27 feb 2011

Dahlia TV si spegne


All'inizio del campionato, (Merdaset) Mediaset Premium si è presa i diritti televisivi per trasmettere le dirette delle dieci squadre più importanti della Serie A lasciando al concorrente Dahlia TV le altre dieci, quelle più sfigate. Questo è il risultato. Si tratta solo dell'ultimo effetto distorsivo prodotto dal conflitto d'interesse dell'attuale Presidente del Consiglio.


Dahlia TV ed il suo team sono spiacenti di comunicare che, nonostante tutto l’impegno profuso in questi mesi per offrire il miglior servizio e ricambiare la fiducia accordata dai propri Clienti, si trovano costretti ad interrompere le trasmissioni.

Ringraziamo e ci scusiamo con tutti i Clienti e gli appassionati che ci hanno scelto e ci hanno seguito fino ad oggi.

26 feb 2011

Avevano altro da fare



Nel corso dell’ennesimo voto di fiducia (alla Camera per l’allegro milleproroghe) seduta sospesa perché mancava un rappresentante del governo in aula. Per colpa dei nostri insensati lacciuoli burocratici pare che la regolarità delle sedute parlamentari sia subordinata alla presenza di uno fra quei 65 (cifra incidentalmente raggiunta con l’attuale esecutivo) fra ministri, vice, sottosegretari, scaldavivande in forze al governo. (fonte)

25 feb 2011

Nadia Macrì e il lavaggio auto

Che donna.
In un momento di acuto fancazzismo, ho chiesto (ed ottenuto) l'amicizia faccialibriana di Nadia Macrì. Mai un gesto così spensierato si è trasformato in un momento di fiera soddisfazione: non l'avessi fatto, mai avrei potuto fruire della visione dell'album fotografico intitolato "Car Wash". Qui a lato riporto una delle otto immagini che compongono la galleria: si vede uno che irrora di acqua tre persone in costume da bagno (tra cui la stupenda Nadia Macrì) accanto ad un'automobile di colore rosso e delle persone, tra cui alcuni bambini, che osservano la scena ammirati. Un capolavoro di neo-realismo.




Dopo Inter Bayern

Il 15 marzo prossimo ci sarà la gara di ritorno contro il Bayern e, visto che saremo costretti a dover rimontare, non si può non pensare al secondo gol di Nicola Berti segnato il 23 novembre 1989 al 26° della ripresa: allora quel punteggio fu inutile ma fra tre settimane, alla Bayern Arena, il doppio vantaggio ci qualificherebbe.
Certo, se Leonardo continuerà ad usare un modulo masochista con il vertice dell'albero di Natale del 4-3-2-1 scisso dal resto della squadra sarà facile che ci impallinino ancora.
In venti giorni, è possibile ed auspicabile che qualcuno del suo staff gli spieghi che non sarebbe blasfemo utilizzare lo strumento delle sostituzioni (togliere un giocatore per metterne un altro con caratteristiche diverse e modificare l'assetto tattico della squadra). A Leo magari nessuno ha spiegato che anche nella doppia gara degli ottavi di Champions League è possibile effettuare tre sostituzioni, anche in assenza di infortuni dei titolari.






Uno striscione pregno di ricchezza verbale e sapienza linguistica esposto a San Siro mercoledì sera ha rimembrato anche all'Europa la diversità dell'Inter rispetto a tutte le altre squadre italiane. Temo che i bi-retrocessi, i rub?entini e tutte gli altri tifosi dello Stivale non riescano ad effettuare la traduzione poichè non ne riescono a comprendere il significato intrinseco ed oggettivo. Never relegated?


Flash mob a San Pietroburgo


23 feb 2011

L'altro è risorto


Juan de Flandes ca. 1465 – 1519

The Raising of Lazarus

oil on panel (110 × 84 cm)


Museo del Prado, Madrid

Sintonizziamoci tutti!

Il Signor Sindaco di Assago Graziano Musella ha comunicato ai suoi cittadini che oggi alle ore 21 sarà ospite su Antenna 3. E' l'ennesimo volantino che ci invia per glorificare l'avvento della metropolitana verde che ha raggiunto il comune.
Chi non è residente ad Assago può non credere che un primo cittadino possa effettuare un numero così abbondante di comunicazioni politico-istituzionali. La casella della posta di un assaghese è però abituata ad essere riempita in abbondanza dalla posta del proprio Signor Sindaco (non è una consuetudine solo del centro-destra, che attualmente presiede il municipio di Assago, perchè durante la parentesi del centro-sinistra il ritmo e la quantità dei messaggi inviati sono stati equivalenti).
Ma torniamo al caso di specie: il sindaco di questo comune di circa 8,000 abitanti sente il bisogno di avvisare le famiglie da lui amministrate che andrà in televisione.
A presentare la trasmissione ci sarà quel Roberto Poletti che fino a qualche anno fa attaccava tout court la Politica etichettandola come disonesta e sprecona. Poi Letizia Moratti, il primo cittadino di Milano, lo ha chiamato alla direzione del canale TV Milano 2015 e Poletti ha sposato la causa del Buon Governo del Partito delle Libertà meneghino (l'eroico giornalista ha preso € 160,000 per fare il consulente per l'informazione di ATM, l'azienda locale dei trasporti pubblici, più forse altri contributi per dirigere il canale stesso e per condurre le manifestazioni pubbliche come quella dell'inaugurazione della metro di Assago di domenica scorsa).
Sono alquanto amareggiato per non poter assistere alla diretta di un programma che ha premesse intellettualmente così solide. Peccato. Sono altresì certo che il canale YouTube ufficiale del Comune di Assago riporterà integralmente gli interventi del suo Signor Sindaco.

22 feb 2011

Il tuffo


Dio (talvolta) c'è


Ma Dio esiste, non c'è o c'è ma è timido? La risposta è semplice: TALVOLTA.

Non pensare mai che Dio Sia silenzioso e inattivo solo perché ti sembra di non sentirlo... Conosce ogni tuo pensiero, Accarezza.


E' saltuariamente anche su Facebook.

Plenilunio

 venerdì 18 febbraio 2011 - ore 23,11

Le emozioni della Luna Piena.


21 feb 2011

Porta sfortuna

Ma quanto erano belli insieme
«Io sono legato da amicizia vera con il presidente egiziano Mubarak, con il presidente libico Gheddafi e con il presidente della Tunisia Ben Ali». (Silvio Berlusconi, 23 dicembre 2010)

«In questi quindici anni io ho avuto modo di incontrare più volte Gheddafi e di legarmi a lui da una vera e profonda amicizia: al leader riconosco una grande saggezza». (Silvio Berlusconi, 11 giugno 2009)


«Gheddafi è una persona intelligentissima, altrimenti non sarebbe al potere 40 anni». (Silvio Berlusconi, 12 giugno 2009) 



Presidente, per cortesia, dica qualcosa per Massimiliano Allegri.

La Roma volta pagina


Dopo la storica rimonta subita ieri dalla Roma (vinceva 3 a 0 in casa del Genoa e ha finito per perdere 4 a 3), finisce l'epoca Ranieri e il Presidente Rosella Sensi sceglie Vincenzo Montella come nuovo allenatore. Dal modello "Titanic" a quello "11 settembre"?


Quando la Bindi incontrava minorenni

Rosy Bindi è stata emulata. 
Ci sono le prove.
Questo è un titolo de "Il Giornale" di Sallusti che ragionevolmente potremo vedere in futuro.

20 feb 2011

Pagelle Inter 1 Cagliari 0 (19-feb-2011)

Julio Cesar 6. Fortunatamente nessuno lo insidia seriamente perché sembra abbastanza "scazzato" e poco reattivo anche nell'assedio finale.
Ranocchia 7,5. Non sbaglia un colpo; di gran lunga il migliore in campo, circostanza che dice tutto sui meriti del Cagliari; non lo fa apposta a segnare, ma lo fa.
Nagatomo 6. Ha un atteggiamento propositivo sulla fascia di competenza, si scopre anche colpitore di testa, ma un terzino deve mettere i cross, almeno una volta ogni tanto.
Zanetti 7+. Il meno giovane della truppa è quello che abbisogna di meno turnover, ed è pure quello che corre, tampona e contrattacca di più; gli aggettivi per definire la sua grandezza non sono sufficienti a descriverlo.
Cordoba 6,5. Nelle partite in cui serve intervenire alla "viva il parroco" lui si esalta e non cede un centimetro.
Maicon 5. Nel recupero si fa ammonire per perdita di tempo prima della battuta di un calcio di punizione nella metà campo interista: è forse la sua azione più bella di tutta la gara.
Kharja 6. Intanto propizia il gol (più o meno fortunosamente), poi cerca di essere reattivo su tutti i palloni fino a scoppiare nella ripresa; almeno ci mette l'impegno.
Motta 5. Come i palloni che tocca in tutta la partita; evidentemente distratto dal Festival di San Remo.
Stankovic 5. Entra per portare sostanza davanti alla diga difensiva, riuscendoci in parte. Spaesato e inaffidabile come un navigatore senza GPS.
Cambiasso 6. Viene travolto dall'arrembaggio cagliaritano e la sua esperienza serve forse a non affondare, evitando il panico.
Mariga 6,5 E' un messaggio per Donadoni e compagnia bella: noi siamo l'Inter e stasera non vogliamo scherzare. Minaccioso al punto giusto.
Pandev 4,5. Escludendo la prima mezz'ora di gioco, è inutile e irritante come al solito.
Pazzini 4. Un po' non gli arrivano i palloni, un po' non fa niente per attirarli, martedì prossimo contro il Bayern non sarà certo rimpianto.
Eto'o 5,5. Prestazione insolitamente impalpabile la sua, tanto che quando esce il rendimento dell'attacco non migliora né peggiora; si è riposato già quand'era in campo, senza il cuscino. 


19 feb 2011

La metro di Assago parte (?) con le sue cartoline

20/2/11 ore 11: parte la
 metro (?)
e l'asta per la
cartolina con gli
esclusivi timbri celebrativi
.
Come tutti gli eventi storici di una certa portata, anche l'inaugurazione della metro di Assago avrà le sue cartoline celebrative.


Domani alle ore 11, presso la stazione di Assago Milanofiori Nord il sindaco di Assago Musella forse riuscirà a vedere i treni della linea verde che si muovono, addirittura con dei passeggeri a bordo.


Con lui ci saranno anche il sindaco di Milano Letizia Moratti, il Governatore della Regione Lombardia Formigoni e il Presidente della Provincia di Milano Podestà. Ovvero i principali responsabili dei ritardi nella costruzione della strada ferrata.


Ancora ieri però il Corriere della Sera metteva in dubbio l'inaugurazione di domenica 20 febbraio ipotizzando un ennesimo rinvio.


Quello che è certo invece è che il numero dei parcheggi di corrispondenza sarà insufficiente (e quelli che ci saranno preesistono alla metropolitana), la viabilità non è stata modificata per assorbire la prevedibile dose aggiuntiva addizionale di traffico, l'offerta di nuovi autobus da e per le due nuove stazioni è insufficiente e ridicola, l'applicazione della tariffa interurbana da € 2,10 per raggiungere Milano è un'ottimo sistema per continuare a preferire la movimentazione su auto privata.



Intervista a Berlusconi

Dalla Spagna lo disegnano così. Inspiegabilmente poi. (fonte)

18 feb 2011

Alta velocità in treno


Visualizza Milano - Torino in treno in una mappa di dimensioni maggiori


Velocità massima toccata: 326 chilometri orari.


Ma il record è un altro: se sali con un biglietto di prima classe con tariffa BASE da € 45 su un altro treno AV che parte due ore dopo, il simpatico controllore Trenitalia ti fa pagare nuovamente gli stessi € 45, che hai già pagato per un viaggio non usufruito più € 50 di multa. 
I 153 km tra Torino Porta Nuova e Milano Centrale sul treno AV Freccia Rossa ti vengono a costare quindi € 140. 
Se invece il treno arriva un'ora dopo, e quindi non sei tu passeggero a sbagliare ma Trenitalia, sono cazzi tuoi: il rispetto delle regole è asimmetrico. 
Le ex Ferrovie dello Stato si stanno ammodernando, ma per assomigliare ad Alitalia, e non per raggiungere lo standard "europeo".
L'amministratore delegato di Trenitalia (Mauro Moretti) è uno che l'inverno scorso rimproverava i passeggeri (i suoi clienti) di non aver portato panini e coperte durante i loro viaggi in presenza di maltempo.


(hostess) Buongiorno, che quotidiano vuole?
(fcoraz) Buondì, mi darebbe "Il Fatto"?
(hostess) Non ce l'abbiamo, però se vuole le posso dare "Libero".
(fcoraz) Vabbè prendo la Gazza.


In compenso il servizio di connettività wi-fi non funziona pur se risulta attivo per chiunque si connetta alla rete wireless (e dentro il tuo vagone ci sono solo altri cinque passeggeri oltre a te). E tra i quotidiani di cui ti si "omaggia" (durante il viaggio del mattino) non c'è "Il Fatto Quotidiano", ma ci sono "Libero", "Il Giornale" e "Il Tempo".

17 feb 2011

Borghezio e gli UFO




Il futuro contumace

http://media2.corriere.it/corriere/pdf/verbale.pdf

La scia di Firenze

Ieri sera si è vinto in casa della Fiorentina senza brillare ma senza neanche aver rubato i tre punti: che dire, oltre che Ranocchia è risultato una barriera invalicabile per tutta la Fiorentina, Eto'o uno slalomista speciale alla Alberto Tomba, Pazzini tornato letale come una bomba dal timer preciso e impietoso, Nagatomo fin troppo straripante e Maicon un terzino anarchico quanto dannoso per la difesa avversaria (Sneijder invece latitante). 
Volendo fare una considerazione sulla gestione Leonardo (l'Oronzo Canà di Appiano Gentile), la squadra risulta galvanizzata dall'entusiasmo più in casa che in trasferta, laddove nel suo mese e mezzo di gestione denuncia più difetti di concentrazione e di costruzione della manovra di gioco. 
Quando sarà più grande, il saggio Corvino e
gli  astuti Della Valle gli insegneranno a
 segnare i goal dalla parte giusta. Quale
 "Ammazzagrandi", Camporese
 ora  riesce ad ammazzare solo la
sua (fantastica) Fiorentina.
I bi-retrocessi ora sono a -5, più dei cugini spaventa però il Napoli di Mazzarri che potrebbe capitalizzare la grande fortuna del non aver (quasi) mai subito infortuni coniugandola con l'entusiasmo della città partenopea. Il fattore C (ovvero non solo Cavani El Matador che riesce a segnare marcature con qualsiasi parte del corpo) potrebbe risultare infine decisivo.
Una considerazione statistica: i ricorsi storici non contano nulla, men che meno nel calcio, ma, in casa della Juve, dove domenica sera abbiamo perso in maniera immonda e benitezziana, negli ultimi quattro incontri non abbiamo mai vinto (due sconfitte e due pareggi) ma alla fine è sempre arrivato lo Scudetto finale, 4 volte su 4.
Negli ultimi campionati in cui siamo stati Campioni d'Italia, invece, a Firenze non abbiamo mai perso, con 3 vittorie. Ripeto, la cabala è una pratica per irrazionali e creduloni, ad ogni modo registro semplicemente queste coincidenze, che nel passato hanno casualmente rivelato altre regolarità.


2007/081104-11-2007CampionatoJuventus - Inter1-176' Camoranesi, 41' Cruz  
2008/093218-04-2009CampionatoJuventus - Inter1-165' Balotelli, 92' Grygera  
2009/101505-12-2009CampionatoJuventus - Inter2-120' Del Piero, 26' Eto'o, 58' Marchisio  
2010/112513-02-2011CampionatoJuventus - Inter1-030' Matri  










2006/07109-09-2006CampionatoFiorentina - Inter2-311' Cambiasso, 62' Ibrahimovic, 68' Toni, 79' Toni, 41' Cambiasso  
2007/081402-12-2007CampionatoFiorentina - Inter0-210' Jimenez, 45' Cruz  
2008/09929-10-2008CampionatoFiorentina - Inter0-0
2009/103310-04-2010CampionatoFiorentina - Inter2-211' Keirrison, 76' Milito, 82' Eto'o , 83' Kroldrup  
2010/111716-02-2011CampionatoFiorentina - Inter1-26' Camporese(Aut), 33' Pasqual, 64' Pazzini 

16 feb 2011

Ivan il Poeta

Domenica 20 febbraio dovrebbe avvenire l'ennesima inaugurazione della tratta della metropolitana tra Assago (Forum) e Milano Famagosta: meno di 5 chilometri di tracciato perlopiù esterni percui sono trascorsi 8 anni e 88,5 milioni di euro di spesa dall'inizio dei lavori. A differenza degli altri vernissage, forse questa volta i treni partiranno e arriveranno davvero e questo pare l'elemento di maggiore discontinuità rispetto al passato.
Data l'eccezionalità dell'evento, il comune di Assago ha deciso di fare le cose in grande: alle 10:30 della storica giornata, a nobilitare e a scolpire nella Storia l'eccezionale opera pubblica, ci sarà (qualcuno non ci crederà) questo artista unico nel suo genere.


Per l’occasione la famosa frase di Ivan: “Il poeta sei tu che leggi” si trasforma in una performance in cui tutti i partecipanti all’evento inaugurale saranno “poeti per un giorno”


L'uomo spettinato con un pennello in
bocca è niente popò di meno
 che "Ivan il poeta".
In pratica un ragazzone estroso, che di professione fa appunto il poeta e si chiama anche Ivan, si immedesimerà nella grandezza dell'evento a cui è stato chiamato a partecipare dal destino (e anche dal sindaco Musella) facendo comporre poesie ad altre persone con la formula del "mosaico testuale libero e coesistente".


“L’inaugurazione delle due stazioni della metropolitana ad Assago – afferma il Sindaco Graziano Musella – oltre ad essere un momento istituzionale, è anche un momento in cui condividere l’espressività artistica contemporanea, che è in continuo divenire, così come l’arte del movimento dei flussi culturali e sociali che la nuova infrastruttura riuscirà ad avvicinare e ad integrare al tessuto urbano, che forma e circonda la grande Area Metropolitana di Milano”.


(fonte delle parti in corsivo e della foto)

Conseguenze nomadi sul clima



Domanda a Piero Angela (e per conoscenza a Carlo Rubbia): il clima è cambiato per colpa dei nomadi che non fanno la raccolta differenziata? Risponde Roberto Carlino dell’Immobildream: “Non penso! Anzi, no”.(milani)



15 feb 2011

Milan tant0ttenam - Tottenham 1


  • sono degli sfigati quelli che prendono 3 gol da Bale; meno quelli che ne prendono solo uno dallo spilungone di turno;
  • ospitalità calabra di Gattuso: il monumento dei biretrocessi, lo "Squalo" Joe Jordan*, preso a testate dal capitano rossonero, senza prova televisiva;
  • e infatti Sandro Piccinini e Aldo Serena sono la prova vivente del conflitto d'interesse (gli aggettivi "prodigioso" e "fortunoso" sono utilizzati scientemente a seconda che a compiere un intervento sia il BB?ilan o il Tottenham):
  • non si può sempre approfittare della devastante verve da ottavi di finale di quel killer contestuale di Ibrahimovic;
  • dev'essere la musichetta della Champions League, Galliani non ha pagato i diritti alla SIAE?
  • decisivi gli acquisti di gennaio: Cassano suggerisce, Van Bommel tampona e Emanuelson contrattacca, poi scade la versione shareware di PES 2011 e appare l'immagine mistica di Legrottaglie sulla traversa sbagliata.
* Per i duri di comprendonio, il tentativo di nobile craniata di Ringhio sul naso di Jordan equivarrebbe a Javier Zanetti che tira una testata a Karl-Heinz Rummenigge.

Complimenti a...

  1. Alex Innerhofer che, in meno di una settimana ha vinto e si è piazzato più che nella sua precedente carriera sciistica (ma primeggia nei campionati mondiali);
  2. il discesista bolzanino è in buona compagnia, solo Paolo Rossi (1982) e Fabio Grosso (2006) nel calcio hanno avuto un culmine di forma straordinariamente episodico come il suo;
  3. ai puristi dello Stellone tricolore che acclamano un atleta che ha l'idioma italiano come padronanza quale seconda o terza lingua conosciuta;
  4. alla Tezenis che, con poca spesa, si è presa la ribalta internazionale;
  5. ai giornali sportivi che prevedono una nuova Valanga Azzurra, dopo la vigorosa botta di culo di un carneade;
  6. a chi paragona Innerhofer a Zeno Colò, il quale vinse anch'egli tre medaglie nello stesso Mondiale (Aspen 1950), ma si trattava di oro in discesa e slalom speciale (e argento nello slalom gigante), ovvero andò a medaglia in tutte le discipline disponibili; se a quel tempo fossero esistiti super gigante e combinata, il suo bottino difficilmente si sarebbe fermato a quota tre;
  7. al suo igienista dentale: se l'odontotecnico del premier diventa consigliere regionale, il dentista di un campione del mondo di uno sport invernale deve essere promosso almeno commissario tecnico della nazionale maggiore di calcio.

Formigoni due punto zero

Decisivo il contributo di Nicole Minetti, la più social dei consiglieri regionali della Lombardia?

14 feb 2011

Le dimensioni aiutano la pubblicità


Ci volevano i geni del Millennium Media e una loro ricerca per capire che un oggetto più è grande più è visibile? A quando uno studio sul fatto che 300 grammi di pasta nutrono di più dello stesso cibo che ne pesa 100? E' avvilente quando le ricerche di mercato producono ovvietà e i vari uffici marketing delle aziende non riescono a constatare da sé queste logiche banalità (e anzi magari pagano pure per sentirsele dire).

I telefoni cellulari di ultima generazione sono particolarmente adatti alla pubblicità. Di più, tra le diverse tipologie di cellulari, gli smartphone sono il terreno; ideale per i messaggi promozionali. Lo dice una ricerca; di Millennial Media effettuata a dicembre sul mercato statunitense, secondo cui il successo di Blackberry e affini dipende in gran parte dallo schermo, più ampio;rispetto a quello dei normali telefoni, e dalla possibilità di sfruttare al meglio i contenuti interattivi. I confronti diretti svolti;da Millennial mostrano come gli annunci via smartphone abbiano una rispondenza del 39%, rispetto al 28% riscontrato sui cellulari semplici. (fonte)

Scanu proiettato

Stasera per San Valentino gli innamorati hanno l'opportunità di buttare (spendere) dieci euri per assistere ad un concerto di Valerio Scanu (chi cazz'è?): presso un cinema. Io spenderei la stessa cifra, per non andare: quale umano istinto masochista spingerà le coppie di innamorati a farsi del male in questa maniera?

13 feb 2011

Sanctum


Sono stato trascinato a vedere un film in 3D con il corredo dei fantozziani occhialoni appositi e la certezza di assistere alla proiezione di una pellicola insulsa (non per niente il produttore James Cameron è già passato alla storia del cinema per Titanic e Avatar). 
Aspettative non deluse dalla trama del film in oggetto, avvolgente come un libro di  Giorgio Faletti (nei quali di solito si capisce come va a finire già da pagina 4) e appartenente al genere cinematografico del thriller apocalittico ad eliminazione diretta dei personaggi. 
E l'attrice da mostrare
 l'avevano anche scritturata.
Le quasi due ore del film vedono questo gruppo di sfaccendati milionari speleologi rimanere imprigionati all'interno di una grotta della Nuova Guinea: come all'Isola dei Famosi o al Grande Fratello, dal gioco delle nomination deve uscire un unico e incontrastato vincitore finale. 
La stereoscopia della tridimensionalità è coreografica ma non giustifica i 10,50 euro del prezzo del biglietto. 
Con qualche "effetto speciale" in più carpito dai vituperati e vituperabili cinepanettoni dei Vanzina o di Neri Parenti (qualche battuta volgarotta o la fugace esibizione di qualche corpo femminile discinto) il film Sanctum ne avrebbe guadagnato in ritmo e vivacità narrativa. 

Il Papa solidale


“Il Papa: una società più solidale avrebbe potuto salvare i quattro bimbi rom”.

Sì, ma vale anche per te.

Poi è tornato nella sua abitazione di 23.000 metri quadrati. (fonte)

12 feb 2011

Tumblr vs Facebook



Ormai un account su Facebook ce l'hanno tutti (quelli che usano assiduamente internet). Questo sito è così importante che ormai un quarto del traffico web italiano è rappresentato dal dominio facebook.com: 8,5 miliardi di pagine viste nell'ultimo mese di gennaio su un totale di 32,7 secondo Nielsen NetRatings. Non è solo una moda italica perché anche all'estero non scherzano con l'affetto verso faccialibro
Anch'io non faccio eccezione, anzi ne possiedo ben due di account. Però è ormai un anno che ho smesso di usarlo attivamente e mi limito ad accedervi una volta ogni tanto solo per testare il polso alla miseria umana di cui FB è la massima espressione.
La cosa di FB che più deve stupire è che ha sdoganato l'anonimato in rete, prima di esso l'internauta medio aveva paura anche a compilare il campo "comune di residenza" di un modulo di iscrizione on line per paura di essere intercettato o monitorato. Ora invece FB è il canale privilegiato di espressione dei peggiori difetti della specie umana: l'esibizionismo si mischia alla volontà di manifestare le proprie idee, come se in rete o fuori da essa non vi siano spazi più dignitosi di relazione sociale. Per l'utente (o utOnto) FB medio la sfera del privato acquisisce più valore intrinseco quando acquista visibilità in questa sede.
Il peccato originale di FB è l'incipit di ogni pagina personale: "A cosa stai pensando?"; visto che l'homo sapiens sapiens è pirla una domanda del genere non può che produrre la fiera della banalità.
Pur essendo iscritto in pratica a tutti i principali social network (Twitter, Friendfeed ecc.), il migliore a mio avviso è Tumblr dove le amicizie tra gli utenti non sono obbligatoriamente reciproche come su FB e dove non è possibile blaterare per dimostrare l'esistenza in vita e l'utilizzazione del servizio. 
Le due immagini sottostanti illustrano la diverse filosofie dei due servizi.


Facebook: non me ne frega una fava di cosa stai pensando. Se l'avessi voluto sapere te l'avrei chiesto.

Tumblr: se devi dire qualcosa fallo, altrimenti stattene zitto.

Io sono simpaticissimo



Ma una volta come venivano chiamate queste ragazze "facilmente estroverse"?


Rose dei miei tre Fantacalci(o)

Post di servizio per me medesimo.  


Chi tifare secondo un obnubilato istinto fantacalcistico, sommando le quote riferite ai singoli giocatori di ciascuna mia rosa (fonte Magic Cup - Gazzetta dello Sport)? Io non ho dubbi, aldilà della classifica per squadra. Un conto è il fantacalcio, un altro la fede per la Beneamata...

INTER
145
UDINESE
138
CHIEVO
84
PARMA
84
CAGLIARI
76
MILAN
71
JUVENTUS
57
FIORENTINA
50
SAMPDORIA
49
GENOA
41
ROMA
38
BOLOGNA
32
LECCE
29
CATANIA
28
PALERMO
26
CESENA
20
LAZIO
20
BARI
14
BRESCIA
7
NAPOLI
0

11 feb 2011

I due milionari


La politica italiana ha visto la discesa in campo, tra gli altri strani personaggi, di due ricchi imprenditori in crisi. Uno si chiama Silvio Berlusconi, l'altro Beppe Grillo. 
Del primo c'è poco da dire (ha plasmato alcuni meccanismi dello Stato a proprio vantaggio, secondo i detrattori), del secondo si è parlato invece poco; Grillo, ad un certo punto della carriera, si è reso conto che la sua parabola artistico-comica lo stava portando all'inesorabile declino e ha pensato di rilanciarsi buttandosi in politica. 
Ha fondato un movimento elettorale poggiato sulle argomentazioni più populiste e demagogiche che fosse credibile contorno della vendita dei suoi libri e i suoi Dvd (il blog beppegrillo.it è la vetrina dei prodotti di "denuncia sociale" del suo proprietario) trattando di tanto in tanto argomentazioni più concrete: il compito più difficile è e sarà tentare di convincere i potenziali elettori del suo Movimento 5 Stelle che i suoi interessi personali sono anche quelli della nazione. Di seguito alcuni esempi.



Malgrado questa lucida visione di Grillo, i rapimenti in Italia non sono aumentati.

Non gli piacciono i condoni, salvo quando li utilizza.

Una patrimoniale sulla casa non piace a chi ne possiede tante.

Beppe Grillo si è comprato casa in Svizzera solo per salvare il proprio blog; il sottoscritto invece - che è strano - ha comprato il dominio borgorosso.com senza acquistare appartamenti negli Stati Uniti d'America.