martedì 7 giugno 2011

Acqua pubica


Nasce l'Autorità idrica pugliese, Palese: "Ennesimo carrozzone"


Il disegno di legge che istituisce l’Autorità idrica pugliese, è stato approvato dal Consiglio regionale. Ha votato a favore la maggioranza e l’Udc, contrari Pdl e Mep. Dopo le ultime sedute cariche di tensioni, finalmente, il provvedimento dell’assessore Fabiano Amati ha avuto il via libera. Il nuovo ente avrà le funzioni e i compiti svolti dall’ATO, del quale assorbirà  il personale, per la gestione del Servizio idrico in Puglia. Gli organi dell’Autorità, dotata di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale e contabile, saranno il Consiglio direttivo composto da 5 sindaci, il Direttore generale e il Collegio dei revisori dei conti, affiancati da un direttore amministrativo e da un direttore tecnico, tutti con un contratto di diritto privato.
Per Rocco Palese, capogruppo PDL,  “si tratta di un ennesimo carrozzone  che contribuirà ad alimentare la spesa fuori controllo. Il carrozzone vendoliano prevede oltre al Direttore Generale, anche un Direttore Tecnico e un Direttore Amminstrativo, per un totale di circa 900mila euro l’anno che i cittadini pagheranno di tasca propria; non c’è alcun limite alle assunzioni, né alle consulenze esterne e si prevede per Legge che il 20 per cento dei costi di funzionamento saranno a carico della tariffa idrica, quindi dei cittadini. Un Ente inutile e costoso. Altro che acqua pubblica qui siamo alla pubblica presa in giro dei cittadini”.
“Finalmente è stata approvata la legge grazie alla quale nasce in Puglia l’Autorità idrica, un organismo snello che permetterà ai sindaci, i più indicati a tutelare e rappresentare gli interessi dei cittadini, di monitorare la gestione del servizio idrico integrato e di mettere le tariffe dell’acqua al riparo da qualsiasi tentativo di speculazione”, precisa il capogruppo PD, Antonio Decaro, per il quale “la maggioranza ha dimostrato ancora una volta di essere compatta, soprattutto quando si tratta di rispondere ai temi che stanno più a cuore ai pugliesi, come quello dell’acqua bene comune”.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.