venerdì 25 novembre 2011

Il prezzo del silenzio


In arrivo una nuova organizzazione degli spazi e delle classi di viaggio sui treni Freccia Rossa; ci sarà anche un vagone in cui i telefonini non dovranno suonare in corrispondenza dell'Area di Silenzio. Trenitalia offrirà l'assenza di rompimento acustico di maroni come servizio aggiuntivo tariffato a parte. Bel posto di m. l'Italia dove, per non dover sentire le urla dei connazionali psicopatici dipendenti dal proprio telefonino, bisogna pagare in più. E dire che basterebbe introdurre una norma che consenta di prendere a schiaffi chi grida al telefono quando si trova in spazi pubblici o aperti al pubblico.



Per chi lavora c'è il livello Business: circa 160 posti distribuiti su tre carrozze, dalla 4 alla 2, con due salottini a quattro posti (business Plus). L'ambiente, rinnovato, è dotato di un'Area del Silenzio, dove i cellulari non possono trillare. Dunque una speciale attenzione al rumore, fonte di stress anche in treno, spesso per colpa della maleducazione. Il silenzio, dicono invece le Fs, è una risorsa importante, avverranno a basso volume. Il tutto a una tariffa compresa tra 81 e 116 euro. (repubblica)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.