giovedì 29 settembre 2011

Il lavoro è sacro


Chi l'ha detto che a Palermo (ad agosto) non nevica così abbondantemente che gli spalatori sono costretti ad un super-lavoro? Sicuramente ad affermare questo falso è qualche leghista volgare, razzista e pusillanime. 
Il fenomeno delle frequenti precipitazioni nevose è una delle due emergenze endemiche che colpisce il capoluogo siciliano: l'altra è l'annoso problema del conteggio dei tombini.

---------------------------------------------------------------------------
Art. 1
L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
--------------------------------------------------------------------------
Palermo paga i dipendenti 

per spalare neve a luglio

Il caso di un dipendente della provincia siciliana che, solo ad agosto, ha richiesto il pagamento di 200 ore di straordinario per lo spalamento di una neve che non c'è. Altre 215 ore gli erano state pagate nei mesi precedenti. Fino a quando qualcuno in Provincia ha bloccato i pagamenti (prosegue...


PALERMO - C'è un motivo, se la Sicilia spende otto volte di più della Lombardia per gli stipendi dei suoi 17 mila dipendenti, c'è un motivo se la Regione Siciliana ha il record italiano di dirigenti, funzionari, assistenti, consiglieri e consulenti: qui c'è tanto, tanto lavoro da fare. Per esempio, a luglio tocca spalare la neve. Sì, proprio a luglio, quando il termometro segna 19 gradi di minima (e 30 di massima), nell'isola del sole c'è la neve.



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.