giovedì 25 agosto 2011

Lupus et agnus 2011



Un lupo che aveva visto un agnello intento a bere presso un fiume volle divorarlo, accampando una motivazione che fosse plausibile. Perciò, nonostante si trovasse più a monte, prese ad accusare l’agnello dicendo che gli intorbidiva l’acqua, impedendogli di bere. Ma il lanuto rispose che stava bevendo a fior di labbra e che peraltro, trovandosi più a valle, non poteva sporcare l’acqua a lui. Il lupo, allora, visto fallire il pretesto addotto, disse: “Però l’anno scorso tu offendesti mio padre!”. E come l’agnello gli ebbe risposto che a quell’epoca non era ancora nato, gli fece il lupo: “Guarda che, pure se hai facili gli argomenti per scagionarti, non per questo rinuncerò a mangiarti!”. “Io non credo.” risposte l’agnello estraendo una mitragliatrice pesante col quale iniziò a crivellare il lupo. Finito il caricatore da 500 colpi si avvicinò al cadavere del lupo e lo spinse nel fiume esclamando “e vaffanculo!” La morale: i tempi son cambiati da quando scriveva le favole Esopo. (via)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.