venerdì 29 luglio 2011

L'abaco di Bocchino


Comprendo che la demagogia non debba o possa essere in sintonia con la matematica, ma il dott. Bocchino Italo lo sa a quanto ammonta ATTUALMENTE il numero dei parlamentari? Vuole dimezzare il numero dei deputati portandoli a quota 400: dato che adesso sono 630, ma la metà di 630 è 315, non 400. Stesso discorso per il Senato della Repubblica, laddove il numero degli eletti è 315.


Art. 56.
La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e diretto.
Il numero dei deputati è di seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero.
Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno delle elezioni hanno compiuto i venticinque anni di età.
La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall'ultimo censimento generale della popolazione, per seicentodiciotto e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.
Art. 57.
Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale, salvi i seggi assegnati alla circoscrizione Estero.
Il numero dei senatori elettivi è di trecentoquindici, sei dei quali eletti nella circoscrizione Estero.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sette; il Molise ne ha due, la Valle d'Aosta uno.
La ripartizione dei seggi tra le Regioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle Regioni, quale risulta dall'ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.




RIFORME: BOCCHINO LANCIA SFIDA, DIMEZZIAMO PARLAMENTARI IN SEI MESI

Dimezzare o quasi il numero dei parlamentari è possibile, modificando la Costituzione in pochi mesi con il consenso di tutti i gruppi che, a parole, si dicono d’accordo. Il vice presidente di Futuro e Libertà, Italo Bocchino, lancia la «sfida» alle forze politiche convinto che tra gennaio e febbraio «è possibile approvare definitivamente la modifica che riduce il numero dei deputati a 400, insieme ai dodici eletti nella circorscrizione esteri e 200 senatori, mantenendo i sei eletti all’estero.(fonte)



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.