosa da fare



Data la triste situazione italiana che da qui a dieci giorni si abbatterà sul nostro Paese (e non mi riferisco alla cerimonia di santificazione pubblica del cadavere di Wojtyla attesa per domani) ci sarebbe da partire oggi e tornare almeno dopo il 10 maggio.


Nel campionato di Serie A non sarà certo la prima volta che la vittoria finale "premia" una squadra provinciale (in tempi relativamente recenti è capitato a Verona, Sampdoria, Lazio o Roma) oppure una nobile decaduta aiutata da fortuna e da altri fattori extra-sportivi (BB?ilan o RuB?entus). Proprio per evitare questo triste spettacolo, ci sarebbe un volo da Bergamo il cui ritorno sarebbe previsto tra due martedì...


http://www.skyscanner.it/voli/mila/bts/110430/110510/tariffe-aeree-da-milano-per-bratislava-in-aprile-2011-e-maggio-2011.html?sms_ss=blogger&at_xt=4dbbd2e6e42fc7bf%2C0