martedì 19 aprile 2011

I 5 referendum di Milano (12 giugno 2011)



Il prossimo 12 giugno i cittadini milanesi avranno la possibilità di votare per altri cinque referendum di ambito locale e di tipo consultivo, oltre ai quattro di carattere abrogativo a carattere nazionale. Di questi nove quesiti, almeno sette sono totalmente inutili o pleonastici.


I referendum che si terranno nel capoluogo lombardo sono stati promossi dal movimento di "Iniziativa popolare referendaria per la qualità dell'ambiente e la mobilità sostenibile a Milano". Più sotto è riportata una breve descrizione di ciascuno di essi seguita da un breve commento.


Per far supportare la solidità e la bontà delle proposte, cito i nomi di alcune personalità che vi hanno aderito (la lista completa è in questa pagina, si può notare l'interesse crescente presso la cittadinanza milanese per questi cinque quesiti dal biblico numero di persone che hanno voluto commentare); ci sono - tra gli altri - due futuri perdenti alle prossime elezioni per il nuovo sindaco di Milano (entrambi politici del centro-sinistra anche se i loro nominativi sono riportati in un'altra categoria), due brave giornaliste e qualche abile esponente del mondo della cultura e dello sport. 

Università e professioni
Stefano Boeri (Architetto progettista Expo – non aderisce al quesito sui Navigli),  Giuliano Pisapia (avvocato)
Giornalismo
Daria Bignardi (giornalista e conduttrice TV), Paola Maugeri (giornalista e conduttrice TV), 
Cultura e sport
Antonio Cornacchione (comico), Diego Parassole (comico), Debora Villa (comica Zelig), Claudio Batta (comico Zelig), Billy Costacurta (calciatore), Linus (Direttore artistico Radio DJ), Filippa Lagerbäck (showgirl e conduttrice televisiva)


1 Oggetto: Richiesta di referendum consultivo d’indirizzo per ridurre traffico e smog attraverso il potenziamento dei mezzi pubblici, l’estensione di “ecopass” e la pedonalizzazione del centro. (Si sono dimenticati di richiedere anche l'eliminazione di nebbia, neve e giorni di pioggia)
2 Oggetto: Richiesta di referendum consultivo d’indirizzo per raddoppiare gli alberi e il verde pubblico e ridurre il consumo di suolo. (Postulare il raddoppio degli alberi e il dimezzamento del numero degli edifici avrebbe reso il quesito ancora più incisivo) 
3 Oggetto: Richiesta di referendum consultivo d’indirizzo per conservare il futuro parco dell’area EXPO. (Questa istanza è masochista: invece che per soli sei mesi, vogliono mantenere il parco di cemento ad libitum) 
4 Oggetto: Richiesta di referendum consultivo d’indirizzo per il risparmio energetico e la riduzione della emissione di gas serra. (Tutto giusto, ma qual è stato l'impatto ambientale per produrre cinque referendum inutilmente consultivi?) 
5 Oggetto: Richiesta di referendum consultivo d’indirizzo per la riapertura del sistema dei Navigli milanesi(Già che c'erano potevano proporre di togliere l'asfalto dalle strade e di dotare ciascun milanese di un proprio cavallo con diritto-dovere di non defecare in giro, al fine di non produrre un poco ecologico olezzo)

3 commenti:

  1. non ne hai presa una. i due futuri perdenti intanto sono avanti al primo turno. datti all'ippica.

    RispondiElimina
  2. Due futuri perdenti alle prossime elezioni di sindaco di Milano, una bella mazza! GRANDE GIULIANO, grazie per aver liberato Milano!

    RispondiElimina
  3. CONTENTISSIMO di aver sbagliato il pronostico.

    RispondiElimina

I commenti NON vengono pubblicati subito.