martedì 14 giugno 2011

Tecnica Autogrill



Il modello dei bar della maggior parte delle aree di servizio di autostrade e tangenziali gestite da Autogrill è abbastanza noto. Facile accedervi, ma più complesso uscirne, poichè sussiste un proverbiale percorso obbligato per raggiungere l'uscita. Nulla di male, nessuno è obbligato per legge ad acquistare i prodotti tipici e le altre amenità esposte lungo il tragitto. 
E' un'altra la cosa che mi infastidisce: negli Autogrill, il cassiere di turno, quando paghi, tendenzialmente ti chiede se vuoi il biglietto di una lotteria, il bicchiere della Coca-Cola oppure se desideri bere il caffè (non avendolo ordinato prima). Sussistono altre insegne commerciali apparentemente neutre ma gestite dalla stessa Autogrill, che si riconoscono essere di proprietà della stessa casa-madre da queste domande profferite dagli operatori del front-desk: i ristoranti Ciao o Old Wild West si comportano infatti allo stesso modo. Comprendo che abbia una precisa valenza economica proporre un nuovo prodotto in fase di pagamento, ma non è "pericoloso" indispettire con questa regolarità il cliente di turno? Evidentemente no, altrimenti questa strategia verrebbe modificata. 



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.