giovedì 31 marzo 2011

W la diga


Nel dibattito pro o contro l'energia nucleare e nelle sperticate lodi delle fonti ecologiche e rinnovabili che è in atto nei tristi giorni che hanno seguito il terremoto/maremoto in Giappone, nessuno ha ancora parlato dei danni gravissimi imputabili alle centrali idroelettriche


Questo studio di Legambiente datato 2006 dal titolo "AMBIENTE VIOLATO E DIRITTI CALPESTATI" illustra alcuni danni collaterali generati dalla costruzione di dighe. 



Nontuttisannoche l'incidente ad una centrale per la produzione di energia elettrica che ha provocato direttamente o indirettamente più morti non è stato quello di Chernobyl bensì:

1975 in Cina  per  il crollo della  diga  di Banqiao nella  provincia  di Henan perirono 85.000 persone, uccise dall’onda di piena, e 145.000 di fame ed epidemie. 


http://risorse.legambiente.it/docs/dossier_dighe.0000000338.pdf

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.