mercoledì 30 marzo 2011

Il Fatto e B.



Tra i quotidiani generalisti a pagamento leggo prevalentemente "Il Fatto Quotidiano", oltre a "Gazzetta dello Sport" e "Corriere della Sera", quando l'edicola non è fornita del primo. 
Non ho potuto fare a meno di notare, per usare un eufemismo, che i contenuti del giornale diretto da Antonio Padellaro sono almeno per il 30% dedicati ad un'unica persona. 
Nella home page dell'edizione on line di oggi Silvio Berlusconi è citato almeno 12 volte in 12 contenuti editoriali differenti: capisco l'importanza del primo ministro nel panorama dell'informazione e del Paese, ma questa reiterazione prolungata sulle sue vicende mi sembra sia diventato un atteggiamento vagamente compulsivo.
Peraltro la dipendenza da S.B. è una caratteristica comune a molte pubblicazioni: Repubblica, l'Espresso, l'Unità ecc. Questa costante attenzione verso il Presidente del Consiglio da un lato è sintomo dell'assenza di alternativa politica al binomio PdL - Lega mentre dall'altro denota quasi un stato di ossessione.

1 (psicoan.) convinzione o comportamento irragionevoli, accompagnati da stati di pena e ansia, di cui il soggetto è consapevole ma che vive in modo ripetitivo e coatto
2 nell'uso corrente, pensiero fisso, preoccupazione assillante, incubo: l'ossessione della morte, della gelosia; avere l'ossessione degli esami | in concreto, persona o cosa che ossessiona, che assilla: questi rumori continui sono una vera ossessione;sei un'ossessione!, sei troppo molesto, assillante 




Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.